Alpe La Rocca a ore 1.30. Secondo me ne vale la pena; le baite di Viso, interamente Dopo pochi passi alla sinistra troviamo una piazzetta con alcuni edifici. Dopo pochi passi alla sinistra troviamo una piazzetta con alcuni edifici. Poco dopo guadiamo un ruscello nei pressi di un altro casello. Ponte di Legno a ore 6.15; a sinistra (sentiero n. 59) rifugio Bozzi a ore 3.30, Laghi di Ercavallo a ore 2.15, S. Apollonia a ore La aggiriamo alla destra e saliamo per pochi metri su fondo laghetto di Viso posto ai piedi di una liscia parete verticale. XHTML 1.0 Strict - citata. Ci accostiamo al torrente che esce dal nevaio di destra e si dirige verso il lago (m. 2600). Poco dopo troviamo una traccia di sentiero e la seguiamo, sempre diritto in discesa, sulla larga crestina tra i due nevai. Watch Queue Queue. In leggera salita passiamo accanto a un ometto. 6.30; sempre a sinistra (sentiero 102) il laghetto di Viso a 15 minuti. Come arrivare: La nostra escursione inizia al Passo del Foscagno (m. 2291) un valico alpino raggiungibile da Bormio o da Livigno tramite la strada statale 301. Oltre le baite ci immettiamo sulla sterrata. Oltrepassata Ponte di Legno prendiamo a sinistra (via Trento) la statale 300 del Passo del Gavia. Ci immettiamo su di un sentiero, segnalato da un bollo rosso-bianco-rosso, che inizia in lievissima salita. Superiamo due semicurve sinistra-destra (m. 2615). Un ruscello invade il sentiero (m. 2350). Continuiamo dapprima in leggera discesa e poi quasi in piano. Dopo un tratto in salita continuiamo con poca pendenza. Percorriamo un tratto in salita e continuiamo quasi in piano (m. 2375). alla malga. Superiamo il ponte sul torrente Frigidolfo e continuiamo fino a trovare sulla destra la strada che sale a Pezzo. Proseguiamo in modo abbastanza ripido (m. 2565). Il Lago Nero (o per meglio dire "questo" Lago Nero visto che il toponimo è parecchio diffuso) è situato in una conca ai piedi del versante nordorientale del Monte Le abitazioni sono una trentina. Proseguiamo in leggera discesa e, davanti leggermente verso destra, cominciamo a vedere il Lago Nero (m. 2630). I segnavia indicano: Laghi di Ercavallo, Corno dei Tre Signori, Malga del Forgnuncolo, Rifugio A. Bozzi, Forcellina del Montozzo, In alto cominciamo a vedere la bandiera del rifugio posta su una torretta di avvistamento. La troviamo infatti poco dopo (m. 2110), sulla destra più in basso, raggiungibile con una breve stradina. la Punta di Montozzo (m. 2863), il Torrione d'Albiolo (m. 2969) e la Cima Casaiole (m. 2779). Continuiamo diritto in posizione sopraelevata rispetto a due nevai che abbiamo ai lati. davanti con il sentiero 130: Alpe Trela a ore 0.55, Passo Trela a ore 1.30, Laghi di Cancano a ore 1.45; dietro con il sentiero 130: Passo Foscagno a ore 1.10, Parcheggio P13 a ore 1.10, In leggera salita attraversiamo un nevaio al termine del quale riprendiamo il sentiero (m. 2630). Attraversiamo un ruscello che bagna il percorso e proseguiamo con un sentiero in leggera salita (m. 2365). A testimonianza della "Guerra Bianca" condotta quassù tra vette, rocce e ghiacciai, rimangono nei dintorni i resti di un villaggio Watch Queue Queue. La nostra escursione inizia al Passo del Foscagno (m. 2291) un valico alpino raggiungibile da Bormio o da Livigno tramite la strada statale 301. costruite in pietra, ben conservate e abitate, meritano sicuramente una visita. - diritto con il sentiero 130: Lach Néir a ore 1.10, Cheśéira de Trèla a ore 2; Saliamo ripidamente (m. 2520). Un altro rivolo attraversa il sentiero e per alcuni metri lo bagna (m. 2340). Risaliamo un piccolo dosso. Entrambi sono marcati dai bolli. Superiamo due brevi tratti, il primo quasi in piano e l'altro in leggera discesa. Noi continuiamo sempre diritto alternando tratti in discesa ad altri in leggera discesa. Continuiamo dapprima quasi in piano e poi in leggera salita attorniati da sfasciumi. Continuiamo superando alcuni tornanti tra rododendri, mughi e radi larici, con bella vista sulla sottostante vallata e sul Ci sono vari tavoli e panche ed un ampio spazio per lasciare le autovetture. Poco sotto alla destra c'è il lago. TORNA SU, Escursione effettuata nel mese di settembre 2006. Proseguiamo in discesa e, prima di raggiungere il torrente emissario che esce alla sinistra in fondo al lago, troviamo altri segnavia più recenti che indicano: Lago Nero m. 2550; Il rifugio prende il nome da Angiolino Bozzi uno dei primi caduti durante la Grande Guerra, su questo fronte alpino. Come arrivare: Risalendo la statale 42 della Val Camonica o scendendo con la statale 39 dall'Aprica, arriviamo a Edolo. Percorriamo un breve tratto in salita (m. 2605). Per un tratto alla destra ci sono delle rocce e a seguire delle pareti coperte da rododendri (m. 2300). Riprendiamo a salire. A quota 2100 è meglio ignorare una scorciatoia che sale a sinistra (il sentiero infatti più avanti sparisce) e continuare sulla In leggera salita arriviamo a un tornante destrorso dove vediamo un segnavia rosso-bianco-rosso (m. 2435). Superiamo due semicurve destra-sinistra. Continuiamo poi in direzione del Passo del Tonale. Dopo un tratto in piano e il superamento di un altro ruscello continuiamo in lieve salita. La pendenza diminuisce un poco e i due sentieri si uniscono (m. 2470). Dopo una curva verso sinistra torniamo a salire attorniati da roccette (m. 2480). Poi la pendenza diminuisce un poco (m. 2530). Dopo un tratto in piano riprendiamo la lieve salita incrociando la scorciatoia, che tagliava il precedente tornante e che continua La traccia diventa sentiero. Il sentiero si divide e subito si ricompone (m. 2495). Il sentiero è infangato dall'acqua di altri due rivoli. Ora saliamo in modo abbastanza ripido. Dopo un tratto con poca pendenza e due passi in discesa riprendiamo a salire (m. 2555). Continuiamo diritto, seguendo i bolli, con un sentierino in leggera discesa tra l'erba. Quasi in piano attraversiamo un tratto di terreno smosso. A fatica riusciamo a leggere, Qui: Lago Nero m. 2551; dietro: Alpe La Rocca m. 2187, P.so Foscagno m. 2291 a Scavalchiamo due rivoli (m. 2405). XHTML 1.0 Strict - Subito dopo troviamo un bivio (m. 2430). This video is unavailable. costruzioni che sembrano disabitate, la più vecchia delle quali (quella centrale) ha il tetto sfondato. Al centro, nei pressi di una fontana, altri cartelli indicano: a destra (sentiero n. 52) rifugio Bozzi a ore 2, Tonale a ore 4.30, Subito percorriamo una curva verso sinistra in leggera salita, seguita da un tornante destrorso. sabbioso. Superiamo una curva verso sinistra. Percorriamo alcuni brevi saliscendi. Due piccoli ruscelli, uno dopo l'altro, la attraversano. This video is unavailable. Noi abbiamo optato per una soluzione intermedia, seguendo un po' la logica e un po' l'estro. Dopo un altro breve tratto in salita, proseguiamo quasi in piano tra erba, rododendri e pietre (m. 2370). Lago delle Locce (2223m) e Rifugio Zamboni Zappa (2065m) - Partenza da Macugnaga loc. Giunti in cima troviamo di fronte a noi il lago di Montozzo. All'esterno di un tornante scorre un piccolo torrente (m. 2025). Superiamo il ponte sul torrente Frigidolfo e continuiamo fino a trovare sulla destra la strada che sale a Pezzo. Lade den GPS-Track herunter und folge der Route auf einer Karte. C'è poi un altro cartello che indica sulla destra: Camos 7. TORNA SU, Escursione effettuata nel mese di luglio 2019. Il torrente alla destra si allontana dal sentiero. Proseguiamo con poca pendenza (m. 2315). Come arrivare: - dietro con il sentiero 130: Sómp i Dös - Fosc'chègn a ore 0.20, Parcheggio P13 a ore 0.20; Riprendiamo il sentiero. militare trasformato in museo storico all'aperto. Superiamo una semicurva verso sinistra. Alla destra ci sono ancora delle rocce. una mezzora di cammino. Al successivo tornante lasciamo la strada che fa un giro a destra e continuiamo diritto con un sentiero che sale in modo più deciso in direzione della bandiera. In salita, uno dopo l'altro, superiamo due rivoli che attraversano il sentiero. Tra le rocce superiamo uno zig-zag sinistra-destra. Copyright © Diska 2010-20 - Dopo un tratto in leggera salita, quasi in piano guadiamo un ruscello e proseguiamo in salita (m. 2395). Proseguiamo in modo abbastanza ripido tra erba, rododendri e massi. Presso un tornante (m. 2280) un ruscello attraversa per due volte passando sotto alla strada. Troviamo una palina con dei segnavia su fondo giallo, molto sbiaditi (m. 2565). Valid CSS - Hike routes can be mapped or uploaded from GPS devices. Lasciamo la macchina nel piccolo parcheggio P13 (alla sinistra per chi arriva da Livigno) e ci incamminiamo verso la dogana. Watch Queue Queue In leggera salita superiamo un tornante sinistrorso. Preferiamo continuare lungo la strada ignorando anche il prossimo sentiero a destra. Raggiungiamo un'ampia insellatura erbosa (m. 2645). Si tratta di tre Alterniamo due tratti quasi in piano a uno in leggera discesa. Il Lago Montozzo è situato nei pressi dei Rifugio Bozzi, ed è circondato da un gruppo di monti dall'aspetto seghettato: Rocca (m. 2810). Continuiamo in salita (m. 2560). Torniamo a salire (m. Dopo pochi passi quasi in piano, in leggera salita superiamo due semicurve destra-sinistra. Alla destra ci sono delle rocce. sterrata, che aggira il paese sulla destra e poi sale fino all'area pic-nic "Pra del Rum" (m. 1877). Con un ponte in legno superiamo il torrente Arcanello e ci incamminiamo tra le due file di baite. Il primo tornante lo tagliamo prendendo un sentierino in lieve salita sulla destra tra i prati. Dopo un tratto con poca pendenza riprendiamo a salire (m. 2425). Scegliamo di continuare Raggiunta nuovamente la sterrata, la attraversiamo e continuiamo sul sentiero con maggior pendenza fino all'area pic-nic già A sinistra c'è un cartello che indica la Malga Forgnuncolo, i laghi di Ercavallo e il Corno Tre Signori. Continuiamo in leggera salita. Quasi in piano percorriamo una curva verso destra (m. 2640). Superiamo una curva verso sinistra seguita da due curve destra-sinistra vicine tra loro (m. 2505). Sulla sinistra c'è una valletta che viene aggirata dalla sterrata. Valid CSS - Poco sotto vediamo l'altro sentiero (m. 2455). Da questo punto infatti in transito non è più consentito. Continuiamo in salita. Continuiamo in lieve discesa ignorando il sentiero che sale a sinistra tagliando il successivo tornante in modo da passare davanti Attraversiamo un altro rivolo. Con una semicurva verso sinistra aggiriamo un masso con i bolli (m. 2445). Ora la pendenza aumenta un poco. sulla destra. Continuiamo con un tratto in salita e uno con poca pendenza (m. 2600). Subito dopo, presso una semicurva verso destra, passiamo tra due massi. Possiamo seguirla interamente fino al rifugio oppure utilizzare le scorciatoie che tagliano i suoi lunghi tornanti risparmiando Oltre il nevaio continuiamo diritto quasi i piano. Trincee, torrette di avvistamento e postazioni di tiro sono state recentemente restaurate. Saliamo in modo abbastanza ripido (m. 2580). ore 2. Percorriamo un breve tratto in discesa e riprendiamo a salire con un con paio di serpentine sinistra-destra (m. 2490). Lasciamo la macchina nel piccolo parcheggio P13 (alla sinistra per chi arriva da Livigno) e ci incamminiamo verso la dogana. Torniamo a salire. Un ruscello sgorga poco sotto alla sinistra. Lasciamo a sinistra una pozza recintata accanto alla quale troviamo una palina con dei segnavia che indicano Passo Contrabbandieri, Area Pic Nic Pra del Rum, Lago di Viso. Dopo un tratto con poca pendenza, quasi in piano attraversiamo un rivolo e continuiamo in salita. Macugnaga - Lago delle Locce - Distance: 13.92 km - Elevation: 870 hm - Location: Macugnaga / Piemonte / Italia - Wandermap is one of the largest collections of hike routes on the web.
2020 lago delle locce come arrivare