Gaetano frequentò con Giampietro Carata, che aveva rinunciato al vescovato, la Compagnia del Divino Amore che si radunava presso il penitenziere apostolico e parroco di Santa Dorotea in Trastevere, Giulino Dati, finché nel 1518 fu costretto a ritornare a Vicenza a causa della malattia della madre. Prese ad assistere gli ammalati dell’ospedale di San Giacomo, si iscrisse all’Oratorio del Divino Amore, associazione che si riprometteva di riformare la Chiesa partendo dalla base, il tutto alternandolo con il lavoro in Curia; anche in queste attività conobbe altre personalità, che avevano lo stesso ideale riformista. Il dettaglio della sua prima Messa è di notevole importanza, perché legato al miracolo dell’apparizione. Quei preti che il popolo chiamava “riformati” e che si accontentavano di vivere con le elemosine dei fedeli, svolsero il loro ministero nella chiesa di San Nicola dei Prefetti e poi in una casa sul Pincio, senza peraltro trascurare l’assistenza ai malati dell’ospedale di San Giacomo. Martirologio Romano: San Gaetano da Thiene, sacerdote, che a Napoli si dedicò a pie opere di carità, in particolare adoperandosi per i malati incurabili, promosse associazioni per la formazione religiosa dei laici e istituì i Chierici regolari per il rinnovamento della Chiesa, rimettendo ai suoi discepoli il dovere di osservare l’antico stile di vita degli Apostoli. I segni della sua santità erano visibili già nella giovinezza. Nel 1538 il Viceré spagnuolo, don Pietro di Toledo, ottenne dall’arcivescovo Vincenzo Carafa la chiesa di San Paolo Maggiore per Gaetano e i suoi Chierici Regolari. We believe in the values of the old country like quality, freshness and tradition. Ogni giorno faceva chilometri a piedi per recarsi in seminario e la gente che lo vedeva era solita dire: «Passa san Gaetano». Sotto la sua guida Maria Lorenza Longo, fondatrice dell’Ospedale degl’Incurabili, diede impulso al monastero delle Cappuccine, e Maria d’Ayerbo, vedova del Duca di Termoli, fondò un monastero di donne pentite. La sua festa venne estesa alla Chiesa Universale nel giorno del suo dies natalis. San Gaetano Errico, fondatore dei Missionari dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, passava ore e ore a confessare, tanto che nell’omelia di beatificazione Giovanni Paolo II lo definì «vero martire del confessionale». Dopo aver conseguito la laurea in utroque iure a Padova, dopo aver vestito col permesso del vescovo l’abito clericale, si trasferì a Roma (1507), dove da Giulio II fu introdotto nella famiglia palatina quale Protonotario Apostolico e dotato di benefici. Per servire Dio nel prossimo volle far parte della Compagnia del Divino Amore, fondata a Genova, verso il 1497, nel cenacolo spirituale facente capo a Santa Caterina Fieschi, ed estesa dal notaio Ettore Vernazza e da altri pii genovesi a Roma e nelle principali città d’Italia. San Gaetano Thiene fu il fondatore dell’Ordine dei Chierici regolari teatini. Le sue reliquie sono venerate a Napoli, nella chiesa di San Paolo Maggiore, insieme a quelle di S. Andrea Avellino, suo confratello. Le visioni erano solo una parte della sua vita. Nel settembre 1516 a 36 anni, accettò di essere ordinato sacerdote, ma solo a Natale di quell’anno, volle celebrare la prima Messa nella Basilica di S. Maria Maggiore. I membri di tale ordine furono chiamati teatini e rappresentarono il primo ordine di chierici regolari sorto durante il periodo della Controriforma. Nel 1818, mentre era raccolto in preghiera, gli apparve sant’Alfonso Maria de’ Liguori che gli preannunciò che sarebbe divenuto il fondatore di una congregazione e gli disse che Dio voleva la costruzione di una chiesa a Secondigliano da dedicare alla Vergine Addolorata. Essi riuscirono ad averli tra loro nel 1533 per espressa volontà di Clemente VII il quale impose al Carata, superiore, “di mandare qualcuno dei suoi Chierici Regolari al più presto nella città di Napoli e di accettare i luoghi offerti”. Difatti, nello stesso giorno, il rappresentante della città di Napoli, don Placido di Sangro, reduce da Norimberga dove si era incontrato con Carlo V, assicurava al popolo “i frutti soavissimi dell’imperiale clemenza”. Si spense il 7 agosto del 1547. ______________________________ And every weeknight, from Monday to Friday, take advantage of the specials on our table d’hôte menu. Gaetano fin da subito si dimostrò uno studente modello, tanto che nel 1504 conseguì la laurea in diritto e diritto canonico. La piazza antistante la Basilica di S. Paolo Maggiore è a lui intitolata, ma la stessa basilica, per secoli sede dell’Ordine, è ormai da tutti chiamata di S. Gaetano; il suo corpo insieme a quello del beato Marinoni, del beato Paolo Burali e altri venerabili teatini è deposto nella cripta monumentale, che ha un accesso diretto sulla piazza, ed è meta di continua devozione del popolo dello storico e popoloso rione. Per la sua illimitata fiducia in Dio è venerato come il santo della provvidenza. Di notte si alzavano per la recita di Mattutino che salmodiavano con molta cura. Quando vide che le sue parole di perdono e di pace restavano soffocate dalle grida di odio e di vendetta, si offrì a Dio vittima di propiziazione e di perdono per la diletta città. Sembrava essere quella giuridica la sua strada, ma la sua vocazione spirituale lo spinsero verso un altro cammino. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: © Tutti i contenuti pubblicati su lalucedimaria.it sono proprietà dei rispettivi autori o publisher. San Gaetano Thiene Sacerdote. San Gaetano Thiene nacque a Vicenza nel 1480. Se i soggetti avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate. Nel 1527 avvenne il feroce ‘Sacco di Roma’ da parte dei mercenari Lanzichenecchi, il papa Clemente VII della famiglia fiorentina de’ Medici, fu costretto a rifugiarsi in Castel S. Angelo difeso dal Corpo delle Guardie Svizzere, che subì pesanti perdite negli scontri. Il suo è uno dei nomi più usati da imporre ai figli dei napoletani e di tutta la provincia. Si prodigava per i bisognosi e alimentava l’anima stando a lungo in ginocchio davanti al Santissimo Sacramento. Visualizza altre idee su Santi cattolici, Personaggi famosi, Xviii secolo. Miasteczko rozwinęło się w XVIII wieku. Gaetano in quel triste momento, fece di tutto per evitare il massacro e quando si accorse che la sua voce non era ascoltata, offrì a Dio la sua vita in cambio della pace; morì a Napoli il 7 agosto 1547 a 66 anni, consumato dagli stenti e preoccupazioni e due mesi dopo la pace ritornò nella città partenopea. Gaetano aveva in cuore di donare la sua vita a Dio e così fu. Alla grande cura per il sacramento della Confessione univa l’attenzione per i poveri, i malati, i carcerati, verso i quali si prodigava facendo ogni genere di sacrificio e instillandogli la coscienza di essere amati in modo unico dal Padre. No, è solo per dire: dato che qui non c'è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche per dimostrare che si può fare qualcosa. Gaetano giungeva sempre primo al coro perché dormiva poco. In una lettera scritta a suor Laura Mignani a cui era legato da filiale devozione, Gaetano confidò che durante la celebrazione della Messa, gli apparve la Madonna che gli depose tra le braccia il Bambino Gesù; per questo egli è raffigurato nell’arte e nelle immagini devozionali con Gesù Bambino tra le braccia. Signore, ecco la tua moneta d’oro, che ho tenuto nascosta (Lc 19, 20), Gli attacchi, spesso scomposti e irrispettosi, verso Don Leonesi, “reo” di aver difeso la vita nascente, dimostrano come nel nostro Paese esista una cultura anticristiana. 8, Udine: ed. Powered by 2point0media. 52-56, function googleTranslateElementInit() { new google.translate.TranslateElement( { pageLanguage: 'it' }, 'google_translate_element'); }. Sapore che ben si adatta alla figura di Gaetano Errico, che della vita francescana ha subito il fascino. Segno, 1991, pp. di cui godi tutto l'amore di figlio Infatti, oltre ad assistere gl’incurabili o luetici, i Preti Poveri o Teatini provvidero a fare sorgere altre iniziative tra cui quella a favore degli orfani di cui si occupò S. Girolamo Emiliani (+1537), discepolo spirituale di S. Gaetano. E, dopo mattutino, invece di ritornare a letto, restava in ginocchio in chiesa fino al momento della Messa. attendiamo impazienti la fecondità E' soltanto un segno per cercare di muovere l'ambiente, per cercare di dare un modello di comportamento, per spingere le autorità a fare il loro dovere, perché tutti a poco, a poco si sentano coinvolti. Continuando a serpeggiare nel vicereame di Napoli gli errori della propaganda eretica degli “spirituali” capeggiati da Valdés, Pietro di Toledo decise di stabilirvi il Tribunale dell’Inquisizione. Nacque a Vicenza dalla nobile famiglia dei Thiene nel 1480, e fu battezzato con il nome di Gaetano, in ricordo di un suo celebre zio, il quale si chiamava così perché era nato a Gaeta. 450.933.9884. San Vito Lo Capo – miejscowość i gmina we Włoszech, w regionie Sycylia, w prowincji Trapani.. Według danych na rok 2004 gminę zamieszkiwało 3914 osób, 66,3 os./km². Tutti i contenuti pubblicati su lalucedimaria.it sono proprietà dei rispettivi autori o publisher, Devozione al Sacro Cuore di Gesù: Preghiera del mattino del 7 Agosto 2020, Novena per l’Assunzione di Maria al cielo – secondo giorno, Medjugorje: abbiamo a disposizione uno strumento formidabile, Vangelo del giorno: Luca 19,11-28 – Audio e commento Papa Francesco, Preghiera della sera 17 Novembre 2020: “mi prostro davanti a Te”. Well worth the visit. ___________________ Maturò l’esperienza congiunta di preghiera e di servizio ai poveri e agli esclusi. 039 9418930, redazione@lanuovabq.it Tel. Si mortificava con discipline di vario tipo: «Adesso mi fai sentire quel dolore che non provai quando ti portai in seno e ti partorii», gli disse un giorno la madre lavandogli i vestiti macchiati di sangue. Fin dai primi anni fu educato dalla pia genitrice all’amore dei poveri che accorrevano numerosi alla porta della sua splendida dimora. E quando le autorità civili vollero instaurare nel Viceregno di Napoli, il tribunale dell’Inquisizione, il popolo napoletano (unico a farlo nella storia triste dell’Inquisizione in Europa) si ribellò; la repressione spagnola fu violenta e ben 250 napoletani vennero uccisi, per difendere un principio di libertà. Histats.track_hits();} catch(err){}; L'azione dei volontari e delle suore del Centro "Padre Nostro" deve essere un segno. Il nome Teatini deriva dall’antico nome di Chieti (Teate), di cui uno dei fondatori il Carafa, ne era vescovo. Ancora oggi il Banco di Napoli, vanto e gloria della città, vive legato al nome di chi volle e ne incoraggiò la fondazione a scopo assistenziale. Ognuno si impegnava a rinnovarsi interiormente con gli esercizi di pietà, la vita contemplativa e le conferenze di religione, onde poter convenientemente esercitare l’apostolato presso i poveri e gli ammalati, gli orfani e gli abbandonati, con la fondazione di ospedali per gl’incurabili e ospizi per le giovani pericolanti o traviate. Guido Pettinati SSP, The desserts were also good. La lezione di Biffi, La Dad è una scelta scellerata: rimediamo così, McCarrick e omosessualità, c'è un problema dottrinale, Attacco a Giovanni Paolo II: ecco a cosa serve il Rapporto McCarrick, Il premio Nobel per la Pace fa la guerra al Tigray, Piove sul bagnato: lo Stato aiuta il settore pubblico. Per sottrarre i cittadini alle usure degli ebrei, egli fece prestare denaro ai bisognosi dietro un piccolo pegno di garanzia. Nella piazza, come in altre zone di Napoli, vi è una grande statua che lo raffigura; da secoli è stato nominato compatrono di Napoli. Nel settembre del 1516 Gaetano ricevette l’ordinazione sacerdotale, ma chiese esplicitamente di voler celebrare la sua prima Santa Messa a Natale, nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. di frutti abbondanti di carità, Centro di Ascolto Parrocchiale “Padre Nostro”, Preghiera al Beato Giuseppe Puglisi, martire, Parrocchia san Gaetano - Maria SS. A blog dedicated to St Cajetan of Thiene, Patron Saint of the Unemployed and Job Seekers, to bring a ray of hope in difficult times. Si fortificava nella penitenza, con il digiuno a pane e acqua il mercoledì e una semplice minestra tra venerdì e sabato. A chi gli obiettava che i napoletani erano meno generosi dei veneziani, egli rispondeva: “Può essere, ma Dio si trova tanto a Napoli che a Venezia”. The fresh pasta was something to die for. Prapremiera: 26 grudnia 1819, Wenecja, Teatro San Samuele. Aggiunto/modificato il 2003-06-10. Pizzeria Da Angelo, San Vito di Leguzzano: See 17 unbiased reviews of Pizzeria Da Angelo, rated 4 of 5 on Tripadvisor and ranked #4 of 8 restaurants in San Vito di Leguzzano. Questo santo, gloria della rinascita cattolica italiana, nacque a Vicenza nell’ottobre del 1480 dal conte Gaspare Thiene. Your online presence on Top Local Places looks great on all devices, especially mobile.Now you can focus more on your stuff ;) La fondò nel 1833. Dopo aver superato alcune resistenze, il santo riuscì a far costruire la chiesa. La celebrazione della prima Messa da lui procrastinata di tre mesi doveva segnare l’inizio del suo mistico annientamento. Copyright © 2020 Restaurant La Vita. Health and safety remain our top priorities. Nel 1520 Gaetano era stato pure rettore di Santa Maria di Malo, nei pressi di Vicenza, e dall’abate di San Paolo fuori le Mura gli erano stati concessi i santuari isolati del Monte Soratte (Roma), prima che passassero al B. Paolo Giustiniani (+1528), riformatore degli eremiti camaldolesi poi detti di Montecorona (Frascati). Sac. Gaetano non si lasciò abbagliare dallo splendore della corte pontificia, né si scoraggiò per la miseria morale che vedeva; egli ripeteva: “Roma un tempo santa, ora è una Babilonia”; invece di fuggire e ritirarsi in un eremo, da uomo intelligente e concreto, passò all’azione riformatrice, cominciando da sé stesso; incoraggiato da una suora agostiniana bresciana Laura Mignani, che godeva di fama di santità. Da allora orientò il suo apostolato a diffondere la devozione ai Sacri Cuori in quella fase cruciale che avrebbe portato all’Unità d’Italia e all’accelerata secolarizzazione che ne seguì. Non volle mai saperne di rendite. Il suo eroico sacrificio non era stato infruttuoso. Protonotario apostolico di Giulio II, lasciò sotto Leone X la corte pontificia maturando, specie nell'Oratorio del Divino Amore, l'esperienza congiunta di preghiera e di servizio ai poveri e agli esclusi. La sua offerta fu accettata. Il Sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani. Il popolo, che non ne voleva sapere, prese a tumultuare. Proprio durante uno di quei momenti, il Signore gli manifestò che la congregazione annunciatagli anni prima «dev’essere istituita in onore dei Sacri Cuori di Gesù e Maria». Fresh pasta was outstanding. Gaetano aveva in cuore di donare la sua vita a Dio e così fu. Ispirandosi al discorso della montagna e al modello della Chiesa apostolica fu restauratore della vita sacerdotale e religiosa e fondò nel 1524 i Chierici Regolari Teatini. Tra le importanti attività che resero nota la fama del Santo vicentino c’è sicuramente la fondazione, insieme a Gian Pietro Carafa, Vescovo di Chieti e futuro Paolo IV, di un nuovo ordine religioso. Le costituzioni dell’Ordine furono infatti emanate solo nel 1604. Maturò l’esperienza congiunta di preghiera e di servizio ai poveri e agli esclusi. Istniał tu niewielki kościół pod wezwaniem świętego Wita, który rozrósł się w … Un’altra benefica opera che vive ancora, legata al nome del nostro santo, fu l’istituzione a Napoli del Monte di Pietà. I suoi missionari sono oggi presenti anche all’estero e a ciascuno di loro san Gaetano (‘o Superiore come lo chiamavano gli abitanti di Secondigliano) ha lasciato questo testamento: «Amatevi scambievolmente e siate osservantissimi delle Regole». Crebbe in una famiglia povera e numerosa. Negli affari che passarono per le sue mani si mostrò tale prodigio di dottrina e di prudenza che fu da tutti celebrato come specchio e modello di prelati ecclesiastici. Ecco così i Monti di Pietà per giusti prestiti ed elargizioni, l’istituzione degli ospedali, orfanotrofi, ospizi, lebbrosari, ecc. Morì difatti il 7-8-1547, circa due mesi e mezzo dopo l’inizio dei subbugli violenti e sanguinosi. L’ispirazione che egli sentiva impellente, era di formare e donare alla Chiesa sacerdoti che vivessero la primitiva norma della vita apostolica, perciò non ebbe fretta a stendere una Regola, perché questa doveva essere il santo Vangelo, letto e meditato ogni mese, per potersi specchiare in esso. Nel 1533 per volere del papa Clemente VII, si trasferì insieme al suo collaboratore il beato Giovanni Marinoni, nel Vicereame di Napoli, stabilendosi prima all’Ospedale degli Incurabili, fondato in quel tempo dalla nobile spagnola Maria Lorenza Longo, insieme ad un convento di suore di clausura, dette ‘le Trentatrè’, istituzioni ancora oggi felicemente funzionanti; e poi nella Basilica di S. Paolo Maggiore posta nel cuore del centro storico di Napoli, nella città greco-romana. Papa Clemente X, il 12 aprile del 1671, lo proclamò Santo. Great pizza too. Per legare la sua vita alla croce Gaetano accettò di essere ordinato sacerdote (1516). Nacque a Vicenza dalla nobile famiglia dei Thiene nel 1480, e fu battezzato con il nome di Gaetano, in ricordo di un suo celebre zio, il quale si chiamava così perché era nato a Gaeta. Nacque a Vicenza dalla nobile famiglia dei Thiene nel 1480, e fu battezzato con il nome di Gaetano, in ricordo di un suo celebre zio, il quale si chiamava così perché era nato a Gaeta. del Divino Amore il Santo non operò mai in campo giuridico e si indirizzò verso lo stato di religioso. Ritornato nel Veneto, nel 1520 fondò alla Giudecca in Venezia l’Ospedale degli Incurabili. Non può trasformare l'ambiente, questo non ce lo possiamo permettere neppure come illusione. via Brancaccio, 260 - 90124 Palermo Gaetano, armato di crocifisso, fu visto aggirarsi tra quella plebe tumultuante e sanguinaria per esortare, per supplicare tutti a deporre i rancori e le armi ai piedi dell’Uomo-Dio crocifisso. Al termine dei lavori commissionò a Francesco Verzella una statua in legno dell’Addolorata con tre angeli; solo dopo il diciassettesimo tentativo dell’artista di scolpire il volto della Madonna, Gaetano esclamò soddisfatto con un certo rossore: «Così era!». Zoraida di Granata (Zoraida z Grenady) – opera seria w 2 aktach (1822). In compliance with new government restrictions. Offrì la sua vita al servizio dei poveri e degli esclusi. Spregiatori delle ricchezze e dei piaceri, amici della povertà, i Chierici Regolari Teatini non si preoccupavano d’altro che della gloria di Dio e dell’instaurazione del regno della carità. des Laurentides, Laval QC H7G 2W2 E quando a Napoli si stabilì il teologo e letterato spagnuolo Giovanni Valdés (+1541), con Bernardino Ochino, già Preposto Generale dei Cappuccini, l’agostiniano Pietro Martire Vermigli, il protonotario apostolico Pietro Carnesecchi a disseminarvi gli errori dei protestanti, Gaetano si adoperò per la salvaguardia dell’unità ecclesiastica, pregò e fece pregare le monache da lui dirette perché fossero tutti “legati in unità alla santa Chiesa di Cristo”. a cui ieri come oggi i governanti più avveduti e non ostili, hanno dato il loro consenso o il prosieguo, anche se a distanza a volte di molto tempo. San Gaetano da Thiene è la testimonianza di quanto la Chiesa nei secoli, attraverso i suoi figli, sia stata sempre all’avanguardia e con molto anticipo sul potere laico, nel realizzare, inventare e gestire opere di assistenza in tutte le sue forme per il popolo, specie dove c’è sofferenza. Nel 1523 Gaetano si trasferì a Roma per ordine del suo direttore spirituale, Fra Battista Carioni di Crema (+1534), energico domenicano che animava un folto gruppo di persone desiderose di procurare alla Chiesa la riforma da tutti invocata. Esperienze di Vita. Le foto presenti su LaNuovaBq.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Spesso San Gaetano Thiene è raffigurato insieme alla Madonna e con il Bambino Gesù tra le braccia, in onore del miracolo avvenuto durante la sua prima celebrazione, così come il Santo confidò a Suor Laura Mignani. In mezzo alla generale sfrenatezza dei costumi il santo non si smarrì, anzi progettò la fondazione, con l’approvazione di Clemente VII (1524), di una Compagnia di Chierici Regolari, con un superiore triennale, destinata ad essere nella società fermento rinnovatore dello spirito sacerdotale e religioso con il buon esempio, il disprezzo delle ricchezze e la guerra dichiarata a qualsiasi parvenza di commercio nelle cose ecclesiastiche. Il popolo napoletano non ha mai dimenticato questo vicentino di Thiene, venuto a donarsi a loro fino a morirne per la stanchezza e gli strapazzi, in un’assistenza senza risparmio e continua. Instancabile nel suo ardore di apostolato e di aiuto verso gli altri, ritornò a Roma e nel 1523 insieme ad altri tre compagni: Bonifacio Colli, Paolo Consiglieri, Giampiero Carafa (vescovo di Chieti, diventerà poi papa con il nome di Paolo IV), chiese ed ottenne dal papa Clemente VII, l’autorizzazione a fondare la “Congregazione dei Chierici Regolari” detti poi Teatini, con il compito specifico della vita in comune e al servizio di Dio verso gli altri fratelli. [email protected] Nacque a Vicenza dalla nobile famiglia dei Thiene nel 1480. La zingara (Cyganka) – opera semiseria w 2 aktach (1822). e il gradimento del tuo sacrificio, A place I would love to come to every time I come to Montreal. In essa l’uomo di Dio predicò al clero e al laicato la riforma dei costumi, ai potenti l’umiltà, a tutti la carità di Dio e del prossimo. Tutti erano tenuti al segreto sui fratelli, le opere e i metodi della fraternità. Vita di San Gaetano da Thiene Nacque a Vicenza dalla nobile famiglia dei Thiene nel 1480. Via Giuseppe Ugolini, 11 il Santo non operò mai in campo giuridico e si indirizzò verso lo stato di religioso. Per ironia della sorte, fu proprio il teatino cofondatore Giampiero Carafa, divenuto papa Paolo IV a permettere che nell’Inquisizione, imperante in quei tempi, si usassero metodi diametralmente opposti allo spirito della Congregazione teatina, essenzialmente mite, permissiva, rispettosa delle altre idee. Gaetano da Thiene fu beatificato da Urbano VIII 1’8-10-1629 e canonizzato da Clemente X il 12-4-1671. Egli venne beatificato il 23 novembre 1624 da papa Urbano VIII e canonizzato il 12 aprile 1671 da papa Clemente X. Il viceré dichiarò allora la città ribelle e la abbandonò al saccheggio durante il quale 250 napoletani furono barbaramente trucidati. 7-ago-2019 - Esplora la bacheca "San Gaetano" di antonio russo su Pinterest. tel. 450.933.9881 Restaurant La Vita in Laval, Quebec believes in the quality and freshness of classic Italian dishes elevated with their own unique style. Liberato con i suoi dodici compagni da una banda di spagnuoli, succeduti nel saccheggio ai 14.000 Lanzichenecchi, riuscì a salvarsi sulle navi veneziane che stanziavano a Civitavecchia a servizio della Lega. Il giovedì visitava l’Ospedale degli Incurabili di Napoli e la domenica andava in giro con il crocifisso in cerca di ragazzi a cui insegnare il catechismo. Il santo non si limitò a risvegliare il fervore tra i membri dei vari oratori, ma fondò a Vicenza, Verona ( 1519) e quindi a Venezia ( 1522) tre Compagnie del Divino Amore con tre ospedali per gl’Incurabili, nei quali egli stesso andò a servire con gioia insolita e profonda anche i malati più ripugnanti e a confortare i morenti. Libretto: Bartolomeo Merelli, zrewidował Jacopo Ferretti. Assillato dalle molteplici esigenze della carità, nella città natale s’iscrisse alla Compagnia di San Girolamo, fondata per impulso di Bernardino da Feltre (1434) a sollievo dei poveri infermi, e si adoperò per accendere nei cuori dei confratelli il più vivo amor del prossimo esortandoli alla comunione festiva. Trasferitosi a Roma nel 1506, divenne subito segretario particolare di papa Giulio II, ed ebbe l’incarico di scrittore delle lettere pontificie, ufficio questo che gli diede l’opportunità di conoscere e collaborare con tante persone importanti. Vi passava ore e ore, tanto che nell’omelia di beatificazione Giovanni Paolo II lo definì «vero martire del confessionale». Proprio durante quella celebrazione, leggiamo in una lettera confidenziale che il Santo inviò a suor Laura Mignani, Maria Vergine apparve a Gaetano, deponendo tra le sue braccia il Bambino Gesù. Proveniva da una nobile famiglia e fu educato principalmente dalla madre, dal momento che perse suo padre in giovane età. 1039, boul. Era figlio di un pastaio e di una tessitrice. Siamo nel periodo dello splendore rinascimentale, che vede concentrati a Roma grandi artisti, intenti a realizzare quanto di più bello l’arte era in grado di offrire, e che ancora oggi il Vaticano e Roma offrono all’ammirazione del mondo; nel contempo però la vita morale della curia papale, del popolo e del clero, a Roma come altrove, non brillava certo per santità di costumi. Dal momento che si riteneva indegno di essere “un sacerdote di Dio per l’eternità”, mentre nella notte del Natale 1517 pregava a Santa Maria Maggiore, meritò di ricevere in estasi tra le braccia “quel tenero fanciullo, carne e vestimento dell’Eterno Verbo”, com’egli stesso confidò alla monaca bresciana Laura Mignani.
2020 la vita di san gaetano