Di confessione protestante, era iscritto alla Facoltà di filosofia dell'Università Carlo IV di Praga, assistette con interesse alla stagione riformista del suo paese, chiamata Primavera di Praga. Il 16 gennaio del ’69 Jan Palach si dette fuoco in Piazza Venceslao davanti ai carri armati sovietici che avevano invaso la Cecoslovacchia. Il 4 aprile, in occasione del venerdì santo, fu la volta di Evžen Plocek, operaio trentanovenne[2]. 9, Jan Palach Praga 1968. Stalin, biografia del rivoluzionario e segretario del PCUS, Biografia di Antonio Gramsci: vita e morte di uno dei fondatori del PCI, Il proclama Alexander e le conseguenze per i partigiani, La notte dei cristalli del 1938: cause e conseguenze, La biografia di Federico II di Prussia: vita e riforme di Federico il Grande, I Medici. Responsabile editoriale e tecnico di Fatti per la Storia, cura i rapporti con i media. Insieme al santo a cavallo ci sono i quattro patroni della Repubblica Ceca (Ludmilla e Procopio davanti, Adalberto e Agnese dietro). Dopo gli eventi successivi alla seconda guerra mondiale, la Cecoslovacchia fu sottoposta al controllo dell’URSS. Il 25 febbraio si autoimmolò Jan Zajíc, studente di diciannove anni. Vi parteciparono circa seicentomila persone, arrivate da tutto il paese. Sul braccio sinistro della croce si leggono i nomi di Jan Palach e Jan Zajíc con le rispettive date di nascita e morte. Una Torcia nella notte edizioni Ferrogallico pag. Per ammirarne la maestosità si può raggiungere il Museo Nazionale, alla sua sommità, e da lì  – dove è stata collocata la statua equestre di San Venceslao –  guardare il lungo viale. A soccorrerlo fu un tranviere che spense le fiamme con un cappotto. La fiamma è quella che, la sera del 16 gennaio 1969, trasformò in una torcia umana il corpo di un giovane studente di filosofia praghese, il ventenne Jan Palach. Corso Vittorio Emanuele II, 167 - 10139 Torino C.F./P.IVA: 11091560018 - N. REA: To 1187150 - PEC: best_srl@legalmail.it Per comunicati stampa, lettere, fotografie, opinioni: redazioneweb@iltorinese.it Il monumento, realizzato dall’artista Barbora Veselá e dagli architetti Čestmír Houska e Jiří Veselý, è stato realizzato in forma orizzontale. Ha conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali (indirizzo storico-politico-sociale) presso l'Università degli studi di Roma Tre, con tesi di laurea in Storia e istituzioni degli Stati Uniti d'America dal titolo: “Le strategie comunicative dei presidenti americani in prospettiva storica: Kennedy, Reagan e Obama”. Poiché ho avuto l’onore di estrarre il numero 1, è mio diritto scrivere la prima lettera ed essere la prima torcia umana. Centinaia di candele, copie della sua lettera e lumini ardono ai piedi della statua e nella piazza davanti al museo, nel punto in cui si è dato fuoco Palach. Morì tre giorni dopo. Se le nostre richieste non saranno esaudite entro cinque giorni, il 21 gennaio 1969, e se il nostro popolo non darà un sostegno sufficiente a quelle richieste, con uno sciopero generale e illimitato, una nuova torcia s'infiammerà». Anche il teologo cattolico Zverina lo difese, affermando che "un suicida in certi casi non scende all'Inferno" e che "non sempre Dio è dispiaciuto quando un uomo si toglie il suo bene supremo, la vita"[8]. Il nostro gruppo è costituito da volontari, pronti a bruciarsi per la nostra causa. Tra le dichiarazioni trovate nei suoi quaderni, emerge questa considerazione: “Poiché i nostri popoli sono sull’orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la coscienza del popolo. Praga 1969. Una manifestazione simile ebbe luogo anche il giorno successivo al funerale di Jan Palach. Jan Palach (IPA: [jan ˈpalax]) (Praga, 11 agosto 1948 – Praga, 19 gennaio 1969) è stato un patriota cecoslovacco divenuto simbolo della resistenza anti-sovietica del suo Paese. Se le nostre richieste non saranno esaudite entro cinque giorni, il 21 gennaio 1969, e se il nostro popolo non darà un sostegno sufficiente a quelle richieste, con uno sciopero generale e illimitato, una nuova torcia s’infiammerà”. Il trinomio vincente di Ubroker, Luce e gas, ora c’è anche il PalaUbroker”. Nel giro di pochi mesi, però, quest'esperienza fu repressa militarmente dalle truppe dell'Unione Sovietica e degli altri paesi che aderivano al Patto di Varsavia . Leggiamolo:”Poiché i nostri popoli sono sull’orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la coscienza del popolo. Ascesa e potere di una grande dinastia, Maometto: biografia e storia della nascita dell’Islam, Età Giolittiana. Noi esigiamo l’abolizione della censura e la proibizione di Zpravy. Il funerale di Jan Palach (che venne poi sepolto nel cimitero di Olšany) fu programmato per domenica 25 gennaio 1969. I resti di Palach vengono riesumati, cremati e le ceneri consegnate alla madre, solo nel 1974 viene concessa l’autorizzazione alla sepoltura nel cimitero di Všetaty con le sole iniziali J.P. Resterà lì fino al 25 ottobre 1990 quando ormai caduto il muro di Berlino si svolgerà la solenne cerimonia di trasferimento delle ceneri al cimitero di Olšany[6], Palach decise di non bruciare i suoi appunti e i suoi articoli (che rappresentavano i suoi pensieri e i suoi ideali), che tenne in un sacco a tracolla molto distante dalle fiamme. In risposta al provvedimento adottato dai sovietici, si verificò in Cecoslovacchia una forte ondata di emigrazione verso i paesi dell’Europa occidentale, mentre le proteste non violente furono all’ordine del giorno: il 16 gennaio del 1969, il ventunenne studente di filosofia, Jan Palach, per protestare contro l’occupazione, si diede fuoco  in piazza San Venceslao, divenendo il simbolo della resistenza non violenta della popolazione cecoslovacca. Jaroslava Moserová, medico chirurgo plastico che lo operò, disse: “sapeva che stava per morire, e voleva che la gente capisse il motivo del suo gesto: scuotere le coscienze e mettere fine alla loro arrendevolezza verso un regime insopportabile“. Il nostro gruppo è costituito da volontari, pronti a bruciarsi per la nostra causa. [5] Nel 1918 fu da qui che partirono le rivolte antiasburgichea favore dell’indipendenza nazionale, dichiarata il 28 ottobre di quell’anno. Più che una piazza vera e propria è un largo viale lungo 750 metri nel cuore di Nové Město, la città nuova. Una torcia nella notte pag. Sullo zoccolo si possono leggere delle parole che i cechi hanno sempre invocato nei momenti di difficoltà: “Non lasciarci perire, noi e i nostri discendenti”. Nei giorni seguenti, in quello stesso luogo, si tenne lo sciopero della fame a sostegno delle rivendicazioni espresse da Palach e fu esposta la sua maschera funebre. Questo clima portò a drammatiche conseguenze: almeno altri sette studenti, tra cui l'amico Jan Zajíc, seguirono il suo esempio e si tolsero la vita, nel silenzio degli organi d'informazione, controllati dalle forze d'invasione. Sul suo quaderno scrisse quello che può essere definito, a tutti gli effetti, il suo testamento politico. La piazza è conosciuta perché divenuta luogo di memoria il 16 gennaio 1969, quando vi si diede fuoco Jan Palach, studente universitario di filosofia, in segno di protesta contro l'invasione dei carri armati sovietici il 21 agosto 1968, tesa a mettere fine a quel movimento politico riformista noto con il nome di Primavera di Praga. Josef Zverina, teologo cattolico cecoslovacco, autore della famosa, A cinquant’anni dalla morte, arriva in libreria il primo fumetto italiano su Jan Palach, Jan Palach, torcia umana in difesa della libertà, Documentazione su Palach e sull'epoca dal 1969 all'89, Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk, Document sheds new light on Jan Palach's suicide forty years on, Czech Radio, January 12, 2009, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Jan_Palach&oldid=116656915, Voci biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Jan Palach è, secondo alcuni, il protagonista (indicato con il solo nome di Jan) della tragedia in versi, In un frammento di testo di una canzone dei, La vita e il sacrificio di Jan Palach sono i protagonisti del. Si trova a pochi metri dalla fontana davanti all’edificio del Museo Nazionale, dove Jan si cosparse di benzina e si dette fuoco. L’organizzazione fu curata dall’Unione degli studenti di Boemia e Moravia. Nel tardo pomeriggio del 16 gennaio 1969 il giovane si recò in piazza San Venceslao, al centro di Praga, e si fermò ai piedi della scalinata del Museo Nazionale. Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. 19 gennaio 1969, dopo tre giorni di agonia muore lo studente ceco di filosofia Jan Palach, simbolo della Primavera di Praga.Tre giorni prima della sua morte, Palach si dà fuoco nella piazza San Venceslao … Jan Palach morì dopo tre giorni di agonia, il 19 gennaio 1969 alle ore 15,30, in ospedale in seguito alle complicazioni dovute alle ustioni riportate. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti del Lazio. Il giovane decise di non bruciare i suoi appunti (espressione dei suoi ideali), che tenne in una sacca a tracolla lontana dalle fiamme. Il paese, membro del Patto di Varsavia, subì nei primi anni sessanta una fase di profonda recessione economica. Si è occupato della realizzazione del sito. IL TORINESE quotidiano online di Informazione, Società, Cultura Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino n.15/2014 Iscritta al ROC - Direttore responsabile Cristiano Bussola B.E.S.T. Una torcia nella notte.edizioni Ferrogallico, Umberto Maiorca nella postfazione. Questa piazza, i piccoli Champs-Élysées, rappresenta il simbolo dell’identità praghese e ceca da quando, nel 1848, durante i moti rivoluzionari, venne chiamata così. Poiché ho avuto l’onore di estrarre il numero 1, è mio diritto scrivere la prima lettera ed essere la prima torcia umana. Da … Piazza di San Venceslao, Jan Palach e la “primavera di Praga” Pubblicato il 15 Gennaio 2019 in Dall Italia e dal Mondo da redazione il torinese Piazza di San Venceslao o meglio la Vaclavské , … Di confessione protestante, era iscritto alla Facoltà di filosofia dell'Università Carlo IV di Praga, assistette con interesse alla stagione riformista del suo paese, chiamata Primavera di Praga. Il 5 novembre successivo il dissidente ucraino Vasyl Makuch si diede fuoco in una strada del centro di Kiev contestando la repressione sovietica nel suo Paese e in Cecoslovacchia[2]. Se il caso dei monaci buddisti attirò l'attenzione mondiale, esistono esempi più vicini nel tempo al gesto dei dissidenti céchi che potrebbero averli ispirati: l'8 settembre 1968 Ryszard Siwiec, un impiegato polacco di 59 anni, si cosparse di benzina e s'immolò nello Stadio di Varsavia per protesta contro l'intervento dell'esercito polacco al fianco dei sovietici in Cecoslovacchia. Le autorità però non consentiranno la sepoltura nel cimitero degli eroi nazionali, inoltre il 22 ottobre 1973 le autorità riescono a spostare la salma dal luogo di sepoltura che dal giorno della tumulazione era divenuta un luogo di pellegrinaggi, con il sepolcro invaso di fiori, biglietti, poesie e foto. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Piazza di San Venceslao o meglio la Vaclavské , come la chiamano i praghesi,  è un luogo alquanto anomalo. Si cosparse il corpo di benzina e si appiccò il fuoco con un accendino. Il monumento in sua memoria ( e di Jan Zajíc ) è poco visibile. Il 20 gennaio si diede fuoco Josef Hlavaty, operaio ventiseienne, morendo cinque giorni dopo. Quel giorno, in una Praga plumbea,  scrisse  Enzo Bettiza sul Corriere della Sera .. “il suono delle sirene a mezzogiorno e il rintocco delle campane trasformano l’intera città in un «paesaggio pietrificato,dove tutti rimangono fermi e silenziosi per cinque minuti”. SCOPRI L’ACCADDE OGGI DEL GIORNO. Il riferimento è al giornale delle forze d'occupazione sovietiche. Fatti per la Storia è il portale per gli appassionati di Storia. A differenza di Che … Noi esigiamo l’abolizione della censura e la proibizione di Zparvy (il giornale delle forze d’occupazione sovietiche). Grazie! [3], «Poiché i nostri popoli sono sull'orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la coscienza del popolo. In tutta la città garriscono le bandiere nere. Tutti i diritti riservati | Progetto Grafico Increasily.com | Consulta la Privacy Policy, LUCE E GAS, UBROKER  / Con l’Associazione ‘EVW’ insieme per trasferire ai, Visto il perdurare dell’emergenza sanitaria fino al 31 gennaio 2021, quest’anno le, BOLLETTE AZZERATE: UNO, NESSUNO CENTOMILA PER UBROKER La multiutilities company torinese attiva, Al via anche per la stagione fredda ormai alle porte le attività, Intitolato a Bassano del Grappa all’azienda italiana nata a Torino che azzera, Con il vento tornano gli incendi in montagna, Potevano morire in tanti. Ma polizia e vigli del fuoco evitano la tragedia, Ci vollero vent’anni per riconquistare pienamente indipendenza e libertà, Re Umberto I, il conservatore che abolì la pena di morte, Dolci piemontesi. Dopo il crollo del comunismo e la caduta del Muro di Berlino, la sua figura fu rivalutata: nel 1990 il presidente Václav Havel gli dedicò una lapide per commemorare il suo sacrificio in nome della libertà, posta in piazza San Venceslao, a Praga. Sapori e colori di una terra magica, “Fa quel che può, quel che non può non fa”, Investire sugli e-sports per formare aggregazione digitale, Festa delle Forze Armate in forma ridotta, Luce, gas e formazione. Video-lezione di storia contemporanea. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Nel 1989 gli venne intitolata la piazza nel centro di Praga fino ad allora dedicata all'Armata Rossa. Entrambi , e prima di loro, gli insorti di Budapest nel 1956, furono i primi caduti per la nuova Europa. 19 gennaio 1969, dopo tre giorni di agonia muore lo studente ceco di filosofia Jan Palach, simbolo della Primavera di Praga. Se le nostre richieste non saranno esaudite entro cinque giorni, il 21 gennaio 1969, e se il nostro popolo non darà un sostegno sufficiente a quelle richieste, con uno sciopero generale e illimitato, una nuova torcia s’infiammerà“.Il gesto di Jan Palach non rimase isolato: almeno altri sette studenti, tra cui il suo amico Jan Zajíc ( la “torcia numero due”),seguirono il suo esempio. Le riforme di Dubcek non furono assecondate dai sovietici che inviarono soldati e carri armati del Patto di Varsavia ad occupare il paese. È certo però che, grazie a questo gesto estremo, Palach venne considerato dagli antisovietici come un eroe e martire; in città e paesi di molte nazioni furono intitolate strade con il suo nome. Il modello comunista di industrializzazione fu applicato in modo inefficace e provocò malcontento generalizzato verso il regime. Un picchetto d’onore staziona sotto la statua di San Venceslao, i giovani si danno il cambio nel reggere un drappo nero e la bandiera cecoslovacca. © 2020 Fatti per la Storia - Il sito fatto di Storia da raccontare. Il suo sacrificio fu un gesto di libertà, un grido contro tutte le tirannie. Tre giorni prima della sua morte, Palach si dà fuoco nella piazza San Venceslao di Praga, come segno di protesta contro l’invasione sovietica del suo paese, avvenuta nell’agosto del 1968. Ma poi la piazza fermò la sua vita e breve ebbe un grido la folla smarrita, quando la fiamma violenta ed atroce, spezzò gridando ogni suono di voce”. Alla mente ritorna una delle più belle canzoni di Francesco Guccini: “Di antichi fasti la piazza vestita, grigia guardava la nuova sua vita: come ogni giorno la notte arrivava, frasi consuete sui muri di Praga. Ai medici Palach disse d'aver preso a modello i monaci buddhisti del Vietnam,[4] tra i quali il caso di Thích Quảng Đức (11 giugno 1963). In silenzio, proprio  come racconta la già citata canzone di Guccini (“dimmi chi era che il corpo portava,la città intera che lo accompagnava:la città intera che muta lanciava una speranza nel cielo di Praga”). Jan Palach. Il 26 gennaio 1969 attorno alle 17 alcune centinaia di persone si riunirono vicino alla statua di San Venceslao. "Zpravy" vuol dire "Notiziario". 78, Jan Palach Praga 1969. Al suo funerale, tenutosi il 25 gennaio, parteciparono 600 000 persone, provenienti da tutto il Paese. Il feretro viene esposto nel cortile dell’Università Carolina. Non si è mai saputo se davvero ci fosse un'organizzazione come quella descritta da Palach nella sua lettera[4]. Dal lastricato del marciapiede emergono due bassi tumuli circolari collegati da una croce di bronzo (che simboleggia allo stesso tempo un corpo come una torcia umana). “…la città intera che muta lanciava una speranza nel cielo di Praga”. Morì tre giorni dopo. La fase riformista durò sino ad agosto quando, dopo una riunione tra il partito comunista sovietico e i corrispettivi del blocco orientale, si decise l’invasione del paese e la repressione del dissenso. Spunti, approfondimenti e video-lezioni su personaggi storici ed eventi che hanno segnato le varie epoche del passato (antica, medievale, moderna e contemporanea). Noi esigiamo l'abolizione della censura e la proibizione di Zpravy[7]. Tra le dichiarazioni trovate nei suoi quaderni, spicca questa, copie della quale furono anche inviate da Palach a Ladislav Zizka, suo compagno di studi, Lubomír Holeček, leader studentesco della Facoltà di lettere e Filosofia e all’Unione degli scrittori cechi. S.r.l. Palach riposa presso l'Olsanske hrbitovy di Praga. Molte associazioni studentesche, anche di sinistra, lo ricordano come una persona morta in nome dei suoi ideali, e non sono pochi i circoli di giovani dedicati a Jan Palach. Poiché ho avuto l'onore di estrarre il numero 1, è mio diritto scrivere la prima lettera ed essere la prima torcia umana. La posizione della croce indica la direzione in cui Jan Palach cadde a terra. Nel giro di pochi mesi, però, quest'esperienza fu repressa militarmente dalle truppe dell'Unione Sovietica e degli altri paesi che aderivano al Patto di Varsavia[1]. Il nostro gruppo è costituito da volontari, pronti a bruciarsi per la nostra causa. In questo punto, un tempo, c’era la Porta dei Cavalli, che alla fine dell’Ottocento venne abbattuta per far spazio al monumentale museo. Erano cinque e Palach fu il primo[2]. Palach e alcuni suoi amici decisero di manifestare il loro dissenso attraverso una scelta estrema: immolare le proprie vite suicidandosi. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 15 nov 2020 alle 13:13. Morirà dopo tre giorni di agonia. Nel gennaio del 1968 il leader riformista del partito comunista polacco, Alexander Dubcek, diede inizio alla cosiddetta Primavera di Praga (termine coniato dai media occidentali): una fase di rinnovamento interno che grazie ad un decentramento parziale dell’economia e alla democratizzazione portò gradualmente all’allentamento di una serie di misure repressive tipiche dei paesi dell’Europa dell’Est. E fu lì che, nell’agosto del 1968 i praghesi  protestarono contro l’invasione dei carri armati sovietici venuti a stroncare la Primavera di Praga, l’esperimento di “socialismo dal volto umano” (in pratica una vera e propria liberalizzazione e democratizzazione della vita politica) portata avanti dai dirigenti comunisti di quel paese guidati da Alexander Dubček. Ci vollero vent’anni per riconquistare pienamente indipendenza e libertà, fino al novembre del 1989, quando s’avvio la “rivoluzione di velluto” che in breve rovesciò il regime cecoslovacco e filosovietico di  Gustáv Husák ed elesse presidente della Repubblica lo scrittore e drammaturgo Václav Havel, mentre  Dubček fu acclamato, riabilitato ed eletto presidente del Parlamento. [3]
2020 piazza san venceslao jan palach