C’è però una tradizione ancora più antica e locale di Saturno, raccontata da Catone, nella quale è descritto come un dio-viticoltore sceso dai monti Sabini. She is known to us by many names and appears in all ancient traditions around the world: Isis, Inanna, Astarte, Ishtar, Kali, Demeter, Aphrodite, Virgin Mary, Ceres, and Cybele. La dea Tellus presiedeva a tutta la terra, dalle ricchezze agrarie a quelle minerarie ed ai defunti. Dalle descrizioni degli autori latini non è comunque facile riconoscere le malattie ed i parassiti che sappiamo infestare la vigna, allora come oggi. La dea Tellus presiedeva a tutta la terra, dalle ricchezze agrarie a quelle minerarie ed ai defunti. Il ricamo riprende il simbolo mariano e un sole dorato attorno al quale gravitano altri soli a sottolineare fertilità e abbondanza». La contrapposizione fra ragione e superstizione in agricoltura è antica. Elvio era il dio dei Sanniti che favoriva la raccolta della frutta e la vendemmia, … Fra le divinità greche assimilate ricordo anche Priapo, raffigurato con un enorme fallo, espressione della sessualità maschile, della fecondità e della fertilità della vegetazione. Quest'anno la Madonna della Fiumarola, patrona della Festa dè Noantri, sfilerà per le vie di Trastevere a Roma, vestita con un capo di haute couture realizzato dallo stilista Luigi Borbone. She is the source of all life. Altre pratiche, raccontate da diversi autori, sono invece veramente inspiegabili, tentativi ingenui o legati a superstizioni e a credenze magiche. Alcuni autori moderni hanno pensato di riconoscere in certe descrizioni le forme larvali della tignoletta (o tignole in generale) e gli acari, parassiti molto comuni nelle vigne. © 2020 Il MESSAGGERO - C.F. Nei territori soggiogati, le divinità locali rimasero come riferimento principale, come ad esempio la dea-madre Terra Feronia, protettrice dell’agricoltura presso i Volsci, Latini, Marsi, Umbri ed Etruschi. Libero è il figlio-vegetazione che ogni anno muore e ritorna. Oggi sappiamo che la fertilità dipende da un insieme di caratteristiche del suolo di natura chimica, fisica e biologica. Di norma presenziano i Sindaci dei Comuni limitrofi, autorità del "Parco Foreste Casentinesi M. Falterona e Campigna" e celebra la S. Messa il. Giano è un Dio locale molto antico. “De re rustica”, Lucio Giunio Moderato Columella (60-65 d.C.), tradotto da Giangirolamo Pagani, 1846 (preferisco le traduzioni dell’Ottocento perchè, avendo una viticoltura e tecniche di produzione del vino più simili a quelle antiche delle nostre, sanno spiegare meglio i concetti e trovare le parole giuste. Un’altra pratica magica, molto più esoterica, consisteva nell’impiantare tre corni di capra nella terra intorno alla pianta a cui erano avvolte le viti (qui descrivo il sistema di coltivazione romano tradizionale, la vite maritata all’albero), con la parte cava verso l’alto, di poco sporgenti dal terreno. I buoi che lavoravano la vigna erano dotati di museruole, perché non danneggiassero le viti e le altre piante. Il capo è velato da un manto in tulle di seta avorio ricamato soutache. A lui infatti erano dedicate le feste che precedevano la vendemmia. 'Gaia'. Fu poi assimilato in parte a Bacco. Il monoteismo infatti ha demonizzato le antiche divinità pagane ed i santi cristiani, in seguito ne hanno preso il posto. Se passiamo agli aspetti meno razionali, fra la gente comune delle campagne erano diffuse molte superstizioni e riti religiosi per incrementare la fertilità agricola. Allo stesso modo sono sopravvissute molte festività antiche legate al mondo agricolo, assorbite da festività cristiane o diventate fiere agricole tradizionali. A proposito del culto di una Madonna Nera, ha scritto: La terra era troppo dura per lavorarla, le olive cominciavano a risecchire sugli alberi assetati; ma la Madonna dal viso nero rimase impassibile, lontana dalla pietà, sorda alle preghiere, indifferente natura. Consigliavano di trivellare la corteccia e nel buco introdurre un rametto di quercia o una pietra, o chiodi. La prima domenica di agosto, ai piedi della Croce sostituita dallo Sci Club Stia a una preesistente ormai logora, dal 1975 si festeggia la Madonna della Neve con i valligiani del Casentino (AR), Valle del Bidente (FC), Mugello (FI). Ogni pianta sottrae nutrienti al terreno in cui cresce, in modo maggiore più la coltivazione è intensa. Non si capisce se parlano della stessa o più avversità, sicuramente di insetti o altri parassiti. Per diverse malattie, i Rustici Latini consigliavano l’uso di sostanze che si pensava avessero funzioni “disinfettanti”. Altro consiglio antico era di tagliare le viti inferme vicino a terra, coprirle con un po’ di terra e sterco e da qui ripartire. Secondo diversi studiosi potrebbe essere un’opera spuria, forse di un certo Gargilio Marziale (o chi per esso), che copiò ampie parti del noto autore ed introdusse passaggi di suo pugno, di tutt’altro tono rispetto al trattato originario. Loop on back for attaching to wall. Viticoltura e migrazione: fra insetti pestiferi e voglia di riscatto. La capra era considerata la nemica principale del vignaiolo. Grazie ad esse il suolo è in grado di fornire (o meno) gli elementi minerali che servono alle piante come nutrimento. Più tardi si aggiunse anche la storia della sua accoglienza del dio Saturno, che era stato spodestato da Giove. Santuari del Lazio. Catone raccomanda che si usi buon letame, fatto ben maturare, prodotto da pecore o cavalli. Lo conosciamo bene, per cui non mi dilungo. MUNERIBUS, TIBI PAMPINEO GRAVIDUS AUTUMNO Santuari del Lazio. Options :patinated (like in foto) or not. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 9 set 2020 alle 20:44. Sono arrivate in Europa solo nell’Ottocento, dall’America: la fillossera, l’oidio e la peronospora. Non mancavano però le malattie autoctone, che creavano comunque problemi. “Vieni qui, o padre Bacco*, qui c’è il pieno di tutti i tuoi doni, la vigna fruttuosa grazie a te è rigogliosa di pampini in autunno. Alla chiesa di Suni è concessa l'indulgenza plenaria con bolla della penitenzieria apostolica. She represents eternal wisdom, fertility, death, renewal, healing, astrology, agriculture, and protection. Tuttavia sono meno distruttive di quelle americane: colpiscono per lo più il grappolo e, salvo casi particolarmente nefasti, possono essere “sopportate” meglio dal vignaiolo (pur perdendo in qualità e produzione). La chiesa parrocchiale è dal 2010 associata "per particolare vincolo di affinità" alla Basilica Romana di Santa Maria Maggiore. Libero divenne poi la figura dominante, coll’appellativo di Pater, legato in modo particolare alla fecondità. Fortunatamente, i nostri avi romani (e per molti secoli a venire) si sono risparmiati le peggiori malattie della vigna, capaci di mettere veramente in ginocchio i viticoltori. Per disinfestare dai topi le vigne più vicine alle case, si consigliava di potare in una notte di luna piena. Per altri preparati si devono usare corna di vacca o vesciche di cervo, interrate in notti di luna piena, … Non sono neppure semplici da preparare: per fortuna che ormai si trovano comodamente in commercio, venduti da aziende pronte a soddisfare anche questi bisogni moderni di magia. Era vista come segno di favore da parte degli dei o, con la sua mancanza, di punizione. Lapedona | La storia della chiesa di S. Maria di Manù dalla quale prende il nome anche la stessa contrada in cui è collocata, si lega a quella che fu la vicenda del castello Barbolano di Altidona, zona molto ricca di storia e testimonianze antiche. La sedia della fertilità A Napoli è diffuso il cosiddetto culto della Sedia della fertilità o Sedia Santa o, ancora, Sedia della fecondità.Si tratta di una sedia presente nel piccolo museo dedicato a S.Maria Francesca, struttura situata nei vicoli dei Quartieri Spagnoli. Explore the British Museum collection and journey through two million years of human history. registrati o accedi per lasciare un commento, ATTENZIONE: In seguito alle indicazione del DPCM relative all'emergenza COVID la redazione di PitturiAmo è operativa in SmartWorking. Eppure, troppe persone la praticano (o ne parlano, aggiungo io) con leggerezza, solo con conoscenze superficiali. Annunziata – Olevano Romano, Santuario Sant’Agapito Martire – Palestrina, Santuario Madonna della Neve (Palombara Sabina), Santuario Santa Maria delle Grazie della Mentorella (Poli), Santuario S. Abbondio e Abbondanzio – Rignano Flaminio, Santuario Santa Maria ad Nives di Palazzolo (Rocca di Papa), Santuario Madonna del Tufo (Rocca di Papa), Santuario Madonna della Pietà (Rocca di Papa), Santuario Madonna della Neve (Rocca Priora), Santuario San Fortunato Martire – Roviano, Santuario S.Maria Nuova – San Gregorio da Sassola, Santuario Santa Maria di Compigliano – San Vito Romano, Santuario Nostra Signora di Fatima (San Vittorino), Santuario Santa Maria della Visitazione (Santa Marinella), Santuario Santa Maria della Portella – Subiaco, Monasteri Benedettini di Subiaco: Santa Scolastica e Sacro Speco (Subiaco), Santuario Madonna Santissima di Quintiliolo (Tivoli), Santuario Santa Maria della Sughera (Tolfa), Santuario Santissima Trinità (Vallepietra), Santuario Madonna del Gonfalone – Valmontone, Santuario Madonna delle Grazie – Velletri, Santuario della Cappella o di S.Giacomo – Vicovaro, Santuario Maria Santissima Avvocata Nostra – Vicovaro, Santuario di Santa Maria Illuminata – Vivaro Romano, Santuario S.Maria delle Grazie – Zagarolo, Santuario Maria Santissima del Buon Consiglio (Bagnoregio), Santuario del Santo Volto (Bassano Romano), Santuario Madonna della Pietà – Bassano Romano (Viterbo), Santuario di San Senzia – Blera (Viterbo), Santuario Basilica di Santa Cristina (Bolsena), Santuario Santa Maria del Giglio (Bolsena), Santuario Madonna delle Grazie (Capranica), Santuario Santa Maria Ad Rupes (Castel Sant’Elia), Basilica Santa Maria Duomo (Civita Castellana), Santuario dei Santi Gratiliano e Felicissima – Civita Castellana (Viterbo), Santuario Maria Salute degli Infermi di Castellonchio (Graffignano), Santuario Madonna del Suffragio (Grotte di Castro), Santuario Madonna del Giglio (Ischia di Castro), Santuario Maria Santissima della Vittoria (Montalto di Castro), Santuario di Santa Lucia Filippini (Montefiascone), Santuario Madonna delle Pellegrina (Montefiascone), Santuario Santa Maria delle Grazie (Montefiascone), Santuario dei Santi Tolomeo e Romano – Nepi (Viterbo), Santuario Santa Maria delle Grazie (Orte), Santuario di Sant’Eutizio di Ferento – Soriano nel Cimino (Viterbo), Santuario di San Felice – Sutri (Viterbo), Santuario di San Giovenale – Sutri (Viterbo), Santuario Maria Santissima del Castello (Tarquinia), Santuario Nostra Signora di Valverde (Tarquinia), Santuario Maria Santissima del Cerro – Tuscania (Viterbo), Santuario Maria Santissima della Salute (Valentano), Santuario Maria Santissima del Ruscello (Vallerano), Santuario S. Maria della Quercia (Viterbo), Santuario del Santissimo Crocifisso di Castro (Viterbo). Questa Madonna nera è come la terra; può far tutto, distruggere e fiorire; ma non conosce nessuno, e svolge le sue stagioni secondo una sua volontà incomprensibile. Ad esempio, si parla di viti che non emettono frutto, le foglie diventano bianche e si seccano. e P. IVA 05629251009, Chiara Ferragni è la Madonna del Presepe a Pontedera, bufera social. In agricoltura gli elementi nutritivi devono quindi essere reintegrati in qualche modo. Nella prefazione al suo De re rustica, già lamentava quanto l’agricoltura fosse sottovalutata. Signed front with artist's monogram,on back with full name. TINGUE NOVO MECUM DERPTIS CRURA COTHURNIS…, *Leneo è uno dei diversi appellativi di Bacco. Riporto solo quella che mi è sembrata una sorta di preghiera del vignaiolo, scritta da Virgilio all’inizio del secondo libro delle Georgiche: Dei della vigna e della fertilità agricola A Roma il 5 agosto nella patriarcale Basilica di Santa Maria Maggiore, il miracolo viene ricordato con una pioggia di petali di rosa bianca, cadenti dall'interno della cupola durante la solenne celebrazione liturgica. D’altra parte, posso capire che per molti non è facile difendersi, c’è troppa confusione di informazioni. Diversi autori citano “bestiole” che creano danni alla vite, che ne erodono i teneri tralci ed i frutti o che alterano le foglie. Direte: che male può fare? Molti, scrive, attribuiscono l’impoverimento dei suoli ed il declino dell’agricoltura al fato, alle avversità metereologiche o ad altro, mentre quello che manca, spesso, è solo la conoscenza. Si credeva che la pioggia, entrata nelle corna e poi passata nel suolo, avrebbe donato fertilità. Nelle campagne, fra i più semplici, le più amate e venerate erano spesso le figure divine locali, anche “minori”, ma che i contadini sentivano più vicine. Servio ne elenca alcuni: Deus Vitisator (il dio che presiede all’impianto delle vigne), Vervactor (alla fienagione), Reparator (alle riparazioni, sistemazioni dei corsi d’acqua e recinzioni, …), Obarator (all’aratura), Imporcitor (alla semina), Insitor (agli innesti), Occator (all’erpicatura), Sarritus (alla sarchiatura), Subruncinator (alla zappatura per diserbare), Messor (alla mietitura), Convector (al trasporto), Conditor (alla formazione di cumuli di fieno, grano o paglia), Promitor (al disfacimento dei covoni di fieno, paglia o cumuli di grano), ecc. Come già un altro utente ha scritto, nelle civiltà preebraiche la protettrice della fertilità e del parto era Iside. Il titolo è legato a quello della basilica di Santa Maria ad Nives sul colle Esquilino di Roma, ritenuta il più antico santuario mariano dell'Occidente, eretta da papa Sisto III sul sito dell'antica basilica liberiana e intitolata alla Vergine, che il recente concilio di Efeso aveva solennemente proclamato "Madre di Dio" (o Theotókos, in greco Θεοτόκος). Basilica santuario di Santa Maria della Neve, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Nostra_Signora_della_Neve&oldid=115432671, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Monte Falterona (AR-FC-FI). Anche questo ha un senso, considerando anche che allora le viti erano “franche di piede”, cioè non erano innesti come oggi (per via della fillossera: vedete qui). Sculptural relief representing the ancient Near East Sumerian / Akkadian / Babylonian /Assyrian /Hebrew Ashtoreth ,Goddess Ishtar / Inanna / Astarte with her lion. & Chiffons. A Roma la viticultura era principalmente tutelata da Giove, che aveva stretti legami con la natura e, in particolare, con la vigna. Suni (OR): alla Beata Vergine della neve sono dedicati diversi giorni di festa solenne. Un altro mito lo descrive come il fondatore di uno dei villaggi da cui nacque Roma, posto sul colle Gianicolo. Noi sappiamo che non serve per combattere le malattie. Eppure gli omaggi non le mancano: ma sono assai più simili all’omaggio dovuto alla Potenza, che a quello offerto alla Carità. Stiamo già assistendo a ripercussioni che, se si continua in questa direzione, diventeranno sempre più importanti, con effetti sulle politiche agricole, le regolamentazioni del comparto, gli indirizzi della ricerca scientifica, ecc. Vengono descritte delle viti malate, con le foglie che diventano rosse (il mal dell’esca?). Si pressa bene e si chiude il foro con un frammento di osso e creta. (Virgilio, Georgiche, II). Forse veniva consigliata perché si osservava un certo effetto benefico, semplicemente come forma di concimazione. 5 1/4 x 5 1/4 x 1 inch. Un altro mito racconta che sia stato Saturno a donare il vino al Re Giano. Il culto, come si è detto, ebbe grande diffusione: oggi in Italia si contano 152 edifici sacri fra chiese, santuari, basiliche minori ecc. La speciale creazione della maison Luigi Borbone è il risultato di 3.000 ore di lavoro delle sarte dell'atelier, che hanno tutte voluto contribuire alla realizzazione dell'abito, e della collaborazione del Ricamificio romano M.A. Pensiamo a quelle pratiche o prodotti usati in agricoltura che sono vietati o viceversa osannati per motivi di “pancia” o di mito, più che di reale sperimentazione. Madonna della fertilità. Fu poi assimilato in parte a Bacco. Quelle moderne spesso incappano in errori dovuti alla non conoscenza delle tecniche di viticoltura romane). A lui si deve la domesticazione delle piante utili, l’insegnamento dell’arte degli innesti, della coltivazione della vite e dell’apicoltura. di Martina Marini. Libero divenne poi la figura dominante, coll’appellativo di Pater, legato in modo particolare alla fecondità. Secondo Columella, la concimazione deve essere “frequente, tempestiva e modica”. I festeggiamenti vengono generalmente fatti coincidere con la memoria della dedicazione della basilica di Santa Maria Maggiore, che già il martirologio geronimiano pone al 5 agosto; in tale giorno viene anche celebrato il ricordo del leggendario miracolo della nevicata che avrebbe ispirato a papa Liberio la fondazione dell'edificio sacro. Inoltre, ogni singola attività agricola, in modo incredibilmente specifico, aveva il suo nume tutelare. Troppi esperti o pseudo-tali ne parlano con superficialità. Un culto legato alla terra è quello della triade Cerere, Libero e Libera. Questa tradizione non è confermata da alcun documento; la chiesa fu detta Liberiana, mentre dal popolo fu chiamata anche ad Nives (della Neve).[1]. Catone parla di piccoli bruchi. La Madonna apprezzò il loro desiderio e apparve in sogno ai coniugi la notte fra il 4 e il 5 agosto, indicando con un miracolo il luogo dove sarebbe sorta la chiesa. Contro malattie e sfortuna bruciavano o seppellivano in vigna molte cose: corni, pesci, gamberi, piante varie, sterco di capra o di bue. Carlo Levi, confinato in Basilicata dal regime fascista, rimase affascinato dalla scoperta della permanenza di culti arcaici agresti e lo raccontò nella sua opera “Cristo si è fermato ad Eboli” (1945). Il pontefice tracciò il perimetro della nuova chiesa seguendo la superficie del terreno innevato e fece costruire l'edificio sacro a spese dei nobili coniugi. Veniva sempre rappresentato con in mano una falce, il simbolo del vignaiolo. Quest’ultimo è uno dei prodotti fitosanitari più antichi. del Rifugio dei Peccatori – Norma, Santuario Madonna di Mezzagosto – Priverno, Santuario S. Maria della Sorresca – Sabaudia, Santuario di Santa Maria degli Angeli (San Felice Circeo), Santuario Santa Maria della Delibera (Terracina), Santuario Santa Maria delle Grazie O Icona Passatora (Amatrice), Santuario Madonna delle Grotte (Antrodoco), Santuario Santa Maria del Monte (Borbona), Santuario Santa Anatolia – Castel di Tora, Santuario Santa Maria di Capodacqua (Cittareale), Santuario S.Maria dell’Arci – Fara in Sabina, Santuario S.Maria di Farfa – Farfa in Sabina, Santuario Francescano del Presepio (Greccio), Santuario di San Giuseppe da Leonessa (Leonessa), Santuario Santa Maria di Uliano (Magliano Sabina), Santuario S. Vittoria – Monteleone Sabino, Santuario S.Michele al Monte Tancia – Monte S.Giovanni in Sabina, Santuario S.Getulio – Montopoli di Sabina, Santuario Santa Maria Apparì – Petrella Salto, Santuario Santa Filippa Mareri – Petrella Salto, Santuario di San Giacomo Apostolo – Poggio Bustone (Poggio Bustone), Santuario SS.Crocifisso Miracoloso (Rieti), Santuario Santa Maria della Foresta (Rieti), Santuario Santa Maria delle Grazie (Scandriglia), Santuario Santa Maria di Vescovio (Torri In Sabina), Altare di San Luigi Gonzaga in Sant’Ignazio, Basilica di San Giovanni in Laterano (Roma), Basilica di San Paolo Fuori le Mura (Roma), Basilica di San Pietro in Vaticano (Roma), Basilica di Santa Maria ad Martyres o Pantheon (Roma), Basilica di San Lorenzo fuori le mura (Roma), Basilica Patriarcale di Santa Maria Maggiore (Roma), Basilica Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio (Roma), Basilica di Sant’Agostino in Campo Marzio (Roma), Basilica di Santa Croce in Gerusalemme (Roma), Basilica dei Santi Ambrogio e Carlo al Corso (Roma), Basilica di Santa Balbina all’Aventino (Roma), Basilica di Santa Cecilia in Trastevere (Roma), Basilica di Sant’Agnese fuori le mura (Roma), Basilica di Santo Stefano Rotondo al Celio (Roma), Basilica di San Marco Evangelista al Campidoglio (Roma), Basilica dei Santi Quattro Coronati (Roma), Basilica dei Santi Giovanni e Paolo (Roma), Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio (Roma), Basilica di Sant’Ippolito all’Isola Sacra (Roma), Basilica di San Bartolomeo all’Isola (Roma), Cappella del Crocifisso in San Marcello al Corso (Roma), Cappella del Sacro Cuore nella Chiesa del Gesù (Roma), Cappella di Sant’Ignazio nella Chiesa del Gesù (Roma), Cappella dell’Apparizione in Sant’Andrea delle Fratte (Roma), Chiesa di Santa Susanna alle Terme di Diocleziano (Roma), Chiesa del Santissimo Nome di Maria al Foro Traiano (Roma), Chiesa di Sant’ Angelo in Pescheria (Roma), Chiese del Sacro Cuore del Suffragio (Roma), Chiesa di Santa Maria della Consolazione (Roma), Chiesa di Santa Passera – Cappella Santi Ciro e Giovanni (Roma), Chiesa dei Santi Quaranta Martiri e San Pasquale Baylon, Chiesa del Sacro Cuore Immacolato di Maria (Roma), Chiesa di Santa Maria in Portico in Campitelli (Roma), Chiesa di Santa Maria in Via o Madonna del Pozzo (Roma), Chiesa di Santa Maria della Quercia (Roma), Chiesa di San Lorenzo in Panisperna (Roma), Chiesa di Santa Maria della Vittoria (Roma), Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini (Roma), Chiesa della Santissima Annunziata (Roma), Chiesa di Santa Maria in Monticelli (Roma), Chiesa di Santa Maria Immacolata Concezione (Roma), Chiesa di San Giovanni a Porta Latina (Roma), Chiesa di San Benedetto in Piscinula (Roma), Mater Admirabilis in Chiesa della Trinità dei Monti (Roma), Mater Misericordiae in chiesa di San Niccolò dei Prefetti (Roma), Sacrestia Vaticana – Santa Maria della Febbre (Roma), Oratorio di San Pietro in Carcere  (Roma), Santuario Madonna del Divino Amore (Roma), Santuario Madonna del Perpetuo Soccorso (Roma), Santuario S.Maria delle Grazie al Trionfale, Santa Maria delle Grazie a Porta Angelica, Santuario Santa Maria Regina dei Cuori (Roma), Santuario Maria Santissima del Rosario (Roma), Santuario Nostra Signora del Sacro Cuore (Roma), Santuario Santa Maria Regina Apostolorum (Roma), Santuario Santa Maria dei Miracoli (Roma), Santuario Santa Maria delle Piante (Roma), Santuario Santa Maria delle Fornaci (Roma), Santuario Santa Maria di Loreto dei Fornari (Roma), Santuario Santa Maria di Montesanto (Roma), Santuario Santa Maria in Ara Coeli (Roma), Santuario Santa Maria in Campitelli (Roma), Santuario Santa Maria in Campo Marzio (Roma), Santuario Santa Maria in Traspontina (Roma), Santuario Santa Maria in Trastevere (Roma), Santuario Santa Maria in Vallicella (Roma), Santuario Santa Maria Nova – Santa Francesca Romana – (Roma), Santuario Santa Maria Sopra Minerva (Roma), Santuario Vergine della Rivelazione (Roma), Santuario Maria Regina degli Apostoli (Roma), Statua Madonna del Parto in Basilica di Sant’Agostino in Campo Marzio (Roma), Santuario San Gaspare del Bufalo (Albano Laziale), Santuario S.Maria della Stella – Albano Laziale, Santuario S.Maria della Rotonda – Albano Laziale, Santuario Madonna delle Grazie (Allumiere), Santuario S.Maria delle Grazie – Anguillara Sabazia, Santuario S.Teresa del Bambin Gesù – Anzio, Santuario Santa Maria di Galloro (Ariccia), Santuario Santa Maria delle Letizie (Artena), Santuario S.Maria delle Grazie – Camerata Nuova, Santuario S. Alessandro ad Baccanas – Campagnano di Roma, Santuario Santa Maria del Sorbo (campagnano), Santuario S.Maria della Mentorella – Capranica Predestina, Santuario Santa Maria del popolo (Carpineto Romano), Santuario Nostra Signora di Ceri – Cerveteri, Madonna di Civitavecchia – Madonna del Pianto (Civitavecchia), Santuario Maria Santissima della Stella (Civitavecchia), Santuario Madonna di Capocroce – Frascati, Santuario Madonna delle Scuole Pie (Frascati), Santuario Santa Maria in Vivario (Frascati), Santuario Madonna delle Grazie – Gavignano, Santuario Madre del Buon Consiglio (Genazzano), Santuario S.Maria della Cima – Genzano di Roma, Santuario Santa Maria di Grottaferrata (Grottaferrata), Santuario Madonna della Quercia – Marano Equo, Santuario S.Maria delle Grazie – Marcellina, Santuario Vergine del Castagno (Montecompatri), Santuario Madonna del Soccorso – Montelanico, Santuario Madonna del Diluvio (Monterotondo), Santuario Santa Maria Goretti e Santa Maria delle Grazie (Nettuno), Santuario Vergine della SS.
2020 traduttore italiano latino antico