A ottanta lire ‘o chilo?… È aumentato n’ati dieci lire? E nun se po’ dicere ca ‘o mariuolo è napulitano. Ccà sta ‘o muorto e ‘o schiattamuorto ‘o facc’i’! Ah? Sì… Hanno colpito due palazzi al Parco Margherita e certi fabbricati a Capodimonte…. Dal fondo sono entrati Errico Settebellizze e Peppe ‘o Cricco. Tanti saluti. Che scasse? Amalia L’aggio cercato ‘o piacere ‘e ce sta’ nu poco vicino. Osserva ogni cosa, i mobili, gli oggetti con spirito analitico, dando ogni tanto ad Amalia un’occhiata di soddisfa­zione) Certo… così è più bello. (Il suo tono ha quasi un’aria di sfida) Cummettìtelo stu sacrilegio, si nun ve mettite appaura d’ ‘a scummunica! Aggio fatto chello che hanno fatto ll’ate. L’uovo frisco… ‘o pez­zullo ‘e bullito… ‘o piattiello ‘e maccarune… Dio ‘o ssape chello che costa nu poco ‘e schifezza e magna’, salvanno ‘a grazia ‘e Dio, quanno ‘o ttruove…, Nu metro e mmiezo ‘e lana pesante p’ ‘a figlia…. Errico e Adelaide cercano scampo addossandosi ad altre pareti. E c’entra. L'opera debuttò al Festival dei Due Mondi di Spoleto il 22 giugno 1977, al Teatro Caio Melisso con la direzione musicale di Bruno Bartoletti. Aggia mettere na capa d’aglio dint’ ‘e fasule. Po’ m’ ‘o mmettette n’ata vota…, Giesù, stu llutto m’ ‘o llevo e m’ ‘o mmetto. Chellu lignammo ca ce steva che. A te ca nun he’ saputo fa’ ‘a mamma, che faccio, Ama’, t’accido? ! Tutti avanzano ringraziando, mentre dalla prima a sinistra compare Amalia seguita da Maria Rosaria. Ca io cu chist’uocchio ccà, tanto bene. Magnammo cu ‘a tessera? E che ne parlammo a ffa’! Sai pecché ‘o chiammano Peppe ‘o Cricco? Veste di scuro e porta gli occhiali a stringinaso. Tutti ostentano la più pacchiana chincaglieria di gioielli. (Lo porta in tavola, accantoad Amalia). Gennaro (col tono di chi è convinto di aver ragione) Oh! Assu’, dincello a ‘O Miezo Prèvete ca cuminciasse a purta’…, Ma la vita è veramente un cinematografo! (Riccardo cerca di calmarla, temendo la chiassata) Ma pecché, quanno dint’ ‘a casa mia simme state diune, simme venute addu vuie? Bravo! Peppe (a Riccardo) Signuri’, ma vuie che dicite? – E quanta pate n’avesser’ ‘a caccia ‘e figlie? Federico Ma ‘o ccafè vuosto è n’ata cosa; ce l’aggio ditto pure a essa. Amalia M’avìssev’ ‘a fa’ ‘o piacere ‘e cósere stu bottone vi­cino a sta cammisa d’Amedeo… (Mostra un bottone, preso da una scatola sul tavolo ed una camicia). No, no. Io? Ll’aggio purtate ‘o fumo e stasera, verso ‘e sette e mmezza m’ ‘e vvaco a piglia’ e ‘e porto ccà nzieme ‘a parmigiana e ‘o ruoto ‘e puparuole. Amalia (soddisfatta) Ah! Amedeo (scoraggiato) Eh! Errico E grazie ancora. Assunta Donn’Ama’, guardate che bellu chilo ‘e carne. Tutti fanno un gesto come dire: «Embe’, che ce vulite fa’». E… e… mo… Ccà facimmo Fregoli! E si no ve ne iate ca ce tacite piacere. (Porgendogli una scatola) E chesta? ‘E figlie mieie nun hanno sufferto ‘a famma? Ma nei riguardi di donn’Amalia dovete essere più che convinto, più che sicuro. «La guerra è finita» ripetono tutti, Gennaro invece è convinto che ora si stia combattendo un'altra guerra: quella della povera gente che ha perso, per le sciagure attraversate, tutti i valori e l'onestà della vita precedente e che ora deve recuperare. Pecché… Siccomme ‘o paese nuosto nun porta na bon’ annummenata… Che vuo’ fa’? Fa chello che t’aggio ditto! E va buono, tu mo te faie veni’ na cosa… Quanno vene ‘a squadra, ccà ce trova…. Ma scusate, comme sparisce nu piroscafo? (E fugge,seguito dalla seconda guardia), Ciappa (mentre i tonfi si susseguono cupi, sinistri e ormai più vicini –con apparente calma, sempre parlando a Gennaro) Chesta bomba ha da essere cchiu vicina… Se sentono pure gli apparecchi… Cheste so’ mitragliatrice…. Maria R. È partuto, siente a me, chillo è partuto. Ll’avite abbruciato? Il signore, mormorando qualche cosa, scompare. Si parlava della mancanza dei generi… Io so­stenevo che la robba c’è, ma che è il calmiere che la fa squagliare… Vedete… Il calmiere è una cosa com­plessa… Non basta una spiegazione fatta così sempli­cemente, per fare due chiacchiere a primma matina… No! Nel vicolo ricomincia il tramestio e il frastuono di voci con­fuse: «È fernuto!» «Addò sta Nanninella!» «Luvateve ‘a miezo, chesta che schifezza?» «Gennari’» «’E chi è sta scarpetella?» «L’incendio sta llà bascio!» «È caduto nu palazzo ‘o vico appriesso!» «’E pumpiere!» Si ode la sirena del­l’automezzo dei vigili del fuoco. Ma la festa non si fa più per me. Io ‘a rrobba ‘e ll’ate nun ‘a tocco. Ccà ‘a gente è priva ‘e lassa’ na machina… Na vutata d’uocchie, nun ‘a trova cchiù… Questo Peppe ‘o Cricco, po’, tene n’abilità speciale: se mette sott’ ‘e machine e ll’aize cu na spalla. E come parla bene! Questa è la famiglia che ritrova Gennaro tornato inaspettatamente quel giorno di festa. … Me quadraie nu poco e dicette: – Faccio il ma­novale… Alzo le pietre… –, E n’aggio aizàte prete, Ama’… Senza magna’, senza vévere, sotto ‘e bumbarda-mente… L’avett’ ‘a riusci’ simpatico pecché veneva a parla’ sempe cu me… Io nun ‘o capevo e dicevo sempe ca si… E accussì se ne passaieno tre mise… Po’ me ne scappaie nzieme a ciert’ati napulitane… Ce cumbinaime… S’avutaie uno, dicette. Che t’ha ditto ‘o sposo? Sì, ho tentato qualche cosa, qualche affare pur’io, ma ce aggia avut’ ‘a rinunzia’… (Con un senso di sfiducia in se stesso e nella sua fortuna) Na vota, io e Pascalino ‘o pittore, accattàieme cinquanta chile ‘e ficusecche. Peppe Buona giornata. ‘A tengo dint’ ‘o garage. Ma si è nu camionne, se dice ca ne so’ sparite ciento… Perciò…. Mariuolo se nasce. Amalia ha preso, frattanto, dei pacchi dal materasso. Dalla prima a sinistra entra Maria Rosaria. Ma dint’ ‘a tutte ‘e paise d’ ‘o munno. Quanno suc­cede nu furto di abilità, di astuzia dint’ ‘a n’atu paese d’ ‘o munno, pure si è ammentato pe’ fa’ ridere, se dà pe’ certo, e se dice ca s’è fatto a Napule. Parlando verso la « vinella »). E nun trova posto dint’ ‘o paese nuosto. Frattanto nel vicolo si avverte un movimento insolito: si ode un mormorio di voci. E sa­pete pe’ quanto ‘e ttengo affittate? Non vedendo alcuno in scena, chiama. Io e Amedeo ab­biamo provveduto a tutto. Gennaro con voce di commozione). Lo sbarco alleato è avvenuto. Amalia Chesto he’ fatto buono. Don Genna’, che dicite? ‘O Miezo Prèvete (dal fondo, trafelato) Faciteme assettà. Io me la trovo per combinazione. Fa chello che t’aggio ditto! So’ stato a Furcella, ‘o Pallunetto, dint’ ‘o Cavone. E po’ pure si è overo, allora io po’ dico n’ata cosa… Logicamente, si ‘o fatto è overo, vuol dire ca stu mariuolo napulitano s’ha avuto pe’ forza mettere d’accordo cu n’atu mariuolo, ca nun è napulitano… Si no comme spariva stu piro­scafo? Certo ci sarebbe da fare… Ma chi m’ ‘o ffa fa’? Maria Rosaria ha riscaldato il caffè e ora porge la tazzina al padre. Amalia E… lassatemmillo… Io ce ‘o faccio vede’ a sta «perzona». Se io ve dicesse : «Girate donn’Ama’, divertiteve purtone pe’ purtone, casa per casa…» Ma io chesto nun ‘o ffaccio! Ho domandato per quella medicina. Amalia (sicura del fatto suo) Giovedì v’ ‘a dongo. Ama’! Pecché è stato sempe accussì. E mia figlia? Maria R. (si avvia lentamente per il fondo. CiappaMa è difficile a truva’ sta medicina? Sarebbe stato mio dovere venirvi ad ossequiare un poco prima per ringraziarvi del magnifico mazzo di rose che mi avete fatto pervenire a casa stamattina e per chiedervi ancora scusa del fastidio che vi pren­dete stasera, festeggiando in casa vostra la mia «natività». Amalia (lusingata più per il tono insinuante, che per la pro­messa del guadagno) Che c’entra? E mo starrà sbattenno pe’ tutta Napule. (Ad Amedeo) Vaie ‘e pressa? Chella mo’ chi sa ‘a guaglione che s’è creduto…. Quanno me vulite me chiammate. Papa è fesso!», Gennaro (indispettito) Chesto però nun ‘o ssente p’ ‘o vico… chesto ‘o dice ‘a mamma…. Amalia (ha osservato attentamente l’atteggiamento della figlia. Auguri per la bambina. Amalia fa una alzata di spalle, per indicare la sua noncuranza all’insinuazione del manto. Vivo, è vivo! Na bella morte, don Genna’. Don Genna’, niente! Ildottore (sconfortato) Sentite: ma io di fronte alla fessaggine, mi tocco i nervi! Donn’Amalia po’ nun s’ ‘o mmèreta. Ah! Me l’aggia vénnere? ‘O Miezo Prèvete esce per la prima a destra. Egli appare molto dimagrito dal primo atto. Federico Chelle so’ cinche gomme ‘e «1100». Me piace ca m’ ‘o ddice nfaccia! AssuntaNoo… mi credevo… Dato ca tuttu quante, dint’ ‘o vicolo, diceno… ca vuie… Insomma ca Settebellizze… (S’avvede di aver parlato troppo ed accenna il sorrisetto) Già… Ah, sì…, AmaliaMa che diceno? Sei sicuro di voler cancellare questo elemento? Quasi non la riconosce e, convinto d’essersi sbagliato di porta, fa un gesto di scusa alla donna, dicendo rispettosamente: È ccà, don Genna’… Trasite. Oi ne’, ma tu ‘a casa toia nun haie che fa’? Iett’ ‘o vveleno a te mettere dint’ ‘o lietto! Lista di personaggi in Napoli milionaria! Dalla prima a sinistra entra Amedeo; si è svegliato da poco. E con quale coraggio tolgo quel poco ai miei figli? (al colmo della rabbia) ‘O mmagna’ mio nun ‘o vvoglio essere tuccato, mannaggia ‘a Marina! Chesto ‘o ffacimmo a brodo, domani. Ora è con tono serio e indagatore che interroga la moglie. Amalia No. (Nau­seato) Ma che serietà ‘e paese è chesta? (Guarda ancora fuori un po’ rinfrancato) Menu male! Nun ce pare proprio niente… Aggio fatta na fatica… Chist’angolo ccà…, l’ag­gio chiuso cu doie ciappette automatiche, in modo che al momento, a sicondo ca me serve, ne piglio nu chilo, duie chile… Se mette ‘a mano…, Embe’, don Erri’… E ghiammo… E quanno maie avite fatto chesto…, Donn’Ama’, perdunàteme… Nun ve lasso, si vuie nun me perdunate…, E che c’entra… A chiunque po’ capitare un momento di «fosforescenza…». ‘O tenite vuie ncuollo? Teresa (spazientita) Oi ne’ tu nun capisce maie niente! RiccardoVedete, io ho qui diecimilasettecento lire… (Prende il denaro da un portafoglio e lo mostra) Ho venduto due giacche e un pantalone di inverno… Roba che non valeva nemmeno… Ma sapete coi prezzi di oggi… Io vorrei offrire alla signora questa somma a scomputo delle quarantamila lire che le devo. Alternamente, nel vicolo, la lite si fa più violenta; la voce di Amalia sovrasta. Cchiù ‘a famiglia se sta perdenno e cchiu ‘o pate ‘e famiglia ha da piglia’ ‘a respon­sabilità. E… forse sulo a isso nun ce aggia penza’, pecché ce sta chi ce penza… (Il crollo totale di Amalia non gli sfugge, ne ha pietà) Tu mo he’ capito. E po’ va dicenno a tuttu quante ca dint’ ‘o ccafè ca facimmo nuie, ce sta ‘o ssurrogato! Dall’andirivieni continuo di costoro, fuori del basso, si avrà la sensazione che c’è la libertà e i generi alimentari si smerciano in abbondanza. è indirizzata a Gennarino… È arri­vata tre giorni fa… Io l’aggio aperta p’ ‘ave’ quacche nutizia… È de nu tale ca tutto stu riempo è stato nzieme cu isso… ‘O manna a saluta’ e le dà nutizie soie… Ncopp’ ‘o mbullo nun se capisce ‘a do’ vene… Certamente Gennarino avette ‘a da’ l’indirizzo ‘e Napule a stu tale… Addo’ vaco? Amalia (con apparente calma) E va buono, tu mo te faie veni’ na cosa… Quanno vene ‘a squadra, ccà ce trova…. Errico scorge la ragazza, abbandona di scatto le mani di Amalia e assume un atteggiamento di voluta indifferenza. Noo… mi credevo… Dato ca tuttu quante, dint’ ‘o vicolo, diceno… ca vuie… Insomma ca Settebellizze…, Niente, nun ve pigliate collera. (Poi chiede con osten­tata indifferenza) E tu? No, no. L’emozione gli dà un piccolo senso di confusa euforia. Primma pecché nun ce piace e po’… costa accussì caro… E chi’ o pputarria accatta’…. Me ne sono accorto. (convinta e vendi­cativa) ‘E figlie mieie nun hanno sufferto ‘a famma? Ma dint’ ‘a tutte ‘e paise d’ ‘o munno. Federico Siente a me, mo te firme ‘o scecco e t’ ‘o dongo. Io ve lasso, ‘onn’Ama’… Ce vedimmo cchiù tarde…, Nun te fa vede’ accussì cumbinata… E nun dicere niente… Ca si no a chillu pover’ommo lle vene na cosa…, Ama’, tene ‘a freva forte… E nun me piace comme respira…, Nun ‘o ssaccio. Gennaro è insensibile: più «morto» che mai. Mo’ ha da passa’ ‘a nuttata. tengo ‘a proprietà! Voi mo dite : ma che c’entra questo discorso con quello che stavamo dicendo? «Gentile signor Gennaro. Errico Eccomi qua. (Ad Amalia) Cór’ ‘e Sórice sta vicino ‘o va­scio ‘e donna Fortunata… Quanno s’appiccia ‘a pippa è segno ca ‘a Squadra sta dint’ ‘o vico…. Maria Rosaria fa per uscire; la madre la richiama. Nu piacere e nu dispiacere. Questo dice Gennaro al commissario Ciappa venuto ad avvertirlo che arresterà il figlio se lo sorprenderà quella stessa sera a rubare nuovamente. A questo punto tutti si dàn da fare in grande agitazione, per preparare l’ambiente a qualcosa di eccezionale. Gennaro Tu vuoi scherzare. Chi ce crede è in malafede. Dal vano di fondo si scorgerà il vicolo, nelle prime ore del mattino, e i due battenti laterali dei bassi dirimpetto. Sempe a vvuie spetta la mmità… (Pren­de il pacchetto col brillante e lo mostra all’uomo) Guardate stu ricchino. ‘A parola è una: nun t’arresto. Proprio accussì. Amedeo (cercando di giustificarsi) Don Erri’, chisto è nu sbaglio! Proprio accussì… (Scherzoso) Don Genna’, questo è il disegno di legge…, Peppe (si stacca dal gruppo che continua a festeggiare don Gennaro e preso per un braccio Amedeo che ha ter­minato di apparecchiare, lo conduce in disparte, verso sinistra, quasi al proscenio, dicendogli con circospezione) Dunque?…, Amedeo Pe’, io nun voglio i’ ngalera. E che ce azzecca? Io nun ‘o cunosco! Amedeo Io nun faccio tarde… Si te fa piacere… (Prende il cappotto che si troverà su di una sedia accanto al comò, se lo pone sul braccio) Io vengo ampressa, papà. Nun ne parlammo… Sto ccà. Vedite si è essa. Donn’Ama’, io aggio accumpagnata a Rituccia ‘a scola e p’ ‘a strada ll’aggio accattata pure ‘a bella cosa, pecche nun ha fatto capricce… Ma quanto è bella chella figlia vosta! Gennaro (rientrando nella sua stanzetta a Riccardo) Voi con noi potete parlare. Gennaro Questo signore abita proprio qua appresso a noi. Ca vuie ‘e chisti mumente, avit’ ‘a sta’ sempre in movimento e in continuo esercizio delle vostre funzioni. È la vita della commedia umana che sta nascendo dal buio. Amedeo Io sto fore… (indica il vicolo) Si s’appiccia ‘a pippa (allude a Cara ‘e Sórice) v’ ‘o ddico… (Si pone in vedetta, fuori). Gennaro Tanto devo venire per mio figlio, vengo pure per voi. Ormai si sente più tranquillo. Iate, ragiunie’, ca ‘o ghi’ è sempe buono. E auguri per la bambina (E lentamente esce per il fondo, come per voler seguire Amedeo). È in mala fede chi crede na cosa ‘e chesta… Magnammo cu ‘a tessera… E nun sarnemo già cadaveri scheletriti colore avorio cinese? (Da un tiretto della « cifoniera » prende una scodella grande ricoperta da un piatto fondo rovesciato, un cucchiaio e un pezzo di pane raffermo. Ragazza sui ventiquattro anni, sincera, aperta, un po’ svagata. Allude al padre. Maria R. (piangendo) È muorto, brigadie’… È muorto, papà…, Adelaide (visto che Ciappa quasi disarma, insiste petulante). : Con curiosità e impegno inesauribili, ci dedichiamo da anni all'esplorazione del mondo del cinema e delle serie TV: spazio all'informazione, alle recensioni, all'approfondimento e all'analisi, ma anche e soprattutto al divertimento e alla passione. E parlottando con Federico e Peppe ‘o Cricco esce per il fondo. Peppenella (si avvia verso il fondo, per uscire: verso la cameretta di don Gennaro) Stateve buono, ‘on Gennari’. Indossa un vistosissimo abito grigio chiaro. Aggio domandato vascio pe’ vascio, niente! (Esce per la prima a sinistra). Don Genna’, fateci sentire questo disegno di legge! Gennaro (compare lentamente. Farina, olio, burro, formaggio, vestite, scarpe… (sentenzia) È sempe ‘a stessa musica! E che vi posso rispondere? Teppe Eh! Gennaro Mo vide che avimmo fatto tutta sta funzione e nun vene nisciuno! Gennaro Ma la vita è veramente un cinematografo! Mo v’ ‘o vvedite vuie…. Ma mo pecché nun ne vonno sèntere parla’? Si no, che d’è? Isso teneva trecientomila lire. Amalia trasale, fissa gli occhi nel vuoto. Gennaro (contemporaneamente riesce di spalle, parlando verso l’interno della camera di sinistra) Ama’, tene ‘a freva forte… E nun me piace comme respira… (Ora rigirandosi per volgersi ad Amalia vede Amedeo e gli si ferma la parola in gola). Tu che vuo’?! In evidenza: Carlo Verdone: Migliori film. Me so’ scetato, me so’ scetato… Sto scetato d’ ‘e ccinche! Tu sei troppo giovane e puo’ cummettere quacche leg­gerezza ca te po’ custa’ ‘a libertà. Nuie, quanno vuie teniveve ‘o posto e ‘a sera ve faciveve ‘e passeggiate a perdere tiempo nnanze ‘e vetrine, mangiàvemo scorze ‘e pesiello vulluto cu nu pizzeco ‘e sale, doie pummarole e senza grasso…, Mo me dispiace! Ha da passa' 'a nuttata". Chille ca stanno vestute scure sanno ‘a guerra quanno fernesce e si bombardano o no? Noo… Donn’Ama’… Chillo è tanto nu buono gio­vane… È timido… Nun sape parla’ tanto buono l’ita­liano e se mette scuorno ‘e veni’ addu vuie. Ciappa(impressionato sia dal tono drammatico della scena che dalla perfetta rigidità di Gennaro) Ch’aggi’ ‘a cammena’? Il suo abbigliamento è costituito dal necessario indispensabile. Ccà ce sta Settebellizze ca se ne intende. Io credo di averla. Va llà, vatte’… Cu n’uocchio mancante, ma cu papà…, E nun chiagnere, bell’ ‘e papà. Senza lusso, modesto: pure na calumerà, nu pertuso…, Peppe Proprio: una cella. Gennaro (fermandolo) E si Rituccia dimane sta meglio, t’accumpagno io stesso ‘a Cumpagnia d’ ‘o Gas, e tuorne a piglia’ servizio. Pover’ ànema ‘e Dio! Si ve mettite appaura ve ne putite i’! Gennaro Jovine Amalia, sua moglie Maria Rosaria Amedeo, loro figli Errico "Settebellezze" Peppe "'o Cricco" Riccardo Spasiano, ragioniere Federico Il dottore Pascalino "'o pittore" "O Miezo Prevete" Il brigadiere Ciappa Adelaide Schiano Assunta, sua nipote Riccardo (commiserandola, ma senza cattiveria, quasi comprensivo) Che mi volete restituire? In fondo ampio vano arcuato, con telaio a vetri e battenti di legno, che dà sul vicolo. Errico (annuendo) Aggiu fatto nu cambio cu chelli ddoie prete ca accattaie se’ mise fa… Ce aggio dato quattuciento-mila lire ‘e refosa e m’aggio pigliato chesti ddoie ccà… (Mostra i due brillanti ravvolti in pacchetti di carta velina) Cheste mo vanno iusto tre milioni e miezo. Dotto’, e ce ‘o state chiammanno ncuollo, a chell’anema ‘e Dio! Ciappa (come parlando ad altri agenti fuori del basso) Vuie aspettate lloco ffore. Guarda ancora intorno inton­tito alla vista del nuovo volto della sua casa, poi i suoi occhi si concentrano su Amalia ed esprimono un che di ammirazione e di paura. Amalia Niente! Dopo poco compare il figlio Amedeo, stravolto dal sonno non del tutto soddisfatto, che chiede se il padre stia ancora dormendo. È una debolezza! Errico Manco he’ capito? Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat. E io aggio capito che aggi’ ‘a sta’ ccà. Brigadie’, p’ ‘ammore ‘a Madonna… Chillo mari-temo è muorto stanotte a ‘e ddoie e trentacinche…. Io me ne vado. Racconta tutto di sé e dei fatti altrui, a chicchessia. Tutto quello che avevo è nelle vostre mani. Naturalmente questa sua ingenuità genera spesso imbrogli, dissidi e gaffes. Ha seguitato a tremma’ comm’ ‘a na foglia. Gennaro (disarmato di fronte alla violenza del figlio) E pigliatillo. (Disgustata) ‘O ffanno spari’ pe’ fa aumenta’ ‘e prezze. Peppe ‘o Cricco esce. Quanno veco na macchina… in buone condizioni… ‘a tratto… Compravendita. Amalia lentamente siede accanto al tavolo al lato sinistro, voltando le spalle a Ric-cardo, come svagata. Amedeo (entra lentamente dal fondo. Entrate… Entrate… Ve state lloco flore. Assunta Nuie ce vulimme gude’ nu poco ‘e pace… Penzate ‘a salute… Oramai è fernuto. ‘O Miezo Prèvete (alzandosi e mettendo a posto la sedia) Buona nottata. Certe volte uno pure se si voleva divagare un poco, senza spendere soldi, usciva per vedere come erano aggiustate le vetrine… Senza invidia… Senza rancore… Uno vedeva un oggetto… Diceva: quanto è bello! Infatti, lo vedremo in seguito, parla senza badare a quello che dice. Nun se trova. Siente a me, sùsete ca è meglio pe’ te! Tu dici: questa è una cosa che ti vuole calmare… Tu qua’ calmare? Ho voluto solamente farvi capire che, ad un certo punto, se non ci stendiamo una mano l’uno con l’altro… (Porgendo la scatola al dot­tore) A voi, dotto’. Camminano abbrac­ciate con le ragazze, ma accussì, cumme a cumpagne, cumme a camerate. (Ora Ciappa si è alzato dalla sua sedia, si è avvicinato alla spalliera del letto e parla al «morto» direttamente, appoggiandosi come su un davanzale) Sùsete! ‘O Mieto Prèvete Io vaco a da’ na mano ‘o cacciavino. -15,20 napoli milionaria-18,10 filumena marturano-26,50 le voci di dentro-28,20 debutto di luca-29,20 nel camerino… nascono i personaggi. Maria Rosaria continua indifferente il suo daffare: indif­ferente al punto tale, da apparire completamente estranea a quanto avviene. (Alla moglie) E nun ‘o vvuo’ capi’! Na femmena sola… Senza n’ommo dint’ ‘a casa. Saremo lieti di valutarne l’inserimento. Peppe ‘o Cricco è un po’ più volgare e meno furbo dell’altro, ma è più forte: il suo ampio torace, il suo collo taurino e la sua specialità di sollevare le automobili con un colpo di spalla, per asportare i pneumatici, gli hanno fruttato il nome che porta. Dunque, vuie dicite ca m’avit’ ‘a parla’? Facitela sfuga’ nu poco…, Ecco, mi è passata. Maria R. (non badandogli) E po’ va dicenno a tuttu quante ca dint’ ‘o ccafè ca facimmo nuie, ce sta ‘o ssurrogato! Ce sta pure ‘O Miezo Prèvete! Adelaide (finalmente decifra lo scritto e lentamente, scandendo parola per parola, legge). Per la prima volta mostra il suo vero volto: quello della madre. ‘a B.V.B., ‘a sega sega Mastu Ci’… ‘o sango ‘e chi ll’è bivo… E chi Madonna ‘e capisce… Ccà p’ave’ nu per­messo ce vo’ ‘a mano ‘e Dio… Po’ so’ ghiuto na mez’ora abbascio ‘a Réfice… e a questo proposito v’aggi’ ‘a parla’… Me so ghiuto a vèstere ca pareva nu scarricante d’ ‘o puorto… ed eccomi qua… Amedeo è venuto? «Nun me le dovevo pigliare? Indossa una lunga camicia bianca da notte. Va’ addu stu cullega mio. E ffaccio ‘o ballo in maschera… Io resto diuno! Maria R. (con veemenza, non sembrandole vero di poter rinfac­ciare a sua madre la colpa commessa) L’avìvev’ ‘a vede’ primma! ‘OMiezo Prèvete ‘E cumanne… (Esce per il fondo). Gli altri rispondono al saluto rispettosamente. Appunto perché è criatura, si può avere la sorpresa che, da un momento all’altro, tutto si risolve in bene. Quanno fernesce sta guerra ? E a Settebellizze chi ce penzava? Gennaro (compiaciuto) ‘O vveco, ‘o vveco… Quanta vote aggio scanzato ‘a morte! Se Amalia passa da un vestiario modesto ad uno spiccatamente sfarzoso, Gennaro giunge alla fine della commedia vestito con indumenti di fortuna unti e laceri: il berretto è Chello ‘o ppane è poco! Po’ essere ca se cuntenta…, Devo pagare tremilacinquecento… Resterebbero millecinquecento lire… Me le conservate voi…, Comme no… E vuie site ‘o patrone… Anzi, dimane aggi’ ‘a ave’ cierta carne ‘e vitello… Ve n’astipo nu bello chilo…, Ho capito una cosa, Ama’… Questa vita di pericoli che noi facciamo, sempre con la preoccupazione di essere arrestati, pecché tu è inutile ca me cunte storie, ccà nun è sulamente ‘o fatto d’ ‘a tazzulella ‘e cafè… Io veco troppo muvimento d’ ‘a matina ‘a sera… Burro, riso, pasta bianca, fagiole… Ama’…, T’aggio ditto tanta vote ca nun è rrobba mia… M’ ‘o ppòrtano ccà e io faccio un piacere a quacche canuscente…, Accussì, per gli occhi celesti color del mare?…, E allora nuie comme campammo? (Va in fondo e chiude i battenti della porta) Quanno… Addo’? Poi la contraerea diminuisce d’intensità. Amalia (cercando di rincuorare il marito) E va buono, assettate, riposate, contame… Addo’ si’ stato? Napoli milionaria, film italiano del 1950, regia di Eduardo De Filippo. Comme sta Rituccia? E speriamo che donn’Amalia abbia capito. ‘O Miezo Prèvete (con una lieve grattatina alla nuca) Mannaggia bu ba! Pirciò ve dico: sto ssulo, me metto a ffa’ ‘o cummercio? Altra pausa. Come vedete, chi prima e chi dopo deve, ad un certo punto, bussare alla porta dell’altro. Gennaro (scherzoso) Un altro disegno di legge. Gli altri piangono sommessamente. Amalia (non riesce ancora ad avere il controllo di se stessa, e con tono quasi di discolpa) E tu puo’ dicere ca nun aggio penzato a te ? Aggio fatto chello che hanno fatto ll’ate. Famme capi’ stu miraculo comme succede. Gennaro è sveglio da tempo: prima per il bombardamento notturno, e ora per le grida di un litigio che si sta svolgendo fuori in strada dove si distingue la voce alterata di sua moglie Amalia che sta animatamente discutendo con una concorrente del rione per la vendita abusiva di caffè. Chi fuma?» «’O viecchio cu ‘a barba!» «Vullente ‘e panzarotte» «So’ d’ ‘a Villa ‘alice fresche!» «Tengo ‘e pietrine p’accendisigare». Le voci interne dei venditori suonano cosi: «Che belli pullaste!» «Puparuole, mulignane», «Chi fuma? Amalia è anch’essa un’altra donna: tutta in ghingheri, tutta preziosa, con un’aria fors’an-che più giovanile. La prima volta che mi trovavo a corto di soldi, voi proponeste di disfarmi di uno dei due quartini di mia proprietà, dicendo che avevate la persona che com­prava. Gennaro Scusate, dotto’. ‘O duttore ha ditto : «Solo a borsa nera la potete trovare». Ma pecché teniveve ‘o tiempo ‘e penza’ a me? Tutti ostentano la più pacchiana chincaglieria di gioielli.
2020 napoli milionaria personaggi