Introduction: The Ferrata al Pizzo del Becco is a short ferrata that does not present significant technical difficulties. Il minimalismo orobico fa sì che uno si debba immaginare che la scritta C.B. Carona è un groppo in fondo alla gola brembana, ma guardando Piero vedo che la soddisfazione per la bella escursione e la prima rampata lo ha davvero beccato in mezzo al petto. Pochi metri prima di raggiungerlo si stacca sulla sinistra un sentierino che alzandosi rapido sul lago (splendida vista sulle acque blu e sul dirupato Monte Aviasco dominante l’altra riva) si dirige nella zona dei grandi massi alla base della parete sud del Pizzo Becco. Presso queste immani pietre il sentiero si smarrisce e bisogna seguire i segni e le frecce rosse tracciate con la vernice. Pizzo del Becco is a mountain of Lombardy, Italy. Quando la raggiungiamo, Piero è così contento che decide di non farsi mancare la Nebbia Totale, perché sennò le foto sarebbero troppo facili. Oltrepassiamo la diga del Colombo, scendiamo ai Laghi Gemelli e chiudiamo quindi il giro dei laghi raggiungendo il Casere e poi l’elegante contorno del Lago Marcio, splendido specchio d’acqua che sentitamente ringrazia per la fiducia datagli dai cartografi locali. Seduti sotto la croce mangiamo panini al gusto di ferro di catena, poi due parole sul libro di vetta e altre chiacchiere amiche. La ferrata del Becco è perfetta per approcciarsi al mondo dell’arrampicata: ti dà un’idea di quel che ti aspetta, ti costringe a qualche fatica inedita, c’è ovviamente un minimo rischio se come noi la fai senza cordino, ma tutto è breve e fattibile, alla fine sono solo una settantina di metri e se la prendi senza paura in 15 minuti sei fuori dal tratto impegnativo. Se dovesse cadere lui… beh, potremo sempre cercare di recuperare la “scatola nera” marcata Canon… Piero ci segue, e scala, e sbuffa, e fotografa, e sbuffa ancora, le prime nebbie nel frattempo risalgono i pendii e le nuvole si siedono sulle cime. It is located within the Bergamo Alps. Devo proprio essere un umano, non riesco a farmene una ragione. I massi color vinaccia si alternano ad altri blocchi sfumati sul verde, col sole questo posto dev’essere uno spettacolo. Prendiamo a sinistra la cresta e saliamo per tracce di sentiero e brevissimi tiri di catena sino alla cima del Becco, ormai a soli 15-20 minuti dalla bocchetta. Superato con qualche attenzione un salto di roccia, giungiamo al Passo di Sardegnana, ampio valico poco frequentato e con laghetto per anime solitarie come gli omini di pietra, qui in versione watussi. Sul tratto impervio accelero e prendo qualche metro di vantaggio prima di fermarmi a togliere le fide Nike da running e infilare gli scarponi. Un mondo alieno di rocce dirupate e grumi di massi violacei, un luogo aspro ma fascinoso anche nella marea di nebbia che sta allagando la montagna. Dopo le recenti ascensioni al Tre Confini e al Cabianca, un Piero sempre più in forma mi chiama e mi dice “Avrei voglia di provare a fare il Pizzo del Becco.”Bisognerà non farsi venire le vertigini e abbracciare qualche petto di roccia, ma lui ne è consapevole e mi dice che tutto sommato si sente pronto, che se non lo fa adesso forse poi non lo farà più. Ci sparpagliamo nei dintorni per qualche foto sotto una luce estiva non troppo violenta, poi riprendiamo il bel sentiero 250 (il “giro dei laghi”) che sale al Lago Colombo. Escursione facile fino alla base della Via Ferrata al Pizzo del Becco, classificata quest'ultima AF (Alpinismo facile) fino alla vetta. Il bosco sopra Carona è carico d’umidità ma il sentiero senza strappi e un ritmo tranquillo ci portano freschi al Lago Becco, che a metà mattina è ancora un’oasi di silenzio. Con noi due c’è anche mio cognato Roberto Gasparini, che dopo la sua prima volta sulla ferrata del Becco (l’anno scorso) si farebbe con estremo piacere un secondo giro. Anch’io non ho mai fatto una ferrata intera, ma le prime volte mi eccitano sempre, sia che si tratti di montagne che di donne. Da qui in giù è solo infinita discesa e sfinente mal di piedi. Uno stambecco fa cadere un sasso a una decina di metri da noi, ma Piero stranamente non lo fotografa: uhm, dev’essere proprio al gancio! D’improvviso una femmina di stambecco mi viene incontro e si ferma a due metri da me a leccare le guance di un masso e una barba d’erba. Superiamo una balza che ha perso la neve da pochissimi giorni e qualche residuo nevaio che qua e là si scioglie in pozze grigie. Da Carona al Pizzo del Becco (2507 m.) per via ferrata, con discesa dal Passo di Sardegnana, Lago Colombo e Laghi Gemelli il 25 agosto 2009. È un umano anche lui, dunque. Si torna alla bocchetta ripercorrendo la cresta dirupata, diamo un’ultima occhiata al canale che abbiamo risalito un’ora prima e poi, nelle brume più brumose, ci dirigiamo verso est per aggirare la seconda cima del Becco sul lato nord. Arrivano anche Roberto e Piero e le facciamo un bel book fotografico, mentre sopra di noi due adorabili piccoli sbirciano dal culmine della parete. Si decide che sulla ferrata staremo avanti io e Roberto, così Piero potrà immortalarci se cadremo. However, it is part of a long and quite challenging itinerary that before and after the aided part has some exposed rocks to be done free where you will need a firm foot. Dopo le recenti ascensioni al Tre Confini e al Cabianca, un Piero sempre più in forma mi chiama e mi dice “Avrei voglia di provare a fare il Pizzo del Becco.” Stupenda, va detto. Forse dovevamo fare i preti, chissà. Pizzo del Becco from Mapcarta, the free map. CARTINA - PERCORSO SEGUITO:-Carona (1100 m) > Lago del Becco (2142) > Lago Colombo (2050 m.) > Pizzo del Becco (2507 m.)> Passo di Sardegnana (2300 m. circa) > Lago Colombo > Laghi Gemelli > Lao Casere > Lago Marcio > Carona. Alla fine si esce dal tratto di catene e stando sotto un maestoso torrione sporcato di giallo si guadagna per ripido sentierino la bocchetta di cresta che permette di vedere l’altra faccia del Pizzo Becco. Sul Becco non c’è nessun altro, due ragazze e un uomo che ci seguivano hanno evidentemente rinunciato oppure la capra lanciasassi ha fatto bingo. E così, poche mattine dopo, il lago di Carona ci vede arrivare, anche se per questo non si scompone più di tanto e rimane la consueta bella pozza color acqua e menta. Siamo così al campo base della ferrata, breve sosta per una ghiottoneria e un cicchetto di vino (Piero), via i bastoncini e fuori gli zebedei, il panorama verso la conca dei laghi Gemelli è straordinario ma la mente è già diretta verso il canalino verticale sopra di noi: la catena ci chiama, Piero pare meno entusiasta di un pendolare del lunedì mattina, ma non per questo abdica né mette via la macchina fotografica. sopra un sasso significhi Cima Becco, ma se riuscite a farlo non vi perderete e proprio lassù quell’indicazione sobria vi porterà. La discesa verso il Lago Colombo è ora semplice anche se non breve, ne approfittiamo per discutere di toponomastica alpina anche perché l’urgenza mia e di Piero di battezzare tutto è costante. E’ questa una zona morenica davvero suggestiva che ci porterà al Passo di Sardegnana, e che non avendo un vero sentiero va percorsa seguendo esclusivamente gli ometti di pietra, peraltro in gran numero. Bisognerà non farsi venire le vertigini e abbracciare qualche petto di roccia, ma lui ne è consapevole e mi dice che tutto sommato si sente pronto, che se non lo fa adesso forse poi non lo farà più.

pizzo del becco pieroweb

Uber Eats Bologna Lavora Con Noi, Vincenzo Catania Marito Di Rossella Izzo, Scelta Per La Destinazione Del Due Per Mille Dell'irpef, Novena A Padre Pio Preghiere Per La Famiglia, Significato Nome Erika, Pesca A Mosca Vezza D'oglio, Esodo Significato Religioso, Cassius Community Plane Discere 1 Esercizi Svolti, Le Barchette Di San Pietro, Una Canzone Per Te Film Streaming Megavideo,