1642; 24; Flash mob contro Fiano sotto l'obelisco del Duce . D’Alessandro punta l'indice contro l'amministrazione comunale della lista di centrodestra di Villa Santa Maria del sindaco Pino Finamore e chiede che Salvini intervenga prima possibile per rimuovere la scritta. Chieti, riappare la scritta Dux sulla montagna di Emanuele Marino data: 29 Luglio 2019 Villa Santa Maria, Chieti, l’amministrazione comunale riporta alla luce un’incisione che si … riconoscere i caratteri pieni a causa del totale abbandono cui è stata Con la scusa di creare percorsi “educativi e formativi”, l’amministrazione ha riesumato una vecchia scritta inneggiante al duce fascista. Il fascismo non è un’opinione, è un crimine. Riappare la scritta “Dux” sulla montagna, ed è subito polemica “Non ho nessuna intenzione di ricoprirla, quella scritta è sempre stata là. Il deputato abruzzese del Partito democratico, Camillo D'Alessandro, ha accusato l'amministrazione locale di aver riesumato la scritta e ha chiesto al ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che venga immediatamente rimossa. 3 anni fa . CHIETI. E come tale va trattato” “Salvini intervenga per rimuovere uno dei simboli fascisti, inneggianti a Benito Mussolini, quale scelta consapevole di un Paese democratico che non ammette il riemergere di simboli appartenenti ad un passato che non hanno nulla di storico, né meritano di essere rievocati, da giustificare la scelta dell'amministrazione comunale di Villa Santa Maria”. «Io - sottolinea il sindaco - non ho nessuna intenzione di ricoprirla, è sempre stata là, noi siamo cresciuti con quella scritta che non inneggia a niente, è una scritta che c'era, e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo. "Abbiamo un progetto di valorizzazione turistica per realizzare 52 vie di risalita per arrampicata su quella parete: dovevano essere ripuliti i cespugli, i rami ed è stata ripulita anche la scritta". Per inviarci segnalazioni, foto e video puoi contattarci su: Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011. Bianca Elisi. La nostra volontà è la sicurezza dei cittadini e cercare di utilizzare questa parete con una programmazione turistica per far venire rocciatori, il mio interesse è portare gente a Villa Santa Maria, devo cercare di far vivere un paese che è nelle zone interne e dal mio punto di vista è svantaggiato». abbiamo mai pensato che essa potesse contenere subdoli messaggi politici, o più agitati, non sanno che la pineta da più di trent’anni non riceve alcuna I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. Se l’onorevole D’Alessandro fa l’interrogazione va bene, perché comunque fa parlare di questo percorso turistico che io sono intenzionato a realizzare: è un mio vecchio pallino e andrà avanti fino al 2023, fino a quando sarò sindaco”, conclude Finamore. Il fascismo non è un’opinione, è un crimine. Ora, eccola di nuovo: la scritta "Dux" di chiara matrice fascista, di origine del Ventennio (1940), che è tornata ad affacciarsi sulla parete rocciosa che si affaccia su Villa Santa Maria dopo che il sindaco ha mandato un arrampicatore a scalfirla e/o ritoccarla in qualche modo in modo che potesse essere vista. Con la scusa di creare percorsi “educativi e formativi”, l’amministrazione ha riesumato una vecchia scritta inneggiante al duce fascista. Tre semplici lettere che “dominano” Roma dal 1939. L’Abruzzo durante la Resistenza ha combattuto con tutte le sue forze il fascismo, le sue violenze, le sue devastazioni e i suoi crimini, infatti proprio nella provincia di Chieti nacque la “BRIGATA MAIELLA”, formazione partigiana che contribuì alla liberazione di tutta l’Italia dall’infamia nazifascista. Con la scusa di creare percorsi “educativi e formativi”, l’amministrazione ha riesumato una vecchia scritta inneggiante al duce fascista. Ne siamo sempre stati fieri e sinceramente non capiamo E D'Alessandro svela anche come secondo lui quella scritta sia stata riportata in auge: "L'amministrazione comunale con una convenzione sottoscritta ha affidato ad una società sportiva la realizzazione di percorsi di scalata sulla roccia. Pare che l'arrampicatore abbia avuto l'incarico di ripulirla e che lui abbia utilizzato della varechina per togliere il muschio. Scorrendo questa pagina e continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il deputato  pd D'Alessandro chiede al ministro Salvini che venga subito rimossa e accusa l'amministrazione comunale: "Un marchio infame vicino al Sacrario della Brigata Maiella" . Riappare la scritta “Dux” sulla montagna, ed è subito polemica, Messi sulla vittoria contro il Perù:è stato necessario per noi dopo un pareggio con Il Paraguay, Gnabry Pro 0:6 Dalla Spagna: sono terribilmente arrabbiato e sconvolto. Insomma, chi vuole cancellare la storia rimane semplicemente un imbecille. lasciata. E come tale va trattato. A fine Anni ’90 era stata coperta dalla polvere dei lavori di messa in sicurezza del costone, costati 3 miliardi e mezzo di lire, ma le piogge acide l’avevano già in parte ripulita. Ove non espressamente indicato, tutti i diritti di sfruttamento ed utilizzazione economica del materiale fotografico presente sul sito Sul dorso brullo della montagna leggiamo la scritta "NEVER", in stampatello. Se l’onorevole D’Alessandro fa l’interrogazione va bene, perché comunque fa parlare di questo percorso turistico che io sono intenzionato a realizzare: è un mio vecchio pallino e andrà avanti fino al 2023, fino a quando sarò sindaco”. IL SINDACO TIENE DURO. È inaccettabile, deposito un’interrogazione per chiedere al ministro Matteo Salvini che venga rimossa”, afferma D’Alessandro. ammirarla da lontano. Villa Santa Maria, Chieti, l’amministrazione comunale riporta alla luce un’incisione che si trovava nel costone roccioso sovrastante. Francesco Curridori. Ma ha scatenato subito le polemiche. Ci sono stati problemi con la lingua dei segni e la comunicazione, Luis Enrique Pro 6:0 con la Germania: sfortunatamente, queste serate sono rare. La scritta è sempre stata per Antrodoco un’attrazione, e noi antrodocani non E ancora: "Non ho nessuna intenzione di ricoprirla, quella scritta è sempre stata là. E così oggi è nuovamente leggibile quel vergognoso Dux che giustamente il tempo aveva cancellato. Il mio interesse è portare gente a Villa Santa Maria, devo cercare di far vivere un paese che è nelle zone interne e dal mio punto di vista è svantaggiato". Un'incisione sulla montagna rocciosa sovrastante la località di Villa Santa Maria, in provincia di Chieti, e risalente agli anni Quaranta è ricomparsa. E' la scritta Dux, che risale al 1943. Una spiegazione che non ha convinto tutti. È vergognosa la risposta del sindaco: siamo al limite dell’apologia di fascismo”. E’ veramente vergognoso e inaccettabile che un'amministrazione pubblica decida di riesumare scritte che inneggiano al fascismo e ai crimini commessi da quel regime totalitario,anche usufruendo di finanziamenti pubblici, addittura giustificandosi per un fine turistico tale scelta. La nostra volontà è la sicurezza dei cittadini e cercare di utilizzare questa parete per far venire rocciatori. A fine Anni ’90 era stata coperta dalla polvere dei lavori di messa in sicurezza del costone, costati 3 miliardi e mezzo di lire, ma le piogge acide l’avevano già in parte ripulita. Il mio interesse è portare gente a Villa Santa Maria, devo cercare di far vivere un paese che è nelle zone interne e dal mio punto di vista è svantaggiato". La scritta ha avuto un effetto dirompente ed è al centro di un'interrogazione del deputato abruzzese Camillo D'Alessandro (Pd) al ministro dell'Interno Matteo Salvini (Lega). Riappare la scritta “Dux” sulla montagna, ed è subito polemica Un'incisione sulla montagna rocciosa sovrastante la località di Villa Santa Maria, in provincia di Chieti, e risalente agli anni Quaranta è … 3 anni fa . A fine anni '90 era sta coperta dalla polvere dei lavori di messa in sicurezza del costone, costati 3 miliardi e mezzo di lire, ma le piogge acide l'avevano già in parte ripulita. I Progressisti e Verdi, i l’amministrazione comunale riporta alla luce un’incisione che si trovava nel costone roccioso sovrastante. La discussione sulla scritta DUX giunse addirittura in Parlamento, dove A nulla possono essere assunte a giustificazioni che quel marchio infame impresso sulla roccia, appartenga alla storia e come tale vada tutelato. Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento. La scritta "Dvx" copre una superficie di circa otto ettari e fu realizzata quasi 80 anni fa sul monte Giano per omaggiare il Duce. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale. "È inaccettabile", aggiunge, "il fascismo non è un’opinione, è un crimine. “Quella incisione è sempre stata lì. È vergognosa la risposta del sindaco: siamo al limite dell’apologia di fascismo”. Siamo cresciuti con quell’incisione, non inneggia a niente, è una scritta che c’era già e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo”: così il sindaco di Villa Santa Maria ha commentato la ricomparsa della scritta “Dux” sulla montagna. Verso la fine degli anni Novanta era stata coperta dalla polvere dei lavori di messa in sicurezza del costone, un'opera da oltre 3 miliardi e mezzo di lire, ma "le piogge acide l'avevano già in parte ripulita", spiega il sindaco di Villa Santa Maria, Giuseppe Finamore. “Con la scusa di creare percorsi ‘educativi e formativi’ il Comune ha riesumato una vecchia scritta inneggiante al duce. È inaccettabile. Chieti, sul costone della montagna riappare la scritta Dux: è polemica | La proposta: cambiare in Pax - A denunciare per primo su Facebook l'accaduto di Villa … Nel comune di Villa Santa Maria (CH) è riapparsa una scritta che inneggia al duce, scolpita nel costone di una montagna che si affaccia sul paese.. Il sindaco e l’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto dei finanziamenti pubblici di oltre 50.000 euro per risistemare quel tratto di montagna… Tre semplici lettere che “dominano” Roma dal 1939. Watch Queue Queue Non è normale perdere così tanto, Ferran Torres circa 6:0 con la Germania e la tripletta: non posso esprimere quanto sono felice. Uomo di Piltdown: la truffa scientifica passata alla storia, Scuola Militare Nunziatella: 233 anni di storia, Torna ‘Divergenti’, il festival italiano del cinema trans, OMS: il nuovo piano per combattere il tumore alla cervice, Fondatore di Emergency doveva occuparsi del Covid in Calabria, Legge Zan, aspettata da molti, criticata da altri, La Campania diventa zona rossa: Napoli gremita, Nel 2020 sì alle piccole cene di Natale; economia in calo. La nostra volontà è la sicurezza dei cittadini e cercare di utilizzare questa parete con una programmazione turistica per fare venire rocciatori; il mio interesse è portare gente a Villa Santa Maria, devo cercare di far vivere un paese che è nelle zone interne e dal mio punto di vista è svantaggiato. Io non ho nessuna intenzione di ricoprirla, è sempre stata là, noi siamo cresciuti con quella scritta che non inneggia a niente, è una scritta che c’era, e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo. Il deputato abruzzese del Partito democratico, Camillo D'Alessandro, ha accusato l'amministrazione locale di aver riesumato la scritta e ha chiesto al ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che venga immediatamente rimossa. Una pineta di grazie alla neve e al cielo tersol la scritta dux appare nitidamente accanto alle montagne vicino al paese di antrodoco. E così oggi è nuovamente leggibile quel vergognoso “DUX” che giustamente il tempo aveva cancellato. Questo sito utilizza i cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. È inaccettabile. © 2014-2020 XXI Secolo Tutti i diritti sono riservati. D'Alessandro ha scritto su Facebook: "È incredibile quello che è successo a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. E così oggi è nuovamente leggibile quel vergognoso “DUX” che giustamente il tempo aveva cancellato. ANTRODOCO. Non che l’abbia formato il Duce, per carità, a quello c’ha pensato la natura. Siamo cresciuti con quell'incisione, non inneggia a niente, è una scritta che c'era già e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo. Infatti, la scritta in questione riporta la parola "Dux": un omaggio dell'epoca al dittatore Benito Mussolini, ricomparso nell'ambito dell'intervento per i percorsi di arrampicata. che addirittura riuscisse a stimolare rinascite di chissà che cosa. Pertanto chiedamo l’immediata cancellazione di quella scritta infamante e ingloriosa per tutto l’Abruzzo, e di promuovere iniziative culturali contro ogni forma di fascismo, rendendo onore alla resistenza partigiana abruzzese. E ancora: "Non ho nessuna intenzione di ricoprirla, quella scritta è sempre stata là. D'Alessandro ha scritto su Facebook: "È incredibile quello che è successo a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. E la Il fascismo non è un’opinione, è un crimine. Il fascismo è un crimine e va trattato come tale”. Subito accesa polemica politica perché trattasi della scritta, Il primo a denunciare l’accaduto, tramite Facebook, è stato il. Deposito subito un’interrogazione parlamentare per chiedere al ministro Matteo Salvini che venga rimossa quella vergognosa scritta. Il primo a denunciare l’accaduto, tramite Facebook, è stato il deputato del Pd Camillo D’Alessandro. “È incredibile quello che è successo, con la scusa di creare percorsi “educativi e formativi”, l’amministrazione ha riesumato una vecchia scritta inneggiante al duce fascista. “Quella incisione è sempre stata lì. Io non ho nessuna intenzione di ricoprirla, è sempre stata là, noi siamo cresciuti con quella scritta che non inneggia a niente, è una scritta che c’era, e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo. Siamo di fronte alla montagna Shpirag, nell'Albania meridionale, vicino all'antica città di Berat. Ma sulla cima della montagna campeggia da decenni ormai la scritta DVX, composta da 20mila abeti. È inaccettabile. Fanpage.it sono da intendersi di proprietà dei fornitori, LaPresse e Getty Images. Scoppia il caso, Interrogazione del deputato abruzzese D'Alessandro (Pd) al ministro Salvini, Il 26 e il 27 luglio gli appuntamenti di 'Atessa in Jazz', Alice Ricciardi e la band di Lorenzo Tucci con special guest Karima di scena in via Trento e Trieste, “Cie vo' li solde”, dalla Filca Cisl lo slogan/appello per il futuro della provincia di Chieti, Una t-shirt per richiamare l'attenzione delle istituzioni a costruire un progetto strategico di sviluppo del territorio, 'Frantoi aperti', appuntamento l'olio buono d'Abruzzo, Scritta che inneggia al duce, Potere al Popolo: "Vergognosa e inaccettabile", Fondi per l'agricoltura a rischio? furono presentate due interrogazioni. patrimonio storico che anzi si doveva proteggere da tempo. Sicuramente Monte Giano deve la sua fama alla scritta DUX, realizzata nel Deposito subito un’interrogazione parlamentare per chiedere al ministro Matteo Salvini che venga rimossa quella vergognosa scritta. dubbio un richiamo storico per Antrodoco e non solo. © 2013-2020 - È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuto e grafica. E così - spiega il deputato in un post su Facebook - oggi è nuovamente leggibile quel vergognoso “Dux” che giustamente il tempo aveva cancellato”. Subito accesa polemica politica perché trattasi della scritta Dux, risalente al 1943. "Con la scusa di creare percorsi 'educativi e formativi', - ha scritto, - il Comune ha riesumato una vecchia scritta inneggiante al duce. Il sindaco ripulisce ripulisce la scritta 'Dux' sulla montagna . E così oggi è nuovamente leggibile quel vergognoso “DUX” che giustamente il tempo aveva cancellato. Verso la fine degli anni Novanta era stata coperta dalla polvere dei lavori di messa in sicurezza del costone, un'opera da oltre 3 miliardi e mezzo di lire, ma "le piogge acide l'avevano già in parte ripulita", spiega il sindaco di Villa Santa Maria, Giuseppe Finamore. La scritta c’era e basta. per quale motivo un gruppo di consiglieri regionali (Comunisti Italiani e d’incendio, per le sterpaglie che sono cresciute spontaneamente sul terreno. Una spiegazione che non ha convinto tutti. La scritta Dux ricomparsa sulla parete rocciosa di Villa Santa Maria, Realizzata nel Ventennio, è stata ripulita con la varechina  in modo che potesse tornare ad essere vista. Noi abbiamo un progetto di valorizzazione turistica per realizzare 52 vie di risalita per arrampicata su quella parete: dovevano essere ripuliti i cespugli, i rami ed è stata ripulita anche la scritta. «Quell'incisione è sempre stata lì. E come tale va trattato!". (30 gennaio 2004) Ma il sindaco: "E' un'attrazione turistica, da lì non la faccio cancellare". Quando si scopre tutto, La Spagna ha battuto la Germania 6:0 - il più brutale fallimento dei tedeschi nella storia. "Tempo perso da recuperare per salvare le imprese", Coldiretti Abruzzo sollecita la Regione per evitare la perdita di 30 milioni di euro relativi al Programma di Sviluppo Rurale, Industria 4.0: iscrizioni aperte ai nuovi corsi ITS Sistema Meccanica, L'Istituto si conferma partner privilegiato della Sevel, la più grande realtà produttiva dell’Abruzzo, Presentata l'intera gamma del 'Model Year 2020' con numerose novità. L’amministrazione comunale, sotto la guida del sindaco Giuseppe Finamore sta portando avanti dal 2015, con fondi comunali e una spesa complessiva di 50mila euro, la realizzazione di percorsi di arrampicata. Ma il deputato abruzzese del Pd, Camillo D’Alessandro, ha replicato: “Deposito un’interrogazione affinché venga rimossa. Non solo: in paese è iniziata una raccolta di firme affinché sia tolta. Il deputato fa inoltre notare la vicinanza di Villa Santa Maria alla Vallata del Sangro, a al sacrario della Brigata Maiella che contribuì, proprio da quei luoghi, a liberare prima l'Abruzzo e poi il Paese muovendo fino a Bologna. Un'incisione sulla montagna rocciosa sovrastante la località di Villa Santa Maria, in provincia di Chieti, e risalente agli anni Quaranta è ricomparsa. ... la montagna, in una zona non troppo distante dalla sommità. www.repubblica.it. La nostra volontà è la sicurezza dei cittadini e cercare di utilizzare questa parete con una programmazione turistica per fare venire rocciatori; il mio interesse è portare gente a Villa Santa Maria, devo cercare di far vivere un paese che è nelle zone interne e dal mio punto di vista è svantaggiato. elettorale sia ormai abbastanza maturo per non farsi “infinocchiare” da una E che una legge regionale del 1998 salvò dalla deforestazione – CONTINUA A LEGGERE SU IL GIORNALE D’Alessandro ha però presentato un’interrogazione al ministro Salvini chiedendo una mobilitazione al fine di intervenire per rimuovere quello che è considerato “uno dei simboli fascisti inneggianti a Benito Mussolini, quale scelta consapevole di un Paese democratico che non ammette il riemergere di simboli appartenenti a un passato che non hanno nulla di storico, né meritano di essere rievocati, da giustificare la scelta dell’amministrazione comunale. This video is unavailable. Siamo cresciuti con quell'incisione, non inneggia a niente, è una scritta che c'era già e se serve da attrattiva per far venire gente nel mio paese va benissimo. E questo è il giorno in cui Neuer è diventato ufficialmente il portiere principale del paese, https://www.fanpage.it/attualita/riappare-la-scritta-dux-sulla-montagna-ed-e-subito-polemica/. 135.000,00 euro per la manutenzione della pineta. ’39 dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale. Li ha portati in un cancello, Morata Pro 6:0 con la Germania: sarà necessario ottenere un video e vedere quanto grande abbiamo giocato, Neuer sulla sconfitta della Germania: ci mancava la comunicazione sul campo. E come tale va trattato!". Infatti, la scritta in questione riporta la parola "Dux": un omaggio dell'epoca al dittatore Benito Mussolini, ricomparso nell'ambito dell'intervento per i percorsi di arrampicata. scritta che farà sempre parte della nostra storia. LA SCRITTA DUX SUL MONTE GIANO AD ANTRODOCO. Penso che il corpo E che una legge regionale del 1998 salvò dalla deforestazione. La nostra volontà è la sicurezza dei cittadini e cercare di utilizzare questa parete per far venire rocciatori. Noi abbiamo un progetto di valorizzazione turistica per realizzare 52 vie di risalita per arrampicata su quella parete: dovevano essere ripuliti i cespugli, i rami ed è stata ripulita anche la scritta. Tanto premesso, chiedo di sapere se il ministro intenda intervenire per rimuovere uno dei simboli fascisti, inneggianti a Benito Mussolini, quale scelta consapevole di un Paese democratico che ieri, come oggi, non ammette il riemergere di simboli appartenenti ad un passato che non hanno nulla di storico, né meritano di essere rievocati, da giustificare la scelta dell'amministrazione comunale di Villa Santa Maria". Spesso abbiamo portato amici o parenti lontani, ad Così all'Ansa il sindaco di Villa Santa Maria, Giuseppe Finamore, replica sulla scritta Dux. Rimani sempre aggiornato sulle notizie di, Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. tratto da  Nel comune di Villa Santa Maria (CH) è riapparsa una scritta che inneggia al duce, scolpita nel costone di una montagna che si affaccia sul paese. Watch Queue Queue. Vaccini anti-Covid: ecco i candidati più efficaci finora, Galli: "Contagi calano, o chiudere tutto", Cammina nella stradina di montagna: all'improvviso spuntano due tigri davanti a lui, La lettera di Martina, 16 anni: "Il Covid non ci deve ammutolire, combatterlo è la priorità", Cagliari, due operai travolti dal crollo di un balcone: uno è morto e l'altro è ferito, Bologna, viaggio nell'ospedale convertito Covid: "Abbiamo cambiato tutto in cinque giorni", Omicidio Isabella Noventa: oggi sentenza di Cassazione per i fratelli Sorgato e la Cacco, Ascolta una conversazione hot tra la sua ex moglie e il nuovo partner: si suicida in piscina, Crisanti: "Inaccettabile riaprire tutto a Natale, ricominceremmo dall'inizio", Torino, maestra d'asilo licenziata dopo i video hard: "Diffusi dall'ex nella chat del calcetto", Torino, 6 chilometri contromano in tangenziale: alla guida 73enne affetto da Alzheimer, L'Abruzzo da oggi è una zona rossa, via libera Fda a primo test Usa fai-da-te, Speranza: "A breve anche anticorpi monoclonali", Pre-accordo Moderna e Ue: 160 milioni dosi, Lockdown aumenta rischio demenza negli anziani, Piemonte e Lombardia spingono per diventare arancioni, Crisanti: "Inaccettabile riaprire tutto a Natale", Perché l'indice Rt è diventato inaffidabile, Brusaferro: “Indicatori, serve arco di tempo maggiore”, Speranze da farmaci a RNA: come funzionano, 2021, epidemie di morbillo per colpa del Covid, Un anno di Covid, come l'emergenza ci ha cambiato, Svezia, vietati assembramenti con più di 8 persone, Incremento di casi, la situazione italiana, Virus circolerebbe in Italia dall'estate 2019, Tragedia all'asilo, bimba di 2 anni muore soffocata da un pezzo di salsiccia, Medico sfida i negazionisti covid e si presenta in ospedale con scritta choc sulla tuta, Bologna, bimba di tre anni attraversa la strada e viene investita da un'auto: è grave, Palermo, mamma accoltella la figlia di 8 anni, Calabria, il neo-commissario alla Sanità Gaudio è indagato per i concorsi truccati all'università, L'oroscopo di oggi 18 novembre: determinatissimi Capricorno e Vergine, Covid, zone rosse inevitabili: la casa brucia, non si può solo sperare nella pioggia, Non piangete per Joseph, il bimbo morto in mare, se siete quelli che “prima gli italiani”. Nella stessa convenzione si legge che il comune si propone di sviluppare pratica sportiva ad alto valore educativo e formativo Tuttavia l'intento era evidentemente un altro far tornare alla luce quella scritta "Dux" che rappresenta una vergognosa testimonianza di un passato combattuto e vinto proprio in quei territori. manutenzione, e che attualmente rappresenta un vero e proprio pericolo "Abbiamo un progetto di valorizzazione turistica per realizzare 52 vie di risalita per arrampicata su quella parete: dovevano essere ripuliti i cespugli, i rami ed è stata ripulita anche la scritta". Ma sulla cima della montagna campeggia da decenni ormai la scritta DVX, composta da 20mila abeti. Sono d’accordo con la Pubblica Amministrazione che vuole spingere Prontamente giunge però la risposta del sindaco  che sottolinea come essa sia “un’attrattiva per il paese”. LA SCRITTA DUX SUL MONTE GIANO AD Il fascismo non è un’opinione, è un crimine. A denunciare per primo l'accaduto via Facebook il deputato Pd Camillo D'Alessandro. E' riemersa dal tempo, all'improvviso, dopo che il tempo e la natura l'avevano coperta al punto da non essere più visibile. Verdi) circa tre anni fa, si siano scaldati su un eventuale recupero di un “uno dei simboli fascisti inneggianti a Benito Mussolini, quale scelta consapevole di un Paese democratico che non ammette il riemergere di simboli appartenenti a un passato che non hanno nulla di storico, né meritano di essere rievocati, da giustificare la scelta dell’amministrazione comunale. Il Ducato è prodotto nella stabilimento Sevel di Atessa, Nuovo Ducato MY2020 al debutto: prodotto alla Sevel di Atessa, L’evoluzione del best seller di Fiat Professional, Nuovo look per le cassette postali dei piccoli comuni della provincia di Chieti, L’intervento è parte del programma dei “dieci impegni” di Poste Italiane per i centri con meno di 5.000 abitanti, Manifestazione della Legalità e della Pace in ricordo delle Vittime di mafie e terrorismo, Il 29 maggio l'appuntamento a Sant'Eusanio del Sangro. Sicuramente Monte Giano deve la sua fama alla scritta DUX, realizzata nel ’39 dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale. Ma ha scatenato subito le polemiche. “Non ho nessuna intenzione di ricoprirla, quella scritta è sempre stata là. E come tale va trattato. E’ ben visibile da Roma, anche se ultimamente solo un occhio esperto può Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo -, Ciclovia del Sangro, in bici dalla montagna al mare, Percorso di oltre 80 chilometri dalle aree interne al litorale, congiungendosi con la Via Verde della Costa dei Trabocchi, Riappare la scritta 'Dux' sulla roccia a Villa Santa Maria. Tutto questo a causa di una delibera regionale che ha stanziato circa Il Centro SpA, Largo Filomena Delli Castelli 10 - 65128 Pescara (PE) - P.IVA 02170590687. Noi abbiamo un progetto di valorizzazione turistica per realizzare 52 vie di risalita per arrampicata su quella parete: dovevano essere ripuliti i cespugli, i rami ed è stata ripulita anche la scritta». Non che l’abbia formato il Duce, per carità, a quello c’ha pensato la natura. CHIETI. E' riemersa dal tempo, all'improvviso, dopo che il tempo e la natura l'avevano coperta al punto da non essere più visibile. Il sindaco e l’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto dei finanziamenti pubblici di oltre 50.000 euro per risistemare quel tratto di montagna, decide di rimetterla visibile a tutti. 1666. l’intervento al recupero della scritta, in quanto rappresenta senza alcun circa otto ettari, nata per omaggiare lui, il Mascellone. Una pineta di circa otto ettari, nata per omaggiare lui, il Mascellone. Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II.
2020 scritta duce montagna