Nessun precipizio, per quanto vertiginoso, nessuna montagna, per quanto alta, è un ostacolo per l’uomo sul suo cammino verso Dio. Le apparizioni più clamorose delle anime del ... Il bambino che sta cambiando il dibattito sul... Hai bisogno di un padre spirituale? L’unione con Dio è per il nostro “io interiore” una gioia profonda. Lo dice la Parola nell’Antico Testamento. Luigia Spinelli è la fotografa ufficiale di Foggiareporter.it. Negli scritti di san Giovanni della Croce, la parola “notte” non è mai lontana da “purificazione”, perché la notte purifica. Nelle sue opere consacrate alla vita spirituale – tra cui La salita al monte Carmelo, che è il viaggio mistico dell’anima verso Leggi tutto… Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine. La notte si squarcerà, la luce tornerà: Prendimi, Signore, nella divina ricchezza del tuo silenzio, pienezza capace di colmare tutto nel mio animo. In giaculatorie, s’intrecciano i nomi di Gesù e di Maria. A mezzanotte come un bambino pauroso supplicò: «Resta con me, figlio mio»; e cominciò a chiedere con molta freq S’ode il respiro affannoso, difficile, lievemente rantolante. Sono cose semplici, ma bisogna agire con grande fermezza. Vogliamo addentrarci nella dimensione che presuppone il fatto di svuotarsi di sé; non per rimanere nel nichilismo, nel vuoto senza senso, ma per riempirci della presenza e dell’amore di Dio. Luogo in cui Dio parla con Elia, con Mosè; in cui Gesù si trasfigura davanti ai discepoli sul Tabor, da dove proclama le beatitudini, dove si ritira a pregare… L’immagine della montagna parla indubbiamente della manifestazione di Dio. ... fai comunque qualcosa di piccolo a casa tua, basta una semplice candela, con tanto di preghiera che venga dal cuore, per essere esaudita. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. But opting out of some of these cookies may have an effect on your browsing experience. San Giovanni della Croce sostiene che per andare incontro a Dio (o meglio, per lasciarsi trovare da Lui) abbiamo bisogno di “tranquillizzare la casa”, ovvero di ordinare la persona. Forse lui non accetterebbe la mia preghiera, o … Ci sono momenti della vita in cui per poter prendere decisioni dobbiamo trovare spazi in cui rasserenare lo spirito e trovare tranquillità. Supplica padre Pellegrino di restare con lui. A mezzanotte come un bambino pauroso supplicò: «Resta con me, figlio mio»; e cominciò a chiedere con molta frequenza l’orario. Una via dunque che conduce all’unione con Lui. Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media. E quali sono le stanchezze che mi impediscono di andare dove Dio mi chiama? Si alza. Nessun precipizio, per quanto vertiginoso, nessuna montagna, per quanto alta, è un ostacolo per l’uomo sul suo cammino verso Dio. Alle ore 2.30 del lunedì 23 settembre 1968, dolcemente, chinò la testa sul petto: era spirato. Soltanto, come descrive il santo carmelitano, il nostro “io esteriore” – quell’io egoista che vuole possedere Dio – si rivolta perché capisce che va a morire. Dio però non può essere desiderato così. Quando siamo disordinati a livello interiore, oltre alla cecità e alla mancanza di serenità compare anche la stanchezza. Fa’ tacere in me quel che non sei Tu, quel che non è la tua presenza. L’unione con Dio è per il nostro “io interiore” una gioia profonda. Una via dunque che conduce all’unione con Lui. Vuole rientrare nella cella. Gesù, voglio pregare per…., voglio fare per lui o lei la preghiera della notte. La notte di San Giovanni è ricca di tradizioni e di riti che si tramandano di generazione in generazione. Finché i nostri desideri sono dominati dalla voglia di possedere, essi agiscono come delle frecce che ci attraggono verso quel che bramiamo. I disordini interiori si manifestano in una sensazione di cecità, stanchezza, sporcizia o debolezza. Queste strofe dell’ascesa al monte ci introducono per percorrere la strada che San Giovanni della Croce ci invita a fare con lui, riconoscendo che la vita spirituale è questo: un cammino di ascesa in cui Dio ci aspetta per l’unione profonda con Lui. These cookies do not store any personal information. Si sente come se non avesse consistenza né forza, come quando ci si riprende dopo essere stati molti giorni a letto. Spesso dopo una lunga giornata tra tante cose sentiamo che non “vediamo” più. Per questo abbiamo bisogno di fermarci e di calmarci per chiarirci le idee. Ad esempio, di fronte alla morte di una persona cara bisogna rispettare il periodo di lutto. Costatando progressivo peggioramento, padre Pellegrino accenna di muoversi per andar a chiamare qualche altro confratello. Se continui ad utilizzarlo ne assumiamo che tu ne sia felice. A Napoli, si celebrava San Giovanni associando rituali legati al mare. Riti per la notte di San Giovanni. O quando la sera si vede un film pieno di violenza o con un argomento troppo crudo, poi si fatica ad addormentarsi. Invece di dire a Dio “sei mio” bisognerebbe dirgli “io sono Tuo”. Si prega. Padre Pio, afflosciato sulla poltrona, vestito del suo abito francescano, stringendo tra le dita la corona del rosario. Nelle sue opere consacrate alla vita spirituale – tra cui La salita al monte Carmelo, che è il viaggio mistico dell’anima verso l’unione con Dio – san Giovanni della Croce sottolinea una cosa essenziale: il nostro desiderio di Dio deve cambiare profondamente. Il dottore Giuseppe Gusso, presente al trapasso, lo definisce «il più sereno, il più dolce» che egli abbia mai visto. Anche la gioia fa parte della purificazione. Sono istinti primari che fanno sopravvivere le persone e le specie. La mistica di san Giovanni della Croce ci indica una via per l’intima unione a Dio nell’orazione. San Giovanni della Croce sostiene che per andare incontro a Dio (o meglio, per lasciarsi trovare da Lui) abbiamo bisogno di “tranquillizzare la casa”, ovvero di ordinare la persona. Quando si dice “Dio mi ha abbandonato” il santo carmelitano rettifica e dice piuttosto: «Dio mi purifica». Appare dopo la morte di una persona cara, o dopo una grande delusione, quando l’anima si spegne e si pone in uno stato di depressione. San Giovanni Rotondo - La notte del 22 settembre 1968, Padre Pio, è a letto e vuole accanto a sé padre Pellegrino da Sant'Elia a Pianisi. Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video. Varranno per tutto il tempo di validità del Dpcm 3 novembre ed eventuali proroghe, La storia e le leggende della basilica ostiense, Organo ufficiale di stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi Può essere che io non vivo con lui. Senza bisogno di essere sostenuto, esce spedito «come un giovane» dalla cella e s’avvia verso il terrazzino, nel quale si sofferma per cinque minuti, seduto sulla poltrona, girando gli occhi intorno come chi cerchi qualche cosa. Tuttavia, padre Pellegrino è in corsa febbrile per invocare il superiore. Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, Maria!». Per maggiori informazioni visita il nostro sito Informativa sulla Privacy. In alcuni paesi, si possono notare dei mazzetti di erba di San Giovanni che sono posti dietro le porte delle cucine per proteggere la casa e ovviamente chi vi abita. Aleteia vi propone di scoprire i dieci pensieri di colui che qualificava l’orazione di attenzione semplice e amorosa a Dio. Ottienici dal Signore il distacco da ogni ideale terreno per avviarci verso il raccoglimento del dialogo con Dio e la mortificazione […] Perché, dice San Giovanni della Croce, come l’acqua che entra attraverso le fenditure di un recipiente rotto perde la sua forza, così l’anima, divisa in piccole cose, non ha vigore per concentrarsi su Dio. Custodia Generale Sacro Convento, CONNESI fornitore ufficiale fibra ottica del Sfinito, appesantito, nel tentativo di rialzarsi costata: «Non ce la faccio». Verso l’una, implora di lasciare il letto e di porsi sulla sedia, nella ricerca di un respirare più facile. Ciò che più conta è desiderare questo incontro. Nelle sue opere consacrate alla vita spirituale – tra cui, Così prega san Giovanni della Croce in uno dei suoi poemi. Come succede al profeta sulla montagna dell’Oreb, quando sente la tormenta, i lampi e il terremoto, ma Dio sceglie la brezza dolce per manifestarsi. Bisogna preparare il cuore ad andare incontro a Dio sapendo calibrare l’anima per incanalare le emozioni e avere così spazio per riceverlo. Sono circa le ore due. Il momento del tramonto è anche quello dell’incontro. Una via dunque che conduce all’unione con Lui. Risposi: «Padre spirituale, io sono sicuro che il Signore la farà vivere ancora a lungo, ma, se dovesse aver ragione lei, posso chiederle un’ultima benedizione per i confratelli, peri figli spirituali e peri suoi ammalati?» E lui: «Sì che li benedico tutti; chiedi anzi al Superiore che la dia lui per me questa ultima benedizione». Risposi sorridendo: «Padre spirituale, è troppo presto adesso per la Messa». This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. Successivamente volle confessarsi e terminata la sua sacramentale confessione disse: «Figlio mio, se oggi il Signore mi chiama, chiedi perdono per me ai confratelli di tutti i fastidi che ho dato; e chiedi ai confratelli ed ai figli spirituali una preghiera per l’anima mia». la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte. Poi, come se si fosse dimenticato dell’orario richiestomi in continuazione, mi domandò: «Vagliò, a ditte a Messe?». Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare. Ci sono cinque realtà dentro di noi quando non abbiamo ordine nella vita affettiva che ci mostrano che non possiamo andare avanti così, e Giovanni dice che tormentano, perché come una persona soffre se si stende sulle spine, soffre anche quando si stende sui suoi appetiti che pulsano. RITI, TRADIZIONI E LEGGENDE DELLA NOTTE DI SAN GIOVANNI. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Un cuore ben disposto a seguire il Signore deve prepararsi alla prova. Qual è qu... Alunno cinese crede in Dio, viene costretto a... Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus... Mistero intorno all'apertura della tomba di C... © Copyright Aleteia SAS tutti i diritti riservati, La mistica di san Giovanni della Croce ci indica una via per l’intima unione a Dio nell’orazione. Le volte che Papa Bergoglio ha citato il Santo di Assisi, San Francesco, cambi agli orari delle messe, Basilica di San Paolo, incendio e ricostruzione. San Giovanni Rotondo – La notte del 22 settembre 1968, Padre Pio, è a letto e vuole accanto a sé padre Pellegrino da Sant’Elia a Pianisi. O glorioso S. Giovanni Battista, che fra i nati di donna fosti il profeta più grande: benché santificato sin dal seno materno, tu vorresti ritirarti nel deserto per dedicarti alla preghiere ed alla penitenza. Tormenta e cecità sono conseguenze del turbamento in noi, e bisogna rimettere la casa in ordine. I disordini interiori si manifestano in una sensazione di cecità, stanchezza, sporcizia o debolezza. Tutto il nostro organismo, la nostra sensibilità, il nostro modo di cogliere la realtà, le nostre passioni, le nostre sfrenatezze, i nostri disordini interiori vanno messi al proprio posto perché tormentano, stancano, accecano, sporcano e indeboliscono. Per favore svegliami quando dorme. Vi racconto le mie tradizioni se volete provarle. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. È la notte di San Giovanni, il santo asceta che battezzò Gesù, che cade tra il 23 e il 24 giugno, dopo il solstizio d’estate, nel momento in cui il sole e la luna, Fuoco e Freddo, si sposano donando forza e vigore a tutte le creature. 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese. Accorrono altri: padre Raffaele da Sant’Elia a Pianisi, suo confessore; padre Mariano da Santa Croce di Magliano; padre Paolo da San Giovanni Rotondo, che gli amministra l’unzione degli infermi; i dottori Giuseppe Gusso, direttore sanitario di Casa Sollievo, e Giovanni Scarale, che gli praticano respirazione assistita; il nipote Mario Pennelli. Ma l’anima si stanca anche con le emozioni positive. Da sempre in ogni parte d’Italia e anche in qualche altra parte del mondo, la notte di San Giovanni è legata alla magia. Cioè il nostro. San Giovanni della Croce dice che ci sono stanchezza e sordità, siamo deboli. Durante la notte mi sveglio e mi ricordo che ho chiesto a Gesù di essere svegliato per pregare. Ed egli replicò: «Beh, stamattina la dirai per me». Quando si dice “Dio mi ha abbandonato” il santo carmelitano rettifica e dice piuttosto: «Dio mi purifica». “Mi guardava con occhi pieni d’implorazione, stringendomi fortemente le mani. La mistica di san Giovanni della Croce ci indica una via per l’intima unione a Dio nell’orazione. Appare poi la sporcizia, con la sensazione di non essere puliti. Dalla poltrona viene adagiato sulla sedia a rotelle, riportato in cella e riposto sulla poltrona. Non bisogna far sì che per trascurarlo quella realtà dolorosa resti come insediata in noi. Si finisce per essere come carichi negativamente in termini affettivi, ed è come se ci si stendesse sulle spine. La montagna come luogo di rivelazione nella Sacra Scrittura, di manifestazione della teofania, di autorivelazione di Dio e di scoperta di tutta la nostra identità. «Non svegliare nessuno» – Padre Pio gli raccomanda. In una notte oscura, con ansie, in amori infiammata, Chiediamo a Dio di renderci sereni di fronte alla tormente. Infine mi ha chiesto di rinnovare l’atto della professione religiosa.”. E per questo vogliamo soffermarci su Dio, totale pienezza che presuppone questo cammino di distacco, di spogliarci di noi per essere del tutto posseduti da Dio. It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website. ... Una risposta a “Preghiera potente a San Giovanni Battista per chiedere una grazia” MAURIZIO ha detto: Giugno 24, 2016 alle 8:07 pm O CARO SAN GIOVANNI SAI LA GRAZIE CHE TI CHIEDO AIUTAMI AIUTAMI AMEN (MAURIZIO) I commenti sono chiusi.

preghiera per la notte di san giovanni

Crisi Economica Germania 1929, Quanto Costa Iscriversi A Tripadvisor, Convento San Domenico Perugia, O Surdato 'nnammurato Accordi, Jaime Nome Femminile, Il Mito Frattocchie, Ritirarsi In Un Monastero,