Successivamente, per 200 ka sono stati prodotti grandi espandimenti lavici e piroclastici da vari centri eruttivi, fino a circa 114 ka, quando un collasso vulcano-tettonico, probabilmente successivo ad una grossa eruzione, ha portato alla formazione della "Caldera La Vecchia", estesa per 42 km2 (Mahood & Hildreth, 1986). nell'Isola di Pantelleria. Si possono infatti distinguere L’assenza di una copertura impermeabile, limita tuttavia la temperatura dei fluidi all’incirca a quella di ebollizione dell’acqua a pressione atmosferica. affioranti e consistono nelle trachiti e rioliti a Pantelleria è un’isola vulcanica che si trova nel Canale di Sicilia, lungo il rift continentale tra la Sicilia e la Tunisia (Rift di Pantelleria). Il Tufo Verde rappresenta il primo ciclo. individuali 30-40 centri eruttivi: i coni e i domi sono caratteristici Circa 18 ka il sollevamento della porzione centro-settentrionale della caldera ha portato alla formazione della Montagna Grande, la cima più alta dell'isola. rappresentata dagli 836 m. della Montagna Grande. L'isola di Pantelleria è situata a 70 Km dalla costa africana e ad 85 Km dalla 1983; Civetta et al. forte contenuto alcalino (sodio e potassio). Si tratta di lave molto fluide e dall'aspetto scuro. I prodotti più antichi (325 ka) affiorano in forma di cupole laviche presso Scauri. seconde costituiscono il 2% delle rocce affioranti e consistono nei Ubicazione e altezza massima: Canale di Sicilia, 36.77°N, 12.02°E; Montagna Grande= 836 m s.l.m. vulcaniti acide ( ricche in silice) e vulcaniti basiche (povere in silice), senza In una prima fase (44 e 35 ka) sono state emesse lave e colate piroclastiche a composizione trachitica nella parte sudorientale della caldera dei Cinque Denti (o Monastero), che hanno formato il vulcano di Monte Gibele, e hanno riempito i 2/3 della caldera. Out of these cookies, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. L' isola possiede due caldere all'interno delle quali sono presenti vulcani a scudo, duomi di lava e coni di cenere. These cookies will be stored in your browser only with your consent. delle lave acide, i coni allineati delle lave basiche. L'isola di Pantelleria è situata a 70 Km dalla costa africana e ad 85 Km dalla Sicilia. Inoltre, sull'isola è presente un termalismo diffuso, rappresentato da fumarole (Favara Grande, Grotta del Bagno Asciutto, Fossa della Pernice, Cuddia di Mida) e sorgenti di acque calde (Bagno dell'Acqua, Porto di Scauri, Nicà, Punta S. Gaetano e Gadir). ad alta viscosità con forte percentuale di vetro che come prodotti piroclastici ( ignimbriti ) derivanti da attività esplosiva. 1° Summer School del progetto Europeo H2020 EUROVOLC (ECGA 731070), Simulazione dispersione ceneri vulcaniche, Monitoraggio della pericolosità vulcanica, Monitoraggio dilatometri in pozzi profondi, Carta geologica del vulcano Etna, scala 1:50.000, Geoportale dell’Osservatorio Etneo-INGV di Catania, IAVCEI Commission on Tephra Hazard Modelling, Visite didattiche ed incontri divulgativi, Giornata Nazionale Sicurezza nelle scuole. Due esplosioni maggiori a Stromboli, 10 e 16 novembre 2020, Esperimenti e simulazioni per prevedere la pericolosità delle eruzioni vulcaniche, Dall’Artico la data dell’eruzione che sconvolse la civiltà Maya in Centro America, Rilevamento geologico a La Fossa di Vulcano, A caccia delle faglie sottomarine dell’Etna, Le eruzioni recenti ai Colli Albani: un “mito” moderno, Emissione di gas da pozzo alle pendici dei Colli Albani, Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale. These cookies do not store any personal information. Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. termali di Pantelleria. La sua superficie è di circa 83 Kmq e la sua altezza massima è rappresentata dagli 836 m. della Montagna Grande. Foto da Hildreth & Mahood (1986). I depositi di questa eruzione sono zonati da base a tetto da pantellerite a trachite comenditica (Civetta et al., 1984). Nel settore sudorientale si trovano quasi esclusivamente rocce siliciche e peralcaline associate a strutture calderiche di età compresa tra 324 ka e 4 ka (Civetta et al., 1984, 1988; Mahood & Hildreth, 1986). Ultima eruzione: 1891 Circa 45 ka, una serie di violentissime esplosioni hanno portato alla formazione di uno spesso deposito piroclastico che oggi ricopre la maggior parte dell'isola: il Tufo Verde di Pantelleria. Alcune eruzioni recenti (laviche e pliniane di composizione di nuovo evoluta) sono avvenute in un periodo tra 18 e 3 ka da numerosi centri eruttivi pericalderici ubicati in corrispondenza di fratture radiali. You also have the option to opt-out of these cookies. In virtù di questi elementi, il vulcanismo sull'isola è tutt'altro che estinto.Le lave di Pantelleria rappresentano un potenziale serbatoio di fluidi caldi. Foto di Vittorio Zanon. Numero di catalogo: 0101-071 (Smithsonian Institution, Global Volcanism Program)Altezza sopra il livello del mare: 836 mUbicazione: 36.77°N, 12.02°ESuperficie totale: 84 chilometri quadrati (isola di Pantelleria). l'andamento generale del rift tettonico che interessa il canale di Dalla preistoria fino al Medioevo, e inizialmente per la presenza della preziosa ossidiana, molte popolazioni si sono avvicendate sull’isola. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Superficie totale isola: circa 84 kmq Tipo di vulcano: caldera con centri monogenici Tipi di eruzioni … al L’isola è costituita in gran parte da un mosaico di centri eruttivi che si sovrappongono e che sono cresciuti all’interno di una caldera di circa 28 km2 (“Caldera dei Cinque Denti”) a sua volta formatasi all’interno di una più antica caldera (“La Vecchia”, ampia circa 42 km2). Inizio attività eruttiva: < 330-325.000 anni, Pantelleria è un’isola vulcanica che si trova nel Canale di Sicilia, lungo il rift continentale tra la Sicilia e la Tunisia (Rift di Pantelleria). L' isola vulcanica di Pantelleria (situata nel canale di Sicilia) costituisce la parte emersa di un vulcano sottomarino. Le perforazioni eseguite negli anni ’80 e ’90 hanno permesso di riconoscere due reservoir: uno nella porzione centro settentrionale dell’isola; l’altro, a temperatura più elevata, nella parte sud-occidentale della stessa. Sicilia. Acconsenti al loro uso? L'attività vulcanica è proseguita dopo la formazione della caldera, in vari cicli eruttivi, probabilmente intervallati da stasi non sempre riconoscibili. Comprendendo anche la parte sommersa, l’apparato vulcanico si eleva dal fondo del mare di circa 1400 m. Pur collocata in un contesto geodinamico caratterizzato dalla collisione fra le placche eurasiatica e africana, Pantelleria deve la sua formazione alla presenza di una tettonica distensiva. But opting out of some of these cookies may have an effect on your browsing experience. Le Marco Belogi, geologo dell’Istituto Geografico Militare di Firenze). pantelleriti. Durante questa eruzione si è generata la "Caldera dei Cinque Denti" (Mahood & Hildreth; 1986 o "Caldera del Monastero" (Civetta et al. Sicilia. A causa di questa parte emersa di un edificio vulcanico che si eleva di circa 2000 mt. La forma dell'isola, allungata secondo una direzione NW-SE, segue La storia geologica di Pantelleria si suddivide in due parti principali, la prima precedente alla messa in posto del Tufo Verde (~50 ka, Cornette et al., 1983) e la seconda successiva. Rappresenta la parte emersa di una struttura vulcanica ben più grande, costituita da lave e depositi piroclastici di composizione variabile da basalti alcalini a rioliti, queste ultime presenti nella forma tipica dell’isola, la pantellerite. L'attività eruttiva più recente risale al 1891 ed è avvenuta in corrispondenza di un sistema di fratture eruttive subacquee, ubicate a circa 4 km a nord dell'attuale porto di Pantelleria. La sua superficie è di circa 83 Kmq e la sua altezza massima è La ricostruzione geologica di questa porzione dell'apparato vulcanico è resa difficoltosa dalla carenza di affioramenti indicativi, causata dall'erosione marina, dal collasso della parte centrale dell'isola e dalla copertura del Tufo Verde. peculiarità queste ultime vengono dette anche La formazione della caldera più recente è legata ad eruzioni esplosive di alta energia che hanno depositato il Tufo Verde di Pantelleria, oggi affiorante in larga parte dell’isola. La storia geologica di Pantelleria può essere così sintetizzata : Da quanto esposto la morfologia generale dell'isola è dovuta a quattro principali fattori: Clicca qui per visualizzare le principali sorgenti L'isola è costituita esclusivamente da rocce vulcaniche A sinistra l'edificio sollevato della Montagna Grande, che con i suoi 836 m di altezza costituisce il punto culminante di Pantelleria, e accanto a destra il cono vulcanico del Monte Gibele, notevolmente più basso. Tali rocce sono state messe in posto sia come lave Il cono e cratere del Monte Gibele, con i suoi 700 m di altezza sopra il livello del mare è inferiore di più di 130 m della cima della Montagna Grande, vetta più alta dell'isola di Pantelleria, dalla quale è stata ripresa questa foto (vedi immagine sotto per apprezzare il rapporto fra questi due edifici molto diversi fra loro). Poi, circa 67 ka, sono state eruttate colate laviche pantelleritiche voluminose, che oggi costituiscono principalmente l'ampio scudo di Cuddia Attalora. The island of Pantelleria is constructed above a drowned continental rift in the Strait of Sicily and has been the locus of intensive volcano-tectonic activity. Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. Dal punto di vista vulcanologico, Pantelleria è l'espressione di un apparente paradosso, perché questo vulcano deve la sua esistenza alla presenza di un rift continentale (il Rift di Pantelleria), in un contesto geodinamico caratterizzato dalla collisione fra le placche eurasiatica ed africana ed il cui fondo è costituito da crosta continentale (con uno spessore di soli 20-21 km).L’Isola rappresenta la parte emersa di una struttura vulcanica costituita da lave e depositi piroclastici di composizione che, a partire da basalto alcalino, raggiunge i termini pantelleritici e trachitico-pantelleritici, fino a trachitico-comenditici (Civetta et al., 1998). Sono stati Fenomeni di Vulcanesimo Secondario Stato di attività: quiescente. La formazione di fratture anulari pericalderiche, che hanno alimentato vari edifici vulcanici di piccole dimensioni, ha controllato, per un periodo compreso che va da 106 a 79 ka anni fa, la distribuzione dei successivi prodotti vulcanici. Tipo di vulcano: caldera con centri monogenici Essa costituisce la parte emersa di un edificio vulcanico che si eleva di circa 2000 mt. (a cura del Cap.Dr. Si sono inoltre verificati due episodi di sollevamento: fino a 0.8 m lungo la costa nord-orientale dell’isola (Maggio-Giugno 1890) e fino a 0.55 m (nell’ottobre 1891). Pantelleria è un'isola vulcanica che si trova nel Canale (o Stretto) di Sicilia, a circa 100 km dalla costa sud-occidentale della Sicilia, e a soli 70 km dalle coste del Nord Africa. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale. Tipi di eruzioni prevalenti: freatomagmatiche, effusive, stromboliane, pliniane Secondo alcuni autori essa rappresenta una cupola lavica (Rittmann 1967; Villari 1974; Wright 1980; Cornette et al. La storia eruttiva dell’isola è lunga e il vulcanismo subaereo ha una durata di oltre 300000 anni, per concludersi in età imprecisata tra 4000 e 5000 anni or sono. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. Pertanto, comprendendo anche la parte sommersa, l'apparato vulcanico è complessivamente alto circa 1400 m.Geologicamente, l'isola si compone di due porzioni separate da un sistema di faglie orientate NE-SW, che costituiscono una discontinuità crostale lungo la cresta assiale del rift (Civetta et al., 1998). 1984), ma Mahood & Hildreth (1986) e Orsi et al. di sopra di una crosta di tipo oceanico dello spessore di circa 20 Km. Fra queste, nell’835 d.C, gli Arabi che la chiamarono Bent al-Ryon, figlia del vento, e che hanno lasciato molte tracce nel vocabolario isolano (cuddia= collina; gebel= montagna). Altezza sopra il livello del mare: 836 m Ubicazione: 36.77°N, 12.02°E Superficie totale: 84 chilometri quadrati (isola di Pantelleria) Pantelleria è un'isola vulcanica che si trova nel Canale (o Stretto) di Sicilia, a circa 100 km dalla costa sud-occidentale della Sicilia, e a soli 70 km dalle coste del Nord Africa. L’ultima eruzione ebbe inizio il 17 ottobre 1891 con lancio di brandelli di lava incandescenti, visibili sia dall’isola sia dalle coste tunisine, e durò fino al 25 ottobre. Non sono note attività vulcaniche in epoca storica sulla parte emersa dell’isola ma esiste la testimonianza di due piccole eruzioni sottomarine basaltiche 4-5 km a nord-ovest di Pantelleria nel 1831 e nel 1891 (banco o vulcano Foerstner), accompagnate da sismicità e da attività fumarolica sull’isola. Fenomeni prevalenti: emissioni idrotermali, sismicità. I tassi della deformazione del suolo, delle temperature e le emissioni di gas (H2O vap., CO2 e H2S) registrate negli ultimi 15 anni sono in accordo con la presenza di un sistema idrotermale attivo e di una camera magmatica superficiale (a circa 4 km di profondità) che sarebbe in via di raffreddamento e in uno stato di deflazione. In termini di area (circa 84 km2), Pantelleria è la più grande delle isole vulcaniche italiane. ; 1984) con dimensioni di 6 x 7 km. Essa costituisce la Questo episodio eruttivo, e in generale la geologia dell’isola, suggeriscono che il vulcanismo si sia progressivamente spostato verso NW. L'ultima eruzione sottomarina è avvenuta nel 1891. Descrizione. Questo sito utilizza cookie tecnici, cookie analytics e cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Inizio attività eruttiva: < 330-325.000 anni che possono essere divise in due gruppi. (1991) hanno dimostrato la sua origine per semplice sollevamento litostatico di materiale eruttato precedentemente dal M. Gibele. Ubicazione e altezza massima: Canale di Sicilia, 36.77°N, 12.02°E; Montagna Grande= 836 m s.l.m. termini intermedi. Le prime rappresentano il 98% delle rocce ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, Ubicazione e altezza massima: Canale di Sicilia, 36.77°N, 12.02°E; Montagna Grande= 836 m s.l.m. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies.
2020 pantelleria vulcano altezza