Nella Fortezza di Volterra si sono allestiti oltre trenta spettacoli, alcuni dei quali hanno ricevuto i maggiori riconoscimenti in campo culturale e teatrale, tra cui cinque premi Ubu. Già al lavoro per nuove misure di sostegno”, Mercosur: il governo scrive alle Ong che è ancora tutto da decidere, ma poi preme perché l’Ue approvi, “Il Covid può influire sulle capacità mentali di persone giovani con strascichi a medio e a lungo termine”: le parole della biologa Gallavotti su La7, Ilaria Capua su La7: “Assembramenti per scarpe Lidl? simone di meo.sono un parente dei liberti.della strage di piazza crocelle.i fratelli liberti. Se fosse stato per me io non avrei mai fatto un provino, ma ascoltando gli insegnamenti di Armando ho capito che è il teatro a sceglierti, infatti Armando non ti obbliga, ti spiega la parte e poi la recitazione ti viene naturale come se il regista ti accompagnasse per mano, tirando fuori il meglio di te. Incontro Aniello Arena davanti al Tieffe Teatro Menotti di Milano (www.tieffeteatro.it), in cui reciterà Mercuzio non vuole morire il 30 novembre e il primo dicembre, ispirato a Romeo e Giulietta, mentre osserva con curiosità i palazzi della via Ciro Menotti «che strano - dice - sono alcuni moderni e altri antichi», poi nel bar chiede con gentilezza al cameriere «non so se si può avere un bicchiere di coca cola», frasi per molti quotidiane, ma per lui segnano l’ eccezionalità di una giornata a Milano. Questo film dedicato al mondo che si agita dietro i reality-show, primo fra tutti il “Grande Fratello”, come si sa ha appena vinto il Gran Premio della giuria al Festival di Cannes. I ragazzi, notoriamente infastiditi dalle prediche e forse più propensi ad ascoltare un ergastolano che i propri insegnanti e genitori. Proprio come un altro film recitato da detenuti, “Cesare deve morire”, che di premi ne ha avuto addirittura parecchi: dopo l’Orso d’oro al Festival di Berlino, anche cinque David di Donatello. Difficile oggi vedere in lui il camorrista pluriomicida che, a 23 anni, l’ 8 gennaio 1991 ha partecipato alla strage di piazza Crocelle nel quartiere Barra di Napoli, condannato all’ ergastolo. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. La prigione è metafora di un carcere ben più ampio, il prigioniero è metafora di ciascuno di noi. Aniello Arena, allora ventiquattrenne camorrista napoletano, non ha avuto difficoltà a premere il grilletto a Piazza Crocelle, quartiere Barra di Napoli, nel gennaio 1991. Condannato all’ergastolo, Arena da quasi vent’anni è detenuto nel carcere di Volterra. Cosa significa quel "D.C." dopo Washington? Di quali valori ci parla il vostro teatro? posta@osservatore.ch. alla strage di Piazza Crocelle a Barra E’ l’8 gennaio del 1991: alla fine si conteranno tre morti. In altre carceri in cui c’ è tensione tra le guardie carcerarie e il detenuto si sta male tutti, è giusto che chi ha sbagliato paghi, ma si deve essere trattati con dignità. It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Tel. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Facebook. Nelle carceri in cui alloggio quando sono in tournée, i detenuti mi riconoscono, sono diventato una speranza per tutti, pensano che se io ce l’ ho fatta a dimenticare il passato lo possono fare anche loro, per noi la speranza è importane, io se non avessi incontrato Armando e il teatro non avrei avuto questo cambiamento, ho sotterrato la mia vita di prima, e oggi non mi manca la libertà, alla sera in cella si ritira solo il corpo, la mia mente, grazie al teatro, ai personaggi che interpreto, è libera». Britalyca News Londra (La Voce Alternativa) Edizione del 20 Agosto 2015 Copyright 2020 ©AvvenireP.Iva 00743840159. Via San Gottardo 82 Una vita dopo c’è l’Arena attore, è uno bravo. Mettete la statua all'interno di piazza Aix-les-Bains, Chi ha superato il covid doni il suo plasma. Ecco l’antica formula per eliminare il malocchio! Questo sito usa cookie di terze parti (anche di profilazione) e cookie tecnici. Nel 2005 mentre la compagnia provava Appunti per un film, Matteo ha ripreso Arena con la telecamera ed è rimasto colpito dalla sua bravura, e l’ avrebbe voluto nel suo Gomorra tratto dal romanzo di Saviano, ma poiché il detenuto non poteva ancora uscire non vi ha partecipato. Continuando a navigare accetta i cookie. E intanto la Scala (e il Piccolo) reclamano autonomia, Unicef: Israele maltratta i minori palestinesi. Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail. Durante il raid (i killer utilizzano kalashnikov, 9X21 e 7,65) viene ferito anche un bimbo di otto anni. È stato membro della Camorra di Barra, quartiere della periferia di Napoli, ed è stato condannato all’ergastolo per aver partecipato, l’8 gennaio 1991, alla strage di piazza Crocelle a Barra, venendo poi detenuto nel carcere di Volterra. Out of these, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. TESTO, Controllo remoto a distanza per Mac Gratuito per uso privato. These cookies do not store any personal information. Serve impegno finanziario più corposo, il governo è al lavoro”, Alba Parietti risponde alla provocazione di un follower con ironia: “Vado dalla D’Urso perché ho tre ville da mantenere”. Oltre alle due vittime designate, in quel regolamento malavitoso morì anche una signora ottantenne, colta da infarto in seguito allo spavento. Io ero molto timido e temevo quello che pensavano gli altri detenuti di me mentre recitavo, poi mi sono sbloccato, nel 2002 con L’ opera da tre soldi di Bertold Brecht, avevo un monologo tutto mio, ho fatto il ballo della rumba, ero anche vestito da donna, cosa per me assolutamente impensabile. Si è costituita una vera e propria compagnia, unica in Europa, in cui i detenuti lavorano con continuità e non solo occasionalmente per un laboratorio come accade in altri carceri. non anno mai e poi mai fatto parte del clan aprea.cioè di nessun clan.solo perche il nipote dei liberti detto tore rambo. Quindi Arena ha potuto conoscere molti detenuti, che lo considerano un eroe, e vedere la condizione delle carceri di molte città italiane: «Ritengo Volterra il carcere migliore perché si basa su una mentalità diversa: ti sostengono, cercano di aiutarti, pensano a farti stare bene attraverso varie attività, nello spazio che noi chiamiamo “il passeggio” si recita appunto, si gioca a calcio, ecc. Soprattutto quando dicono di avere tratto dalla lettura, dall’arte, dal palcoscenico, qualcosa che se conosciuto prima avrebbe potuto cambiare il loro destino. Se perdi troppo in fretta metti il cerotto 1 giorno /2. Biografia È stato membro della Camorra di Barra, quartiere della periferia di Napoli, ed è stato condannato all'ergastolo per aver partecipato, l’8 gennaio 1991, alla strage di piazza Crocelle a Barra, venendo poi detenuto nel carcere di Volterra. Mentre Aniello - che ha pubblicato anche un libro per Rizzoli L'aria è ottima (quando riesce a passare), Io attore fine-pena-mai, scritto con Maria Cristina Olati - racconta le sue esperienze con entusiasmo e gioia sembra che la sua vita ora sia solo quella teatrale, infatti sottolinea che il teatro gli ha aperto la mente, lo ha trasformato in un altro, perciò dice che i giovani devono studiare, avere una passione che li porti avanti nella vita e quando gli chiedo della sua infanzia e giovinezza a Napoli dice : «Sono orgoglioso di essere napoletano, ma la mia città natale non mi appartiene più, sono cambiato io dentro, non parlo della mia infanzia a Napoli, ho sotterrato il ragazzo che ero, il bambino con la testa calda, non per giustificarmi, ma alcune città ti condizionano, nascendo in una zona in cui la camorra era potente è stato difficile uscirne e solo l’ esperienza del carcere e del teatro mi hanno salvato, prima di diventare un attore sono diventato una persona nuova. Sono piuttosto le interviste dei detenuti/attori, e le loro dichiarazioni, quelle che andrebbero diffuse e fatte conoscere. Anche in quest’occasione, all’origine di tutto c’è la compagnia teatrale interna al carcere, diretta da Fabio Cavalli. You can write a book review and share your experiences. Reblogged this on i cittadini prima di tutto. Se parliamo in termini di ere, credo bisogna smetterla di parlare dell’homo sapiens come il punto di arrivo, come un traguardo, la soluzione di tutto; non ci sarà infatti alcuna possibilità per l’uomo, se esso non imparerà a riscoprirsi anche homo felix, a scoprire cioè la possibilità della felicità nella sua vita. L'Osservatore Oggi anche i miei familiari mi vedono diverso, mia mamma e mia sorella, i miei figli sono orgogliosi di me, anche se mi conoscono poco, il maschio ha 22 anni e la femmina 25, per me è un rapporto non vissuto, sono sempre in contatto con loro, ma li ho visti crescere solo tramite i colloqui quando la mia ex moglie me li portava per le due ore concesse una volta al mese, così non puoi stabilire un rapporto personale, io non so cosa vuol dire accompagnare mio figlio a scuola, a una recita, non so cosa vuol dire vivere una gioia o un dolore insieme a loro». Cosa può dare il teatro a un detenuto? Il cantautore Golpe: «Il mio omaggio a Efrem, vittima silenziosa del Covid», Andrea Bocelli: «Canto la fede e la speranza», Il Rossini Opera Festival in streaming e gratis, La poesia non vende? Arena mentre sconta la sua pena ha ancora un sogno da realizzare: «Non sono praticante, ma sono religioso, fin da bambino, avevo questa forza esterna che mi guidava, ogni luogo per me è adatto per pregare, ascolto molto le parole di papa Francesco, perché, come Wojtyła, parla in modo semplice al popolo, che siamo noi, non ti tratta come se fosse il papa ma come se fosse una persona normale. Il sito dell'Osservatore utilizza cookie per fornire il miglior servizio possibile. Hanno cambiato Arena la magia del teatro e l’ intervento di una persona straordinaria, come il regista e attore Armando Punzo, che ogni giorno entra nella Fortezza di Volterra, carcere di massima sicurezza, non per un progetto solo rieducativo dagli intenti sociali ma per insegnare ai detenuti l’ amore per l’ arte e per il teatro, per liberare la loro mente dai vincoli della prigione e farla spaziare in mondi affascinanti, come racconta nel bellissimo libro scritto per documentare 25 anni di lavoro: È ai vinti che va il suo amore. Condannato all'ergastolo, Arena da quasi… Da questa percezione della realtà, nasce anche il mio lavoro”. ( Chiudi sessione /  Aniello spiega quale tipo di teatro, diverso da tutti gli altri, si fa a Volterra: «Non avevo mai avuto esperienze teatrali, prima di arrivare nella Fortezza il 26 novembre 1999, negli altri istituti ne avevo sentito parlare, ma non immaginavo la portata rivoluzionaria del metodo di Punzo, pensavo al teatro tradizionale che si fa solitamente. Pubblicato su Costume/Società | 1 commento. Alcune volte puoi anche inserire tue improvvisazioni, se hanno attinenza, per esempio in I pescecani di Brecht ho mischiato la mia parte con le parole del cantante Marilyn Manson, oppure in P.P. Ma non è per commentare le scelte carcerarie degli autori italiani che abbiamo ricordato questi loro protagonisti. Punzo lavora sulla fisicità, sull’ improvvisazione, stravolge i copioni, li reinventa, li mischia non in modo casuale, ma secondo un progetto che lui ha già in mente per farci costruire un nuovo personaggio. L’allestimento verrà presentato al pubblico ticinese quest’oggi alle 20.45 presso il Teatro Sociale di Bellinzona. Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. Il passato di Aniello Arena è segnato dalla galera: l’uomo è stato membro della Camorra di Barra, quartiere della periferia di Napoli, ed è stato condannato all’ergastolo per aver partecipato, l’8 gennaio 1991, alla strage di piazza Crocelle a Barra, venendo poi detenuto nel carcere di Volterra. Oggi è attore di punta della Compagnia della Fortezza, nata 25 anni fa, grazie all’ intuizione di Armando Punzo, nella Casa di Reclusione di Volterra, in cui Arena sconta la sua pena, e star del cinema per Reality di Matteo Garrone vincendo il Nastro d’ Argento, il 6 luglio 2013, come miglior attore protagonista, oltre al Gran Prix di Cannes nel 2012.
2020 8 gennaio 1991, alla strage di piazza crocelle a barra