A questo Re sono inoltre legate numerose storie riportate da commentatori coranici antichi e da storici musulmani riguardo al suo rapporto con i jinn, che si dice fossero totalmente al suo servizio. A questo re sono inoltre legate numerose storie riportate da commentatori coranici antichi e da storici musulmani riguardo al suo rapporto con i jinn, che si dice fossero totalmente al suo servizio. A Salomone vengono attribuiti due salmi, la maggior parte del libro dei Proverbi e due libri del canone. Il Signore gli era apparso due volte e gli aveva comandato di non seguire altri dei, ma Salomone non osservò quanto gli aveva comandato. [24] Fu così reso noto a tutti che Salomone era veramente un re buono, santo, di fede e Zaddiq o Giusto. Si tratta di progetti di età persiana, proiettati indietro al tempo di Salomone per conferir loro un valore fondante"[7], e anche gli studiosi della Bibbia Edizioni Paoline evidenziano che "l’amplificata descrizione della fabbrica del tempio e del suo mobilio armonizza i dati del tempio di Salomone con quelli dell’epoca post-esilica"[8]; di entrambi questi edifici non è stata inoltre trovata alcuna testimonianza archeologica[9]. [3] Il sistema di reclutamento di tali operai presentato nel testo biblico - Israeliti o di altre nazioni - è discordante e gli studiosi del Commentario Biblico ritengono che "i tentativi di ricostruire i dettagli di tale sistema sono gravati da informazioni insufficienti e chiaramente contraddittorie". [9]Dopo questo fatto la sua potenza e ricchezza divennero leggendarie. Per questa ragione il re Salomone è tenuto in particolare considerazione anche dai credenti della livity (filosofia di vita) rastafari. XI-XII) attribuisce a Salomone e ai suoi jinn lo scavo e la costruzione di 1000 canali, (in arabo: ﻗﻨﺎﺕ , ﻗﻨﺎة‎, qanāt) che costituiscono l'antico sistema irriguo ancora oggi in funzione in gran parte dell'Oman. (Bibbia di Gerusalemme, EDB, 2011, p. 656, ISBN 978-88-10-82031-5; Brown, 2002, pp. Salomone tentò di ucciderlo, ma egli si rifugiò in Egitto. Inoltre, ogni nuova moglie adorava diverse divinità e pure Salomone si lasciò corrompere dall’idolatria. Si conoscono oggi molti templi della Mesopotamia, molti dell'antico Egitto, ed alcuni dei Fenici. (Targum Yonatan, Qoelet). [34]Inoltre, quelli della Bibbia Edizioni Paoline – concordemente agli esegeti della École biblique et archéologique française (Bibbia di Gerusalemme)[35]– evidenziano che nel Cantico dei Cantici “l’attribuzione a Salomone è quindi fittizia (come in Qohèlet e Sapienza) ed è indice che il redattore ha inteso collocare il suo libro nell’alveo della corrente sapienziale, di cui Salomone era l’alto patrono”. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta l'11 nov 2020 alle 20:26. Tuttavia, in base al testo biblico del capitolo 5 di 1 Re, il "lavoro forzato" della narrazione biblica sembra tutt'altro che coscritto, come se i lavoratori fossero stati schiavizzati, anzi i tre turni di lavoro descritti erano suddivisi su tre mesi e ne prevedevano ben due di riposo a casa e solo uno di lavoro, seppur intenso. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Da cave nella stessa Gerusalemme fece estrarre grandi blocchi di pietra e granito destinati alle fondazioni ed ai muri di contenimento del Tempio. Chiesero alle donne di controllare i piedi qualora il re Salomone fosse andato presso di loro perché il piede di uno shed assomiglia a quello di un gallo; poi seppero che re Salomone copriva i suoi piedi. Queste cronache bibliche sono tra l'altro alla base di molte leggende e tradizioni della Massoneria, che usa la costruzione del Tempio come metafora per l'educazione morale. La Bibbia narra che Salomone, re dell'allora unico Regno di Israele, si adoperò all'inizio del proprio regno per dare corpo alle idee del padre, e preparò altri materiali per la costruzione. Accompagnarono re Salomone a palazzo facendogli riavere la collana e l’anello e, quando entrò nella sala del trono, quando vide cosa aveva tra le mani Eshmade fu colto da terrore e volò via; da quel momento re Salomone fece circondare il proprio letto da 60 prodi, sapienti di Torah esperti di essa tutta e contro lo Yetzer ha-ra: ciascuno padroneggiava una particolare Massekhet (trattato del Talmud).[46]. [2] ^ Il suo nome divenne sinonimo di sapienza, soprattutto nel Medioevo, quando si pensava che ad ogni generazione si attuasse una sorta di degenerazione; in virtù di questa idea Adamo era considerato l’uomo perfetto, in quanto figlio diretto di Dio, e Salomone era considerato l’uomo saggio, in quanto la sua saggezza è direttamente opera divina. Enormi pietre preparate nelle cave sottostanti la città (Re I 5:17, 18) furono gradualmente piazzate sulle grandi mura, e sistemate una a ridosso dell'altra senza uso di malta, finché l'intera struttura fu completata. L'edificio era verosimilmente lungo 60 cubiti (27 metri), largo 20 (9 metri) e alto tra i 25 (testo greco) e i 30 (testo ebraico) cubiti (14 metri circa). Secondo la tradizione ebraica, l'Arca Santa si trova invece ancora in uno dei meandri sotterranei del tempio di Gerusalemme: questi furono costruiti appositamente in previsione della futura distruzione del tempio. Il testo biblico afferma chiaramente che Salomone ricevette aiuto da Hiram, re di Tiro, nella costruzione dei vari edifici. Salomone capì così che quella era la vera madre e le restituì il bambino[9]. La descrizione della costruzione del tempio si trova nel libro 1 Re 6,1. Tutti armati di spada, esperti nell’arte della guerra; ciascuno con la spada al fianco, per il terrore notturno”? La "casa delle foreste del Libano" e il "portico delle colonne" ricordano da vicino le sale ipostile interna ed esterna di un tempio egizio. [18] ^ Mario Liverani, Oltre la Bibbia. Il primo Libro dei Re dà un esempio significativo della sapienza di Salomone. Il primo atto della reggenza di Salomone fu la messa a morte del fratello Adonia e di Joab, generale di Davide, per la congiura; condannò a morte anche Shimei per essere venuto meno al giuramento di residenza a Gerusalemme dopo che gli era stata condonata la vita per aver offeso Davide. Nel testo “Il Midrash racconta la storia della sua piccola tribù di indigeni. Dopo la morte di Salomone si spartì: una parte a Roboamo, discendente legittimo, che regnò sulle tribù di Giuda e Beniamino e l’altra parte a Geroboamo, che regnò su tutte le altre, creando il regno di Israele. I Dieci Comandamenti, in Esodo 20 proibivano la creazione di immagini, mentre quello di Esodo 34 proibiva la fusione di immagini divine; le aggiunte del Deuteronomio proibivano qualsiasi somiglianza in artefatti. You also have the option to opt-out of these cookies. «Perché mi hanno ordinato di prendere quei due Etiopi», risponde l’Angelo della Morte, riferendosi a Elihoreph e Ahyah, i due scribi etiopi di Salomone. Accetta le condizioni. Salomone o  Sulayman è citato cinque volte nel Corano[42] come profeta saggio ed in possesso della conoscenza di molteplici scienze tradizionali. E rimase, vuoto, sulla cima del Monte Moriah per tredici anni. Vi è una corrispondenza a questa pratica costruttiva nelle dodici pietre che Giosuè pose a Gilgal (Giosuè 4:20) e alle marcature poste da Mosè sul monte Sinai (Esodo 19:12), e nella zona proibita che circondava la tenda, predecessore del Tempio. Attualmente, l’archeologia, inclusa quella israeliana, molto attiva nel campo dell’archeologia biblica,[26] ridimensiona – anche supponendo l’esistenza di re Salomone, cosa che solleva molti dubbi tra gli storici[27]– la grandezza di tale regno e i fasti descritti per Gerusalemme: dall’inizio del XXI secolo,[28] Gerusalemme “è stata scavata come mai prima di allora. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 2 nov 2020 alle 13:04. Gli scavi effettuati nel diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo intorno alla collina del Tempio di Gerusalemme non sono riusciti a identificare nemmeno una traccia del leggendario edificio o del complesso palazzo di Salomone.” (Israel Finkelstein e Neil Asher Silberman, Le tracce di Mosè. ).Cfr anche la sezione “Stato attuale della ricerca” alla voce “Archeologia biblica”. E quello sottoposto al re d’Israele sembrava irrisolvibile. Cfr anche: Mario Liverani, Oltre la Bibbia. Lo shed si sedette sul trono di re Salomone; lontano re Salomone, trovandosi in un villaggio, chiese aiuto svelando chi era ma non gli credettero sino a quando giunse al Sinedrio che, interrogato il suo consigliere, capì. Alla metà del X secolo a.C.[11]iniziò la costruzione del Tempio[12] che terminò in circa sette anni. La Bibbia, Edizioni Paoline, 1991, p. 994, ISBN 88-215-1068-9. Per pagare i suoi debiti Salomone sarà costretto in fin dei conti a vendere del territorio a Chiram (9,10-14).” (Brown, 2002, p. 216). La visita della regina di Saba a Salomone[13], secondo gli studiosi del Nuovo Grande Commentario Biblico, è "una leggenda popolare, ma può avere un nocciolo storico in una visita da parte di una delegazione commerciale araba"; secondo il racconto biblico, tra i doni che la regina portò a Salomone vi furono centoventi talenti d'oro, ovvero ben oltre le due tonnellate di oro, una quantità inverosimile[14]. Non essendo gli scribi che redassero le cronache della costruzione degli architetti, i dati tecnici che restano sono scarsi. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Infine, nell'undicesimo anno di regno, sette anni e mezzo dopo l'inizio, il Tempio fu completato. (Israel Finkelstein e Neil Asher Silberman, Le tracce di Mosé. Sono visibili influenze siro-fenicie, egiziane e mesopotamiche; uno spiazzo o un cortile attorno alla sacra residenza della divinità, segnata con pietre, è una caratteristica comune nelle religioni semitiche. Forse che Salomone era in grado di calcolare π? [16] ^ Cfr: Brown, 2002, pp. Altre contraddizioni sono in merito alle sue ricchezze (come sotto meglio precisato), agli operai che per lui lavoravano (ad esempio Cfr: 1Re5,29-30 e 2Cro2,1) e alle greppie per cavalli da lui possedute (40.000 in 1Re5,6 oppure 4.000 in 2Cro9,25, cifra ritenuta più verosimile dagli esegeti dell’interconfessionale Bibbia TOB). Il primo Libro dei Re dà un esempio significativo della sapienza di Salomone. [10] ^ (EN) Bibbia di Re Giacomo, edita nel 1611: Wisdom of Solomon, capitolo 2, versi 12 e da 17 a 20, su kingjamesbibleonline.org(archiviato il 28 giugno 2012). | XI-XII) attribuisce a Salomone e ai suoi jinn lo scavo e la costruzione di 1000 canali, (in arabo: ﻗﻨﺎﺕ , ﻗﻨﺎة‎, qanāt) che costituiscono l’antico sistema irriguo ancora oggi in funzione in gran parte dell’Oman. [35] ^ Cfr: Bibbia di Gerusalemme, EDB, 2011, pp. Va rilevato, comunque, come le cifre indicate nella Bibbia, in riferimento a Salomone, siano a volte sproporzionate e in contraddizione tra loro. (Targum Yonatan, Qoelet). La 53ª sukkah del Talmud Babilonese è una parabola che racconta di come un giorno Re Salomone si accorse che l’Angelo della Morte era triste. La Bibbia tra storia e mito, Carocci, 2002, pp. La sua grande fama di saggio è senza alcun dubbio la ragione della sua «paternità» di tre libri sapienziali, ma nessuno dei tre [Proverbi, Qoelèt, Sapienza] può a buon diritto reclamarlo come autore […] Non c'è dubbio: l'attribuzione di questi libri a Salomone serviva ad accrescere la loro autorità"[15]; anche gli studiosi dell'interconfessionale Bibbia TOB sottolineano come per il Cantico dei Cantici "l'autore non è certamente Salomone: come è accaduto per Proverbi, Qoelèt, Sapienza, il Cantico gli è stato attribuito"[16] e quelli della Bibbia (Edizioni Paoline) - concordemente agli esegeti dell'École biblique et archéologique française (i curatori della Bibbia di Gerusalemme)[17] - evidenziano che nel Cantico dei Cantici "l'attribuzione a Salomone è quindi fittizia (come in Qohèlet e Sapienza) ed è indice che il redattore ha inteso collocare il suo libro nell'alveo della corrente sapienzale, di cui Salomone era l'alto patrono"[18]. Accadde quanto segue…». Salomone (in arabo: سليمان‎, Sulayman) è citato cinque volte nel Corano (2:102; 21:81-82; 27:15-45; 34:11-13 38:30-34 ) come profeta saggio ed in possesso della conoscenza di molteplici scienze tradizionali. Secondo la tradizione, i preparativi durarono tre anni; e infine la costruzione ebbe inizio, con gli esperti Fenici come direttori dei lavori e costruttori, nel corso del 4º anno del regno di Salomone. VII-IX, 37-38, 59-87, 109-116, 134-135, 154-156, 193-198, 275-398, ISBN 978-88-420-7060-3; Ivana Zingariello e Giorgio Gabbi, La Bibbia è piena di bugie?, in Quark, n° 50, marzo 2005, pp. [19] ^ La Bibbia, Edizioni Paoline, 1991, p. 528, ISBN 88-215-1068-9. Quando non riuscì a controllare a sufficienza le sue mogli per impedire loro di praticare idolatria, Hashem lo lasciò in potere dello shed Eshmadai. Nella Bibbia ci viene proposto l’incontro con la regina di Sheba o Saba, molto probabilmente dell’antico regno sabeo, nella zona dell’attuale Etiopia, la cui mitica ricchezza era ben nota alla cultura biblica, che dei Sabei parla nel “Libro dei Popoli”. Il Tempio di Salomone non era copia di nessuno di questi, e neppure dei palazzi Fenici, ma riprendeva caratteristiche di tutti questi. Fu allora che costruì, sul monte che sta di fronte a Gerusalemme, un alto luogo per Chemosh, la divinità di Moab, e per Moloch, la divinità dei figli di Ammon. [3] ^ La cui redazione è comunque attorno al VI secolo a.C., pur facendo riferimento a precedenti tradizioni. La Bibbia, Edizioni Paoline, 1991, p. 528, Come evidenziato dall'archeologo israeliano. 110-113, ISBN 978-88-420-9841-6. Attualmente, comunque, anche la più autorevole esegesi cristiana riconosce come a Salomone non si possano attribuire libri biblici. Il libro sacro dell'Etiopia intitolato Kebra Nagast narra dettagliatamente del loro incontro, del loro figlio Menyelek (o Menelik) e dello spostamento dell'Arca dell'Alleanza: secondo la tradizione etiope, seguendo la linea monarchica di discendenza diretta, il duecentoventicinquesimo erede del trono di Salomone è Ras Tafari Makonnen, il negus, ultimo Re dei Re, incoronato Imperatore il 2 novembre 1930 col nome di Haile Selassie I, letteralmente Potere della Santa Trinità. Come ogni altro re di quel periodo, Salomone prese a circondarsi di mogli straniere (Moabite, Ammonite, Idumee, Sidonie, Ittite), sia per motivi politici, sia per dimostrare il proprio potere. This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. Forse che Salomone era in grado di calcolare π? Fu allora che costruì, sul monte che sta di fronte a Gerusalemme, un alto luogo per Chemosh, la divinità di Moab, e per Moloch, la divinità dei figli di Ammon. [16]Ad esempio, le descrizioni bibliche del Tempio e del suo palazzo reale – dei quali, nonostante ripetute ricerche archeologiche, non sono state trovate tracce-[17] sono incompatibili con il periodo salomonico e lo storico ed archeologo Mario Liverani sottolinea come “questi edifici, nelle dimensioni riportate dal testo biblico, superano di molto lo spazio disponibile nella piccola Gerusalemme che l’archeologia consente di assegnare al X secolo. In 1Cr29,4 si parla del 3% di questa quantità; e in Esd 2,69; 8,26 addirittura soltanto dell'1% ". Il profeta Achia di Silo, sdegnato, gli predisse questo scisma politico e religioso dopo la sua morte, ungendo re delle tribù del nord il suo generale Geroboamo. Si racconta che re Salomone aveva incatenato il re degli shedim Eshmade con una collana sulla quale era il Nome di Dio Onnipotente; esso rese notevoli servizi quando re Salomone aveva costruito il tempio di Gerusalemme. In Babilonia la struttura caratteristica era quella delle torri terrazzate, gli ziggurat, ad evidente imitazione delle montagne, residenza degli dei. Il Tempio mostra evidenti somiglianze con altri templi del periodo e della regione, ma anche differenze marcate per dimensioni e determinati elementi architettonici. Ma fu spinto ad agire dagli sforzi del profeta Natan e dalla madre di Salomone, e il complotto fu sventato dall'unzione immediata di Salomone. La saggezza, la ricchezza e la grandezza del regno di Salomone, secondo la Bibbia,[25] divennero leggendarie. These cookies will be stored in your browser only with your consent. Nel Tempio di Salomone non vi era un equivalente della sala ipostile egizia; questa caratteristica fu introdotta nel palazzo di Salomone. 137-159, ISBN 978-88-430-6011-5.
2020 morte del re salomone