Seguiteci in un itinerario da sogno di 7 giorni in questi luoghi incantati! “Ella sorgeva con una rara purezza di linee e di pòse nell’atteggiamento e con una eleganza semplice e veramente superiore sí dell’adornamento gemmato sí del vestito (color tortora, parmi) largamente cadente. Biglietti: prevendita a partire dall’ora di apertura del castello, in progressione, fino al completamento dei turni. Termina qui il nostro itinerario tra le bellezze dell’Alta Savoia, terra tutta da esplorare tra meraviglie naturali, cittadine e resti di un importante passato… Gli elementi perfetti per vivere una vacanza da favola! Altre dipendenze del castello sono la Villa Belvedere, in origine adibita a foresteria e gendarmeria reale, e la casetta nota come Romitaggio Carducci, dedicata al poeta che della Regina fu devoto ammiratore e cantore. Margherita di Savoia, la prima e la più amata Regina d’Italia, era profondamente legata a Gressoney: a lei si deve lo sviluppo turistico di questo paesino ai piedi del Monte Rosa che, tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del secolo successivo, divenne una tra le località di villeggiatura più amate dalla nobiltà. Nella terra del popolo Walser, Assessorato al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, soggetti portatori di handicap in possesso della certificazione di cui alla legge 104/92 e loro accompagnatori. Arroccato su un balcone naturale dal quale la vista spazia dallo spettacolare massiccio del Monte Rosa all’intera vallata, l’abitato vanta una storia antichissima. Foto e video: è possibile effettuare riprese fotografiche e video, ad uso privato e senza fini di lucro, con dispositivi privi di flash e stativo. La stanza attigua a quella della Regina, infine, è dedicata al principe ereditario Umberto II. Le cucine: collocate in un fabbricato poco distante dal castello, sono collegate alla sala da pranzo da una Decauville sotterranea. Pianterreno: indossati i calzari per preservare i pavimenti originali del maniero, gli ospiti accedono ad un vasto atrio a colonne ove è possibile osservare un altare smontabile usato per la celebrazione delle Messe durante i soggiorni della Sovrana a Gressoney. Se amate la natura, un’altra tappa da non perdere si trova  poco più a nord, ad Avoriaz, dove potrete provare un’entusiasmante escursione su slitte trainate da cavalli. Il castello resterà chiuso dal 28 settembre al 9 ottobre 2020. Il castello si articola su tre piani: il pianterreno con i locali da giorno, il piano nobile con gli appartamenti reali ed il secondo piano (non visitabile), riservato ai gentiluomini di corte; i sotterranei ospitano le cantine. Vorresti scoprire incredibili Castelli a Alta Savoia? Una facile ciaspolata adatta a tutti che vuole abbinare la visita del fiabesco Castel Savoia di Gressoney alla scoperta dell’incanto del parco del castello innevato. Il comprensorio Espace Killy a Tignes e il ghiacciaio della Grande Motte in Francia. Imperdibili il castello e il Palais de l’Ile, che ospita al suo interno un interessante museo dell’architettura. È consigliato l’acquisto dei biglietti on line sulla piattaforma, Rispetto distanza di sicurezza di 1 metro, Divieto di introdurre zaini o borse ingombranti. Gratuito: bambini fino a 6 anni non compiuti, soggetti portatori di handicap in possesso della certificazione di cui alla legge 104/92 e loro accompagnatori, insegnanti e accompagnatori di scolaresche, in proporzione di 1 ogni 10 alunni. Con la regina, il poeta aveva un amore in comune: la Valle d’Aosta, per lui fonte di ispirazione per i suoi versi, per lei luogo di riposo estivo, ma anche punto di partenza per importanti ascensioni. Progettato dall’architetto Emilio Stramucci in stile neogotico, il castello è identificato da un nucleo centrale al quale si affiancano cinque torri cuspidate l’una diversa dall’altra. Dopo aver percorso l’intera vallata, si raggiunge la località di Gressoney St-Jean. Il nostro viaggio alla scoperta dell’Alta Savoia parte da Annecy, splendida cittadina dalle costruzioni colorate, sorge sulle sponde dell’omonimo lago, ed è attraversata da canali e piccoli ponti: non per niente viene definita “piccola Venezia” ed è meta di turisti da tutta Europa. Da allora la Regina non volle mai più salire sul Monte Rosa. Curiosità Qui potrete trovare giardini rigogliosi, piscine termali, getti d’acqua fredda e calda, una sauna, ma anche una grotta musicale e una fontana di ghiaccio. L’appartamento della Regina occupa la posizione più felice ed è riccamente arredato con mobili nello stile eclettico a lei caro, provenienti in parte dalla Villa Margherita, la dimora che accolse la Sovrana in paese negli anni precedenti la costruzione del Castello; accanto alla camera è possibile osservare la stanza da bagno, mentre sul lato opposto, nella torre settentrionale, si apre un grazioso boudoir, con finti drappi dipinti alle pareti che richiamano la decorazione della sala baronale del castello di Issogne, e finestre che permettono di contemplare il magnifico panorama sul Monte Rosa e sull’intera vallata. Non c’è da stupirsi quindi se anche un poeta considerato generalmente antimonarchico, come Giosuè Carducci, ne rimase folgorato. Piano nobile: un elegante e maestoso scalone in legno di rovere intagliato con grifoni ed aquile conduce agli appartamenti reali, preceduti da un atrio sul cui soffitto si legge l’iscrizione augurale “Hic manebimus optime”. Decori architettonici, ricercate boiseries, magnifici arredi di ispirazione medievale ricordano il gusto e la raffinatezza della regina, che vi trascorse i i suoi soggiorni estivi fino al 1925, un anno prima della sua morte, che avvenne a Bordighera il 4 gennaio 1926. Prenota e acquista i tuoi biglietti e abbonamenti online. Per informazioni su orari e date di apertura dei siti culturali e dei castelli è necessario consultare il sito www.lovevda.it, Singoli e famiglie possono partecipare alle visite a raccoglimento prenotando online la visita ai castelli della Valle d’Aosta, i gruppi e tutti coloro che desiderano svolgere una visita in forma privata devono contattarci, Prenota la visita guidata al Castello Savoia compilando il form sottostante, Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. Il percorso si sviluppa poi attraverso la veranda semicircolare che si affaccia sulla valle e prosegue verso la sala da gioco, con il biliardo originale ed i salottini di soggiorno. Il Castel Savoia venne realizzato per volere della Regina Margherita di Savoia, che tanto amava Gressoney, al punto di risiedervi durante i suoi soggiorni estivi fino al 1925 in un primo momento ospite del barone Beck Peccoz e  dal 1904 nella sua residenza. Castelli in Valle d'Aosta: vedi le recensioni e le foto su Tripadvisor di castelli in Valle d'Aosta, Italia. insegnanti e accompagnatori di scolaresche, in proporzione di 1 ogni 10 alunni. Tutti autentici gli arredi esposti nel castello, così come le tappezzerie che ornano le pareti, in tessuto di lino e seta, decorate ad effetto chiné. L’edificio è situato nella località Belvedere, nome dovuto alla meravigliosa vista che è possibile godere, la quale permette di ammirare la vallata del Monte Rosa. L’esterno è rivestito in pietra da taglio grigia proveniente dalle cave di Chiappey a Gressoney, di Gaby e di Vert (Donnas). Per raggiungere il castello è necessario uscire dal casello autostradale di Pont-St-Martin e seguire le indicazioni per la valle di Gressoney. Dopo l’acquisto nel 1936 da parte dell’industriale milanese Moretti, il castello divenne proprietà della Regione Autonoma Valle d’Aosta nel 1981. La dimora ospitò la Regina durante i suoi soggiorni estivi fino al 1925, un anno prima della sua morte, che avvenne a Bordighera il 4 gennaio 1926. Contattaci per avere ulteriori informazioni. É possibile raggiungere il castello dei Savoia percorrendo un breve tragitto a piedi che parte dal parcheggio delle auto e dei pullman che corre lungo il giardino botanico. Chiuso fino al 13 giugno 2020 compreso. Gli orari sono soggetti a variazioni: si consiglia di verificarli contattando il numero telefonico riportato nella sezione “Contatti”. Furono questi anni di numerose imprese alpinistiche per la regina, che fu la prima donna a scalare il Monte Rosa. Si visita la sala da pranzo, dalla ricca decorazione dipinta sulle pareti, sul camino e sul soffitto e rivestita da una boiserie con intagli a pergamena in stile neogotico. Pagina a cura dell' Assessorato al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, © 2000-2020 Regione Autonoma Valle d'Aosta, sito ufficiale del turismo in Valle d’Aosta, Giardino botanico alpino di Castel Savoia, L’alta valle del Lys: da Issime a Gressoney-La-Trinité. Ispirati attraverso le raccomandazioni su Castelli a Alta Savoia di milioni di viaggiatori reali. Caratteristiche: costituito da un nucleo centrale di forma grosso modo rettangolare, cui si affiancano cinque torrette cuspidate, una diversa dall’altra, il castello fu progettato dall’architetto Emilio Stramucci (ideatore delle decorazioni neobarocche per il Palazzo Reale di Torino e il Quirinale di Roma) in stile medioevale, descritto come “stile lombardo del secolo XV”, assai in uso nella Francia e nella Savoia, regione d’origine dei sovrani regnanti. possessori dell’Abbonamento Musei Piemonte e Lombardia. Era una regina amatissima, dotata di immenso fascino, grazie al quale seppe raccogliere intorno alla monarchia l’élite culturale e artistica del tempo. Prima di raggiungere il centro paese, girare a sinistra seguendo le indicazioni per il castello. Animali: all’interno del monumento è permesso l’accesso di animali di piccola taglia unicamente se tenuti in braccio o inseriti in trasportino a mano. Storia: realizzato per volere della Regina Margherita di Savoia, che soggiornava a Gressoney ospite dei baroni Beck Peccoz già dal 1889, il castello sorge ai piedi del Colle della Ranzola nella località denominata “Belvedere”, in ragione della splendida vista che da … I soffitti a cassettoni, le boiseries e gli arredi di ispirazione medievale sono invece opera dell’intagliatore torinese Michele Dellera, fornitore della Real Casa. L’uso di scatti e riprese a scopo pubblicitario, di stampa o commerciale è consentito solo previa autorizzazione. Potete concedervi un tour in battello del lago e poi recarvi a Lovagny, a pochi chilometri di distanza, per visitare il pittoresco maniero di Montrottier… e sentirvi come in una fiaba! Pagine nella categoria "Castelli dell'Alta Savoia" Questa categoria contiene le 5 pagine indicate di seguito, su un totale di 5. Da ottobre a marzo: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00 Chiuso il lunedìChiuso il 25 dicembre e il 1° gennaioDa aprile a settembre: dalle 9.00 alle 19.00, tutti i giorni. Disabili: parzialmente accessibile (piano terra). Non è permesso l’utilizzo di aste per selfie. A Gressoney St-Jean, graziosa località turistica, esiste un luogo magico: il villaggio di Alpenzù Grande. Il castello pare uscito da una fiaba: un edificio candido protetto da cinque torri, l’una diversa dall’altra. L’area è tanto ampia e varia da meritare una visita di due giorni: potrete visitare i suoi laghi montani, tra cui lo spettacolare Lac Blanc o il Lac  Bleu, e ammirare da vicino la flora e i molti animali del luogo, tra cui la maestosa aquila reale. L’Haute Savoie rappresenta la destinazione ideale per chi desidera una vacanza rilassante sullo sfondo di paesaggi fiabeschi, con tante attrattive uniche da contemplare ed esplorare. La posa della prima pietra dell’edificio avvenne il 24 agosto 1899 alla presenza di re Umberto I il quale, assassinato a Monza un anno dopo, non avrebbe visto la conclusione dei lavori, protrattisi fino al 1904. Con queste parole il grande poeta Giosuè Carducci esprime tutta la sua ammirazione per la sovrana del Regno d’Italia, ponendola a modello dell’ideale femminile. Ingresso: è consentito ad un massimo di 15 persone per turno di visita. Tra le strade di Antibes, il gioiello della Costa Azzurra, Cosa vedere in Corsica durante le vacanze estive, Visita a Fort de France, la cittadina in stile caraibico di Martinica, Sorvolare i ghiacchiai perenni del Monte bianco con l’avveniristica Skyway, Il panettone Fiasconaro, un dolce d’élite per il pranzo di Natale, Copacabana: il cuore pulsante di Rio de Janeiro, Le Ville di Bagheria e l’architettura siciliana del ‘700, Rivivi con noi la scoperta delle Americhe a Landfall Park, Resort a Bali, quando visitare l’isola degli Dèi, Club Med Instameet 2016: Le Ville di Finolhu viste attraverso gli occhi degli Instagrammers. Il parcheggio dei bus e delle auto (gratuito) si trova a fianco del viale d’ingresso, da lì una facile strada immersa nel parco permette in 10 minuti circa a piedi di raggiungere la biglietteria. Il percorso di visita raggiunge invece il primo piano attraverso la scala a chiocciola ricavata all’interno della torre di guardia. L’abbazia di Notre-Dame-d’Abondance, situata nella cittadina di Abondance, nel nord dell’Alta Savoia, è un interessante complesso religioso risalente al XV secolo: passeggiate per il chiostro e osservate gli splendidi affreschi che ne rivestono le pareti e non perdetevi una visita alla collezione di arte sacra, per un suggestivo tuffo nel passato. La dimora, terminata nel 1904, spicca nel mezzo di un bosco di conifere nell’incantevole località denominata Belvedere, in ragione della splendida vista che da lì domina tutta la vallata fino al ghiacciaio del Lyskamm. Proprio nella casa del barone, nella graziosa Gressoney, la regina soggiornò per ben cinque anni, dal 1889 al 1904. Tuttavia, il suo affetto per Gressoney non mutò, al punto di volervi costruire la sua residenza di vacanza, il Castel Savoia. Il viaggio prosegue verso il lago Lemano (dal celtico “lem an”, ovvero “grande acqua”), il più ampio specchio d’acqua svizzero che copre una superficie di ben 580 km quadrati. L’ultima visita viene effettuata 30 minuti prima della chiusura. Il giardino botanico: inaugurato nel 1990 nel parco ai piedi del maniero, è costituito da aiuole rocciose con specie botaniche tipiche dell’ambiente alpino. L’interno, raffinato ed elegante, è un omaggio alla sua sovrana, il cui nome è raffigurato ed evocato un po’ ovunque. Storia: realizzato per volere della Regina Margherita di Savoia, che soggiornava a Gressoney ospite dei baroni Beck Peccoz già dal 1889, il castello sorge ai piedi del Colle della Ranzola nella località denominata “Belvedere”, in ragione della splendida vista che da lì domina tutta la vallata fino al ghiacciaio del Lyskamm. Sciare tutto l’anno, sia in estate che in inverno? All’esterno, un affascinante giardino botanico circonda il castello, dove è possibile ammirare numerose specie botaniche alpine. In tutti gli atti […] mostrava una bontà dignitosa; ma non rideva né sorrideva mai […] e tra ciglio e ciglio un corusco fulgore di aquiletta balenava su quella pietà di colomba”. A questo punto è d’obbligo concedersi una giornata di relax, sempre sullo sfondo di paesaggi incantevoli: quale miglior location di Thonon les Bains, città che ospita il parco termale Valvital dal 1886? La meridiana: realizzata in facciata nel 1922, reca le parole augurali già riportate su un orologio solare di Cogne del 1915: ” Sit patriae aurea quaevis” – “Ogni ora sia d’oro per la patria”. Il Castel Savoia venne realizzato per volere della Regina Margherita di Savoia, che tanto amava Gressoney, al punto di risiedervi durante i suoi soggiorni estivi fino al 1925 in un primo momento ospite del barone Beck Peccoz e dal 1904 nella sua residenza. A Tignes è possibile! Un punto di partenza perfetto per visitare Annecy, e da qui partire per le altre tappe del percorso in Haute Savoie, è il resort Grand Massif Samoens, un rifugio accogliente situato in una location eccezionale, nel cuore del comprensorio del Grand Massif. Nonostante avesse deciso di non compiere più delle ascensioni, limitandosi a delle passeggiate nei dintorni di Gressoney, la regina non volle privarsi della vista delle incantevoli montagne che le ricordavano i momenti felici trascorsi in compagnia del barone. Da una parte una natura incantevole tra montagne, laghi e ghiacciai, dall’altra tanti castelli e borghi antichi che raccontano una storia antica e suggestiva: tutto questo (e molto di più) è l’Alta Savoia, regione delle Alpi situata nella Francia sud-occidentale, cinta a sud dal massiccio del Monte Bianco e a nord dalle placide acque del lago Lemano. Qui potete dedicarvi a tante attività sportive (sci in primis) ma anche rilassarvi e ritrovare il vostro benessere nella Spa o in piscina. L’itinerario prevede una semplice escursione con le racchette da neve nel parco. Ridotto: € 3,50 (comitive di almeno 25 persone paganti, studenti universitari, convenzioni specifiche), Ridotto minori: € 2,00 (ragazzi di età compresa fra 6 e 18 anni, scolaresche). Personalità poliedrica, dal temperamento nobile e determinato, ma allo stesso tempo dotata di una naturale sensibilità e propensione all’arte, che la portò a sviluppare una raffinata cultura ed un’attenzione particolare al comune sentire del popolo. Si ricorda che è necessario contattare una guida turistica della Valle d’Aosta per prenotare gli ingressi ai castelli per i gruppi. Scopri racconti e consigli sulle tue destinazioni preferite. La natura incontaminata è la grande protagonista dell’ultima tappa dell’itinerario, che vi porterà ad esplorare la bellissima riserva naturale delle Aiguilles Rouges, un’immensa oasi nei pressi del massiccio del Monte Bianco, ricca di meraviglie paesaggistiche. Sulla sponda meridionale del lago si affaccia Yvoire, affascinante villaggio medievale: attraversando le sue mura e porte fortificate potrete arrivare nel cuore del paese e perdervi per le sue stradine fiorite. La sua predilezione per l’alta montagna si interruppe improvvisamente nel 1894 con la morte del barone Luigi, stroncato da un infarto sul ghiacciaio del Grenz durante la traversata da Gressoney a Zermatt. L’augurio, purtroppo, non sarebbe stato realizzato dagli avvenimenti drammatici avvenuti in Italia proprio in quell’anno. Vivi con noi la magia dell’inverno al Castel Savoia attraverso una facile ciaspolata nel parco innevato e la visita della residenza della Regina. A lei è dedicato il rifugio Capanna Regina Margherita, il più alto d’Europa, che la sovrana, forte sostenitrice dell’opera, raggiunse pochi giorni prima della sua inaugurazione, avvenuta nel 1893. Antibes ti permette di fare un tuffo nella cultura della Provenza, con i suoi mercati, il museo di Picasso e le più belle spiagge della Costa Azzurra. Si procede in seguito con gli appartamenti destinati a Re Umberto I, in cui si ammirano altre curiose foto d’epoca. La visita Gratuito per i possessori dell’Abbonamento Musei Piemonte e Lombardia. Nella stanza riservata al padre spirituale che seguiva i reali nelle villeggiature a Gressoney, sono esposte diverse fotografie che ritraggono la Regina ed il suo entourage durante i momenti di svago in montagna. Nel 1936, l’industriale Moretti acquistò il castello Savoia, che divenne proprietà della Regione Autonoma Valle d’Aosta nel 1981. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679). E per concludere al meglio la giornata, deliziare il palato con un assaggio di dolci della Savoia nei ristoranti interni! Di particolare interesse, l’imponente scalone ligneo decorato con grifoni e aquile, i soffitti a cassettoni, le boiseries e gli arredi di ispirazione medievale. La destinazione perfetta per sciare sia d’estate che d’inverno? Le pitture ornamentali furono realizzate dal giovane pittore e restauratore Carlo Cussetti, in seguito attivo nell’ala nuova del Palazzo Reale di Torino. Guide Turistiche Valle d'Aosta di Stefania Soudaz P.IVA: 01204690075 / C.F: SDZSFN85B45E379G, Privacy Policy Codice Fattura Elettronica: KRRH6B9, Area megalitica di Saint-Martin de Corléans, Laboratori didattici scuola dell'infanzia, Laboratori didattici scuola secondaria di primo grado, online la visita ai castelli della Valle d’Aosta. La regina era infatti un’appassionata alpinista, interesse che condivideva con un amico a lei molto caro, il barone Luigi Beck Peccoz. Da una parte una natura incantevole tra montagne, laghi e ghiacciai, dall’altra tanti castelli e borghi antichi che raccontano una storia antica e suggestiva: tutto questo (e molto di più) è l’ Alta Savoia, regione delle Alpi situata nella Francia sud-occidentale, cinta a sud dal massiccio del Monte Bianco e a nord dalle placide acque del lago Lemano. Possibilità di acquistare abbonamenti per la visita di diversi siti direttamente presso la biglietteria del castello. Concludete la giornata con una visita al giardino dei cinque sensi e annesso labirinto. La Corsica offre spiagge da sogno e città portuali, boschi ricchi e impenetrabili, picchi montuosi o pittoreschi villaggi di campagna. Ridotto: € 3,50 (comitive di almeno 25 persone paganti, studenti universitari, convenzioni specifiche), Ridotto minori: € 2,00 (ragazzi di età compresa fra 6 e 18 anni, scolaresche). Ingresso accompagnato
2020 castelli alta savoia